Parola di Dio

student_00

The Student – (M)uchenik – Russia 2016 – di  Kirill Serebrennikov

Drammatico – 118′

Scritto da Beatrix Kiddo (fonte immagine: filmtv.it)

Alle ragazze non dovrebbe essere concesso partecipare alle lezioni di nuoto in bikini, insegnare educazione sessuale a scuola è sbagliato. L’evoluzionismo è una teoria non provata e dovrebbe essere affiancata al creazionismo. Queste e altre osservazioni il giovane Vieniamin, in piena crisi mistica, muove a chi gli sta intorno, citando i passi più cruenti della Bibbia e tentando di imporre anche a scuola la sua ortodossia estrema. La sola voce che si contrapporrà a lui è quella di Elena, giovane professoressa di biologia imbevuta di scienza e razionalismo. Ma come si può rispondere con la sola ragione a chi nutre una fede cieca?

Se il film di Soldini è stato una vera e propria boccata di aria fresca, lo stesso non si può certo dire di un’altra anteprima presentata al Biografilm 2016, The Student, scritto e diretto da Kirill Serebrennikow. Serebrennikow viene dal teatro e porta sullo schermo una pièce del drammaturgo tedesco Marius Von Mayenburg. Il titolo originale “ (M)uchenik” e’ un gioco di parole tra i termini russi “muchenik” che significa martire e “uchenik” studente.

E pronto al martirio si dichiara Vieniamin, adolescente rabbioso la cui ribellione sfocia nella lettura ossessiva della Bibbia e nel tentativo di imporre a tutti la sua visione estrema. Vieniamin non accetta contraddittorio, con lui non c’è possibilitá di discussione alcuna, Vieniamin vomita astio e frustrazione addosso a chiunque attraversi la sua vita. A dimostrazione di come la religione sia effettivamente l’oppio dei popoli Vieniamin sfoga i suoi deliri su una madre troppo “occupata” a cercare di mettere insieme il pranzo con la cena e distrutta dai sensi di colpa, ha cacciato di casa un marito probabilmente violento sicuramente fedifrago, ripete continuamente “ho tre lavori”. Ma, soprattutto, li sfoga a scuola. E proprio contro la scuola

Serebrennikow punta il dito. Chiusi in una realtà grigia e monotona, che non offre loro quasi nulla, i compagni per la maggior parte sono un branco di bulli pronti a tiranneggiare i più deboli e interessati soltanto al sesso, a loro Vieniamin pare nulla di più di un buffone. Ad uscirne peggio sono gli insegnanti. Ottusi, chiusi, non vedono il pericolo rappresentato da Vieniamin o forse ne hanno talmente paura che lo assecondano in tutto e per tutto. La sola a contrastarlo sarà una giovane professoressa di scienze; ma si troverà a combattere contro un muro di gomma. Pagherà lei il prezzo più alto, ma soprattutto lo pagherà il compagno più debole di tutti. Serebrennikow porta sullo schermo la debolezza umana. La rabbia giovane, la frustrazione per non riuscire a farsi forse ascoltare sono terreno fertile per ogni estremismo, capace di uccidere le menti più deboli. Interpretato da un gruppo di attori molto bravi e dalla fisicità perfetta per i loro personaggi, molti di loro hanno recitato anche nella pièce teatrale, immerso in una fo- tografia grigia sottolineato da una colonna sonora tanto bella quanto brutale, The Student è un film glaciale che lascia un senso di profondo straniamento nello spettatore alla fine della visione, insieme a parecchie domande senza risposta.

Voto: 7

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: