A proposito de Il racconto dei racconti

il-racconto-dei-racconti-2

Tale of Tales – Italia/Francia/Regno Unito 2015- di Matteo Garrone

Drammatico/Fantasy/Horror – 134′

Scritto da Francesco Ruzzier (fonte immagine: lapoesiaelospirito.files.wordpress.com)

Sempre​ più frequen​te​men​te​ negli ulti​mi​ tempi è succes​so​ che al cine​ma,​ quando​ si è tratta​to​ di parlare​ del mondo di oggi, gli auto​ri​ abbia​no​ deci​so​ di ambien​ta​re​ le proprie​ storie​ in un tempo che non coinci​de​ con il presen​te,​ proba​bil​men​te​ per bypas​sare​ l’impos​si​bi​li​tà​ di rende​re​ linea​re​ e compren​si​bile​ la frammen​ta​rie​tà​ in cui vivia​mo​.

Matteo Garrone, che con le osses​sio​ni​ contem​po​ranee​ aveva dimo​stra​to​ di destreg​giar​si​deci​sa​men​te​ bene con lo straordi​nario​ Reality, questa​ volta è anda​to​ a pesca​re​ ne Lo Cunto de li Cunti, una raccol​ta​ di 50 fiabe in lingua​ napo​le​ta​na​ scritte​ da Giambat​ti​sta​ Basi​le​ (Napoli,​ 1575-1632), pubbli​ca​ta​ postu​ma​ tra il 1634 e il 1636. Come lo stesso​ regi​sta​ napo​le​ta​no​ ha raccon​ta​to​ nel pressbook​ uffi​cia​le​ del film, la scelta​ delle novel​le​ è stata detta​ta​ dalla vici​nan​za​ delle novel​le​ alle osses​sio​ni​ contem​po​ra​nee:​ «Ho scelto​ di avvi​ci​nar​mi​ al mondo di Basi​le​ perché​ nelle sue fiabe ho ritro​va​to​ quella​ commi​stio​ne​ fra reale e fanta​sti​co​ che ha sempre carat​te​riz​za​to​ la mia ricer​ca​ arti​sti​ca​. Le storie​ raccon​ta​te​ nel Cunto de li cunti passa​no​ in rasse​gna​ tutti gli oppo​sti​ della vita: l’ordi​na​rio​ e lo straordi​na​rio,​ il magi​co​ e il quoti​dia​no,​ il rega​le​ e lo scurri​le,​ il sempli​ce​ e l’arte​fat​to,​ il subli​me​ e il sozzo, il terri​bi​le​ e il soave, brandel​li​ di mito​lo​gia​ e torren​ti​ di saggez​za​ popo​la​re​. Le fiabe raccon​ta​no​ i senti​men​ti​ umani spinti​ all’e​stre​mo»​.

Una volta sele​zio​na​te​ tre novel​le,​ Garro​ne​ è riusci​to​ ad intrec​ciar​le​ abilmente,​ seguen​do​ un filo condut​to​re​ che l’ha porta​to​ a foca​liz​zar​si​ su un aspetto​ della socie​tà​ contem​po​ra​nea​ che più attua​le​ non si può: l’imma​gi​ne. I prota​go​ni​sti,​ come i perso​nag​gi​ di contor​no,​ che popo​la​no​ le tre storie​ rappre​sen​ta​no,​ ognuno​ a suo modo, una parti​co​la​re​ sfuma​tu​ra​ di un’osses​sione​ comu​ne​ al mondo in cui vivo​no,​ nel quale la bellez​za​ e l’aspet​to​ este-​ riore​ sono l’uni​ca​ cosa che conta e dove “il brutto”​ dev’es​se​re​ respin​to​ o elimina​to​. Come lo stesso​ regi​sta​ di Gomor​ra​ ha dichia​ra​to​ «ci ha colpi​to​ la capa​ci​tà​ di queste​ fiabe di coglie​re​ alcu​ne​ osses​sio​ni​ contem​po​ra​nee:​ la smania​ per la giovi​nez​za​ e la bellez​za​ – che Basi​le​ descri​ve​ in modo persi​no​ iperrea​li​sta,​ offren​do​ con quattro​ seco​li​ d’anti​ci​po​ una sati​ra​ della chirur​gia esteti​ca​ di oggi – l’osses​sio​ne​ di una madre pronta​ a tutto pur di avere un figlio,​ il conflit​to​ tra le gene​ra​zio​ni​ e la violen​za​ che una ragaz​za​ deve affron​ta​re​ per diven​ta​re​ adulta»​.

Garro​ne,​ per dipin​ge​re​ con effi​ca​cia​ il suo univer​so​ intri​so​ di fiabe​sca​ magia, deci​de​ di affi​dar​si​ quasi esclusi​va​men​te​ alle imma​gi​ni,​ usando​ i dialo​ghi​ con il conta​goc​ce​ laddo​ve​ stretta​men​te​ neces​sa​rio,​ e facen​do​ così capi​re​ fin da subi​to​ che, anche nella messa in scena, l’impat​to​ visi​vo​ è l’ele​mento​ princi​pa​le​ attor​no​ a cui deve ruota​re​ tutto ed in questo​ modo accompa​gna​ lo sguardo​ dello spetta​to​re​ attra​ver​so​ le meta​mor​fo​si ​fisi​che​ e mora​li​ che i perso​nag​gi​ compio​no​.

In un’Ita​lia​ fuori dal tempo e forse mai così magi​ca​ i sovra​ni​ di tre regni cerca​no,​ non curan​ti​ del rispet​to​ nei confron​ti​ delle altre perso​ne,​ di perse​guire​ i propri​ inte​res​si,​ indu​cen​do,​ in manie​ra​ diret​ta​ o indi​ret​ta,​ anche chi gli sta intor​no​ ad agire nello stesso​ egoisti​co​ modo. Che siano pove​ri​o ricchi, sovra​ni​ o servi, i perso​nag​gi​ de Il raccon​to​ dei raccon​ti ​sembra​no​ esse​re intrap​po​la​ti ​in dei labi​rin​ti​ inva​li​ca​bi​li​ costrui​ti ​dalla loro stessa​ sete di pote​re,​ che non gli permet​to​no​ di trova​re​ il favo​re​ delle perso​ne​ con le quali cerca​no​ di instau​ra​re​ un rappor​to​ since​ro​.

Ad intac​ca​re​ l’armo​nia​ creata​ dalla bellez​za​ di cui tutti cerca​no​ di attor​niarsi,​ ci sono i sacri​fi​ci,​ sia corpo​ra​li​ che etici, che i prota​go​ni​sti​ devo​no​ fare per realiz​za​re​ i propri​ sogni o le proprie​ scala​te​ al pote​re:​ essi vengo​no​ incar​na​ti​ da creatu​re​ mostruo​se​ – realiz​za​te​ con effet​ti​ specia​li ​che non hanno nulla da invi​dia​re​ alle produ​zio​ni​ holly​woo​dia​ne​ – che concre​tiz​za​no, con la magia o con la propria​ morte, i desi​de​ri ​dei vari perso​nag​gi,​ ma che d’altra​ parte presen​ta​no,​ a chi avida​men​te​ gli sfrutta,​ un conto molto sala​to​ da dover paga​re​. Perché​ il mondo rappre​sen​ta​to​ ne Il raccon​to​ dei raccon​ti​ deve per forza di cose mante​ne​re​ un suo perfet​to​ e deli​ca​to​ equili​brio, permet​ten​do​ solo a chi è più avido e deter​mi​na​to​ di soprav​vi​ve​re,​ senza però, in fin dei conti, accon​ten​ta​re​ mai nessu​no​.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: