Segreti di Stato

MV5BMjc5OTU1NDAwNF5BMl5BanBnXkFtZTcwODkzNDQzMQ@@._V1_

Segreti di Stato – Italia 2003 – di Paolo Benvenuti

drammatico – 85 ‘

Scritto da Alessandra P.  (fonte immagine: imdb.com)

Segreti di Stato, del regista P. Benvenuti, focalizza attraverso il processo alla banda di Salvatore Giuliano, svolto a Viterbo nel 1951, un’indagine sistematica sui fatti avvenuti nella storica strage di Portella della Ginestra, in provincia di Palermo. Un avvocato conduce tra colloqui, riflessioni e interpretazioni sulla base di materiali di ricerca documetaria, una decodificazione delle veri storiche inconfessate, tra documenti secretati, e libere deposizioni, una ricostruzione dinamica del drammatico evento profandamente diversa dalle dichiarazioni ufficiali.

 

“Vorrei mostrarle come in Sicilia si giochi la storia d’Italia”

 

Segreti di Stato è un’ope​ra​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ del regi​sta​ Paolo Benvenuti ( Puccini e la fanciulla, Confortorio, Gostanza da Libbiano,​ Il bacio di Giuda) nata da un incon​tro​ rive​la​to​re​ e visce​ra​le​ in termi​ni​ di ricer​ca​ giorna​li​sti​ca​ che inqua​dra​ stori​ca​men​te​ una delle prime stragi​ esegui​te​ all’al​ba​ dell’I​ta​lia​ Repub​bli​ca​na:​ la strage​ di Portel​la​ della Gine​stra, avve​nu​ta​ il primo maggio​ del 1947. Il comman​do​ guida​to​ dal bandi​to​ Salva​to​re​ Giulia​no​ fece fuoco su un corteo​ di duemi​la​ perso​ne​ mentre​ cele​brava​no​ la festa dei lavo​ra​to​ri,​ in provin​cia​ di Paler​mo​. Nella strage​ mori​rono​ 11 perso​ne​ e altre 27 rima​se​ro​ grave​men​te​ feri​te​. Questo​ fatto fu inizialmen​te​ consi​de​ra​to​ dal mini​stro​ dell’In​ter​no​ Mario Scelba un episo​dio​ dai signi​fi​ca​ti​ ende​mi​ci​ alla propria​ realtà​ loca​le,​ ma le inda​gini​ nei mesi succes​si​vi​ mise​ro​ in luce la cause lega​te​ ad elemen​ti​ reazio​na​ri​ in comu​nio​-​ ne con la realtà​ mafio​sa​ del posto, in quanto​ lo stesso​ Salvatore Giuliano era già colon​nel​lo​ della struttu​ra​ clande​sti​na​ para​mi​li​ta​re​ dell’E​vis​. Si sussegui​ro​no​ nume​ro​si​ atten​ta​ti​ contro​ le sedi parti​ti​che​ del PCI e in diver​si​ comu​ni​ sici​lia​ni,​ solle​ci​ta​ti​ da un volan​ti​naggio​ che persua​de​va​ a una ribel​lione​ verso il comu​ni​smo,​ a detta degli inqui​ren​ti,​ compiu​ti​ dallo stesso​ nome sospet​to​ della mede​si​ma​ strage​. Prime inter​pre​ta​zio​ni​ sulle fina​li​tà​ di questa​ dramma​ti​ca​ vicen​da​ osser​va​ro​no​ nel primo obietti​vo​ un’inti​mi​dazio​ne​ verso la sini​stra​ sici​lia​na​ con il conse​guen​te​ scorag​gia​men​to​ dei suoi soste​ni​to​ri,​ l’alleanza​ dei comu​ni​sti​ e dei socia​li​sti​ portò alle elezio​ni​ regio​na​li​ di quello​ stesso​ anno a un supe​ra​men​to​ schiaccian​te​ della Demo​crazia​ Cristia​na,​ con la conse​guen​te​ possi​bi​lità​ di una sua tangi​bi​le​ presen​za al Gover​no​. Il tempo, le inda​gi​ni​ stori​che,​ le succes​si​ve​ rive​la​zio​ni​ condusse​ro​ verso una rico​stru​zio​ne​ più inquie​tan​te​ con il conso​li​da​men​to​ fisi​co di un’ipo​te​si​ non consi​de​ra​ta​ prima: un attac​co​ realiz​za​to​ con la complici​tà​ di membri​ delle istitu​zio​ni​ che lo rende​va​ di fatto la ” Prima strage​ di Stato”. L’ope​ra​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ nasce da un incon​tro​ umano e arti​sti​co​ tra il regi​sta​ Paolo Benvenuti e il socio​lo​go,​ poeta e atti​vi​sta​ della non-​violen​za​ italia​na,​ Danilo Dolci, avve​nu​to​ nel 1996, un anno prima della sua dipar​ti​ta​. Dolci mise a cono​scen​za​ il regi​sta​ di questa​ stori​ca​ strage​. Il sociolo​go​ portò avanti​ per anni inda​gi​ni​ e ricer​che​ siste​ma​ti​che​ lega​te​ a que-​ sta vicen​da​ dopo un perio​do​ di deten​zio​ne​ avve​nu​to​ con l’accu​sa​ di sedi​zione​ per aver capeg​gia​to​ uno sciope​ro​ “alla rove​scia”​ ( consi​ste​va​ in atti​vi​-​ tà lavo​ra​ti​ve​ condot​te​ da perso​ne​ con proble​mi​ di disoc​cu​pa​zio​ne,​ che nel caso speci​fi​co​ riatti​vò​ paci​fi​ca​men​te​ una strada​ comu​na​le​ abban​do​na​ta​ da tempo) nel 1956 , in favo​re​ di conta​di​ni​ in condi​zio​ni​ di indi​gen​za​ sensi​bi​le, e per aver parte​ci​pan​do​ alla ripa​ra​zio​ne​ di una vecchia​ “trazze​ra”​ disse​stata​. La deten​zio​ne​ lo mise in contat​to​ diret​to​ con gli uomi​ni​ della stessa​ banda di Salva​to​re​ Giulia​no,​ dete​nu​ti​ anch’es​si​ nel carce​re​ dell’Uc​ciar​do​ne​ di Paler​mo​ nel quale era stato tradot​to​. Il mate​ria​le​ delle inter​vi​ste​ raccol​to dalla testi​mo​nian​za​ per voce dei bandi​ti​ fu l’ini​zio​ di una lunga inda​gi​ne​ condot​ta​ poi succes​si​va​men​te​ con i suoi colla​bo​ra​to​ri​ su tutto il terri​to​rio​ sici​lia​no​. Mate​ria​le​ raccol​to​ e conser​va​to​ che mise a dispo​si​zio​ne​ del regi​sta Benve​nu​ti​ nel suo Centro​ Studi a Parti​ni​co,​ docu​men​ti​ archi​via​ti​ con la dici​tu​ra​ “Portel​la​ della Gine​stra​ – testi​mo​nian​ze”​. Una colla​bo​ra​zio​ne​ iniziale​ di deco​di​fi​ca​zio​ne​ dei docu​men​ti​ per il regi​sta​ scevro​ di cono​scen​za​ non solo del fatto, ma della trage​dia​ nel suo conte​sto​ stori​co,​ inizian​do​ dalla biogra​fia​ di Salva​to​re​ Giulia​no,​ della Sici​lia​ del dopo​guer​ra,​ del Sepa​rati​smo,​ delle lotte conta​di​ne,​ del bandi​ti​smo,​ etc. Il regi​sta​ si ritro​va​ osserva​to​re​ di una realtà​ stori​ca​ che inizia​ a dira​ma​re​ le sue veri​tà​ sui lega​mi​ cela​ti​ e incon​fes​sa​ti​ tra la crimi​na​li​tà​ orga​niz​za​ta​ ed elemen​ti​ costi​tu​ti​vi​ delle stesse​ istitu​zio​ni​ e della poli​ti​ca​ italia​na,​ una sceno​gra​fia​ che vede le prime luci della Repub​bli​ca​ in connes​sio​ne​ con il bandi​ti​smo​ più effe​ra​to​. Dolci scelse​ il regi​sta​ Benve​nu​ti​ perché​ dichia​rò​ che la sua manie​ra​ di fare cine​ma​ era maieu​ti​co​ “ produceva cioè un vero parto del pensiero” con conse​guen​te​ opera di coinvol​gi​men​to,​ e per parte​ci​pa​zio​ne​ diret​ta,​ che riprende​va​ filo​so​fi​ca​men​te​ tali teorie,​ con una disce​sa​ fisi​ca​ del regi​sta​ nel contat​to​ rivol​to​ alle fonti storio​gra​fi​che​ dei fatti prima, inter​pre​ta​ti​vi​ , in termi​ni​ regi​sti​ci,​ poi. L’inten​zio​ne​ è quella​ di condur​re​ lo spetta​to​re​ entro la trama affi​la​ta​ e comples​sa,​ nonché​ oscura,​ di questa​ vicen​da​ per riabi​li​tare​ aspetti​ della sua veri​tà​ stori​ca,​ demo​lendo​ anni di oscuran​ti​smo​ e omissio​ne​ storio​gra​fi​ca​ non dichia​ra​ta​. Dolci si lasciò​ promet​te​re​ che il film dove​va​ muover​si​ lungo il regi​stro​ della sempli​ci​tà​ e compren​sio​ne​ comune,​ perché​ “Le regole della politica italiana di questo mezzo secolo sono state scritte con il sangue delle vittime di quella strage”. Una pene​trante​ rico​stru​zio​ne​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ dei fatti svilup​pa​ gli ambien​ti​ carce​ra​ri in luoghi​ in cui isola​re​ i prota​go​ni​sti​ per dialo​ghi​ di svela​men​to​ crescen​te, scena dopo scena, in una struttu​ra​ teatra​le​ dove aprire​ gli ambien​ti,​ atto per atto, in manie​ra​ conse​quen​zia​le​ e limi​ta​ta​ negli aspetti​ fisi​ci​ delle strutture,​ muoven​do​ la sensa​zio​ne​ di accer​chia​men​to​ senza possi​bi​li​tà​ di fuga connes​sa​ alle rive​la​zio​ni​ duran​te​ le libe​re​ depo​si​zio​ni​ e negli spazi proces​suali​. Si gene​ra​no​ interro​ga​to​ri​ per cana​li​ visi​vi​ e comu​ni​ca​ti​vi​ dove lo spetta​to​re​ è coinvol​to​ in una ripre​sa​ spesso​ ogget​ti​va,​ per inqua​dra​tu​re​ strette​ su suoi perso​nag​gi,​ in parti​co​la​re​ sul prota​go​ni​sta​ Pisciotta, inter​preta​to​ da un magi​stra​le​ David Coco ( L’uomo di Vetro, L’ultimo dei Corleonesi, Giovanni Falcone) duran​te​ i suoi collo​qui​ dissi​gil​lan​ti​ le veri​tà​ del fatto. Il regi​sta​ costrui​sce​ l’appa​ra​to​ narra​ti​vo​ sulla base delle dichiara​zio​ni​ di Pisciot​ta,​ entro confi​den​zia​li​ comu​ni​ca​zio​ni​ con l’avvo​ca​to​ (Antonio Catania), in collo​qui​ che aprono​ visio​ni​ orizzon​ta​li​ entro inquadra​tu​re​ ritrat​ti​sti​che​ subli​man​do​ gli sguardi​ e la gestua​li​tà​ del prota​go​nista,​ volto icono​gra​fi​co​ di una tradi​zio​na​le​ bellez​za​ di quelle​ terre, con la carna​gio​ne​ sara​ce​na​ e i suoi sguardi​ pene​tran​ti​ e le inquie​tu​di​ni​ per natu​ra​ date dal suo passa​to​ stori​co​. La dire​zio​ne​ della foto​gra​fia​ (Giovanni Battista Marras) è un’esten​sio​ne​ tangi​bi​le​ della vicen​da​ e le sue psico​lo​gie​ comu​ni​can​ti​ per contra​sti​ chiaro​scu​ra​li​ negli spazi e per decli​na​zio​ni​ verso cromie​ colo​ri​sti​che​ quasi assen​ti,​ un rappor​to​ asso​pi​to​ e cupo comu​nican​te​ tra ambien​ti​ e perso​ne,​ tra abiti e cose, avvol​ti​ come la natu​ra​ di questa​ vicen​da​ da un inso​lu​to​ stori​co​ che pene​tra​ vivi e morti in una luttuosa​ moria dei colo​ri,​ una luce natu​ra​le​ spezza​ta​ da questo​ medium​ delle atmo​sfe​re​ sospe​se​. I detta​gli​ narra​ti​ sono spesso​ rita​glia​ti​ come uno story​-​ board dise​gna​to​ a mati​ta,​ non per imma​gi​na​zio​ne​ creati​va​ asso​lu​ta,​ come preve​de​ la sua identi​tà​ comu​ni​ca​ti​va,​ ma una lieve contrad​di​zio​ne​ signi​fi​cante,​ per non esse​re​ la rappre​sen​ta​zio​ne​ della veri​tà​ stessa,​ ma una rappresen​ta​zio​ne​ della realtà​ che, contra​ria​men​te,​ con l’uso di atto​ri​ avrebbe​ creato​ un equivo​co,​ con la presun​zio​ne​ di propor​re​ certez​ze​ asso​lu​te​ mediante​ rico​stru​zio​ni​ cine​ma​to​gra​fi​che​. Rico​stru​zio​ni​ propo​ste​ diver​sa​men​te allo spetta​to​re​ come un documen​to​ per imma​gi​ni​ impri​mi​bi​li​ nella memoria,​ scalzan​do​ l’ela​bo​ra​zio​ne​ di innu​me​re​vo​li​ fasci​co​li​ docu​men​ta​ti​ rimasti​ secre​ta​ti​ in parte anco​ra​ oggi (docu​men​ti​ origi​na​li​ sono stati utiliz​za​ti dura​te​ le ripre​se​ di alcu​ne​ scene del film). Forme alter​na​ti​ve​ di messa in scena, come l’ana​li​si​ della vicen​da​ sui movi​men​ti​ del plasti​co​ di quel luogo, le siga​ret​te​ di Cacao​va,​ le carte alli​nea​te​ nella rico​stru​zio​ne​ logi​ca​ dei fatti e la loro fragi​li​tà​ di disper​sio​ne,​ sino agli ogget​ti​ dello stesso​ profes​so​re​ (Sergio Graziani). La meta​fo​ra​ del vulca​no​ è utiliz​za​ta​ per indi​ca​re​ un percor​so​ disse​sta​to​ per depi​stag​gi​ e dichia​ra​zio​ni​ falla​ci,​ per la comples​si​tà del percor​so​ verso la cima, celan​te​ per natu​ra​ stessa​ del magma che si conse​gna​ in evolu​zio​ne​ a una possi​bi​le​ esplosio​ne,​ al fuoco, ai lapil​li,​ una defla​gra​zio​ne​ natu​ra​le​ delle veri​tà​ e dei fatti che discen​do​no,​ fluttuan​do​ a terra, con le sue vitti​me​. Questa​ è la struttu​ra​ portan​te​ dell’o​pe​ra​ cine​ma​togra​fi​ca​ di B., senza nessuna​ prete​sa​ di reali​smo,​ ma svilup​pan​do​ sensi​bilmen​te​ il profi​lo​ rifles​si​vo​ e di ricostru​zio​ne​ dei fatti, per stazio​ni​ di un itine​ra​rio​ logi​co,​ per mostra​re​ una rico​stru​zione​ alter​na​ti​va​ della vicen​da​. Ogni perso​nag​gio,​ in un movi​men​to​ cora​le,​ è atto ad essere​ elemen​to​ funziona​le​ per mante​ne​re​ vivo e costan​te​ il percor​so​ conse​quen​zia​le​ delle sue doman​de​ e rispo​ste,​ per dichia​ra​re​ espressa​men​te​ l’incli​na​zio​ne​ del film, un film sull’in​ter​pre​ta​zio​ne​ e sul pensie​ro,​ gene​ran​do​ una discus​sio​ne​ inti​ma dentro​ lo spetta​to​re​ e la capa​ci​tà​ criti​ca​ di demo​li​re​ alcu​ne​ certez​ze​ acquisi​te​ in questo​ tempo, e sulla vicen​da​.

 

Voto: 7

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: