L’illusionista

l'illusionistaL’illusionniste – Francia/GB 2010 – di Sylvain Chomet – animazione/commedia – 80′Scritto da Gabriele Niola (fonte immagine: imdb.com)

Al centro di L’Illusionista c’è un’illusionista nell’era che vede il tramonto dei teatri, della rivista, del vaudeville e di tutto quello che volete accomunare alle forme di spettacolo più ingenue e apparentemente autentiche.

L’illusionista del titolo non è molto capace, ricicla sempre i soliti tre-quattro trucchi e al giorno d’oggi riesce a fare colpo unicamente su gente di paese, tanto che nella sua tourneé in Scozia conosce una ragazza talmente più giovane di lui da affezionarcisi come ad un padre e viceversa. La coppia gira le ultime città del tour, lui le fa i regali mascherandoli da trucchi magici, lei ci crede ma i giorni dello spettacolo sono ormai agli sgoccioli. Su sceneggiatura mai realizzata (e un motivo ci sarà) di Jacques Tati,  Sylvain Chomet, su invito della figlia dell’attore/regista franco-russo, realizza un film à la Tati ma con sensibilità chometiana. Il risultato purtroppo è che le tante sensibilità e le tante cose interessanti che si erano viste in Appuntamento a Belville mancano. Il difetto più evidente di Chomet, ovvero l’attrazione per un tipo di cinema e un tipo di idea di mondo fuori dal tempo, si manifesta in pieno e senza remore. Contando su una sceneggiatura effettivamente proveniente da un altro tempo il regista francese sembra voler tentare di girare un film d’altri tempi, tempi che, per definizione non ci sono più e che sullo schermo pesano come macigni.

L’idea moderna di raccontare una storia di personaggi e di individualità, svincolata dalle necessità di intreccio, cozza con tutto il resto dell’impostazione, specie con le critiche all’acqua di rose al mondo dello spettacolo e al cambiamento culturale. Va bene il pamphlet antitecnologico, anti-modernista e nostalgico dei bei-tempi-andati-che-non-ritorneranno-più, ma che non sia il centro del film, che ci sia qualcosa di più! Con un’animazione vecchio stampo e una bravura che tutti gli riconoscono fin dalla sua precedente opera (che è anche il suo esordio), Chomet si loda e si sbroda senza senso apparente. Il suo illusionista in un modo che ha dimenticato certi valori, vaga senza un perchè e senza generare vera empatia. Il rischio (che si materializza puntualmente) è che la patina nostalgica conquisti i più e scaldi i cuori senza vere motivazioni.

Voto: 5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: