Un figlio a tutti i costi

un figli oa tutti i costiItalia 2018 – di Fabio Gravina – commedia – 90′Scritto da Sarah Panatta (fonte immagine: imdb.com)

Tra commedia dellarte e cinema indipendente, fatto di gag realmente surreali e ordinaria follia.

Un commercialista stimato, Orazio Pettine e la prorompente moglie designer Anna alle prese con un matrimonio “avanzato” e la difficoltà e insieme l’esigenza di avere figli dopo i famigerati 40 anni. Accoppiamenti a regime, test dai nomi improponibili, psicanalisi, medici sedicenti, metodi alternativi e persino ultraterreni sino alla sorpresa finale.

Fabio Gravina da De Filippo ai lettini del pranoterapeuta, per il suo esordio al cinema.

Nella sfida a non cedere alla volgarità, misurandosi solo con il senso dell’assurdo immanente alla vita stessa nella contemporaneità, fatta di schemi sociali da soddisfare e di insoddisfazioni dell’anima difficili da curare, Gravina dallo spunto biografico delle esperienze tragicomiche di un amico alle prese con la procreazione non troppo assistita, viaggia tra amore, sogni e altri disastri, solcando convenzioni e speranze di una “quasi” famiglia nel caos dell’oggi.

Due coniugi ultra quarantenni spinti dal desiderio di diventare genitori affrontano un turbine di avventure, dall’accoppiamento forzato negli orari “fertili” alla “terapia e pallottole”, fino agli “inseminatori professionisti” con tanto di catalogo della progenie papabile. Dalla sedia della fecondazione allo zampone di porco, dalle fughe cimiteriali alle sette misteriose, fino a che punto si arriva per avere una famiglia senza perderne il senso?

Un gioco e una prova, un conto alla rovescia in un mondo sottosopra, dalla “o” alla “z”, tra donne impazienti e uomini senza “u” maiuscola, in un mondo fuori controllo. Lo scoprirà suo malgrado il protagonista, uomo comune affetto da comuni dubbi e fragilità, interpretato da un sempre mastodontico Fabio Gravina, a suo agio con grazia esilarante e sorniona tanto sul palco teatrale quanto davanti la (propria) macchina da presa. Copioso e vibrante il cast, dal commissario Ivano Marescotti alla stalker psicopatica e ninfomane Paola Riolo, straordinaria, dall’amico psicanalista Stefano Masciarelli ai mille e nessuno e centomila personaggi in cui si moltiplica con un cameo ben costruito Maurizio Mattioli fino all’ambiguo inseminatore Convertini.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: