Terminator Salvation

terminator salvation

USA/Germania/GB/Italia 2009 – di McG – fantascienza – 115′Scritto da Gabriele Niola (fonte immagine: imdb.com)

Ci siamo arrivati. Siamo nel tanto temuto futuro in cui Skynet ha preso coscienza di sè e comanda un esercito di macchine nella guerra contro gli uomini per il controllo della Terra. E gli uomini, asserragliati in gruppi di ribelli, per sopravvivere si sono organizzati attorno alla voce di John Connor veicolata ogni sera dalla radio. Nelle lande desolate però si aggira un personaggio che non sembra schierato da nessuna delle due parti, gira con gli uomini ma non è attaccato dalle macchine. L’esercito di robot da par suo appare preso dalla ricerca di qualcuno che non è John Connor.

Terminator Salvation mette in scena quel futuro annunciato nei precedenti episodi arrivando al compimento della saga. Ma in realtà non è così. Mostrare il futuro che negli altri film era il grande spauracchio in grado di attivare la trama si rivela la scelta peggiore possibile e di certo non il compimento della saga che ha senso perchè tesa verso il futuro. Le storie avvincenti dei primi due film di Cameron, ma anche il fiacchissimo terzo episodio, utilizzando la paura per il futuro riuscivano in pieno a centrare il punto fondamentale della fantascienza, ovvero la lotta per un domani migliore, e la proiettavano nel presente grazie allo scontro tra due esseri (o due macchine). Far vedere questo futuro non solo lo svilisce, perchè nei racconti di chi arrivava nel presente era migliore, ma lo rende anche improbabile, simile ad altri film, un po’ triste e decisamente non affascinante.

E il fatto che poi John Connor sia un personaggio realmente carismatico lo si deve solo al lavoro fatto dagli altri film che sono stati in grado di costruire il suo mito. Nel quarto episodio infatti è solo uno dei tanti eroi d’azione che si sono visti sul grande schermo, giusto la memoria di ciò che ne diceva la madre e del suo incredibile vissuto (gli altri Terminator che lo cercavano nel presente) ci ricorda perchè ci piacesse tanto.

Terminator Salvation non è un film della saga di Terminator, pur essendo più godibile dell’episodio precedente (ma era facile!) è un blando film d’azione a sfondo battagliero che saccheggia a piene mani da Blade Runner quando è costretto a mostrare il futuro fantascientifico e che non riesce mai a centrare il punto focale della saga: il contrasto tra ciò che siamo noi e ciò che sono le macchine. Nonostante utilizzi un personaggio che questo contrasto lo incarna non c’è mai dialettica vera e la vittoria umana è solo una vittoria del libero arbitrio non dello spirito sulla materia. Mostrare il vecchio T-800 che porta con sè un bagaglio di sentimenti e sensazioni legati ai vecchi film decisamente non è stata una trovata furba…

Voto: 5

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: