Janis

52811

Janis: Little Girl Blue – Stati Uniti 2015 – di Amy Berg

Documentario/Biografico/Musicale – 103′

Scritto da Maria Vittoria Novati (fonte immagine: comingsoon.it)

Janis Joplin è stata un’icona rock e una dea della musica, ma dietro le apparenze si celava molto più di questo. La regista candidata all’Oscar Amy Berg e il produttore premio Oscar Alex Gibney guardando oltre la Janis rock ‘n roll in Janis, svelando dietro la leggenda una donna gentile, sensibile e al contempo potetente, nella storia esemplare della breve, turbolenta ed epica esistenza che ha cambiato per sempre il mondo della musica.

Amy Berg si cimenta nel proporre la storia di un’icona rock attraverso un documentario molto classico, sia nel montaggio sia nella struttura della storia. Janis viene presentata allo spettatore in tutta la sua fragilità a partire dalla sua infanzia, adolescenza, fino ai suoi grandi traguardi e alla tragedia della droga. Dietro quella voce così potente si nascondeva una persona insicura, continuamente bisognosa di amore, affetto e apprezzamento. Il racconto così impostato ci permette di entrare in empatia con quella che, prima di essere una “rockstar”, è anzitutto una ragazza. Molto interessante per chi conosce poco questo personaggio, meno per i fan di Janis, poichè infatti il documentario non propone molto più di quello che non si sappia già. Nonostante lo sforzo della regista sia stato ampiamente applaudito dal pubblico di Venezia 72, il film avrebbe potuto offrire molto di più a livello stilistico, data la materia trattata. Esistono molti altri documentari su personaggi del mondo della musica in cui si sfrutta molto meglio la commistione tra linguaggio cinematografico, narrazione e musica; Amy Berg si limita invece ai documenti, alle foto d’epoca e ai racconti di amici e parenti. Una forma classica di documentario, appunto, ma che in alcuni momenti rischia di essere faticosa e lo spettatore può respirare un po’ nei vari momenti in cui Janis viene mostrata sul palco, con performance da brivido.

Una buona opera divulgativa, ma non abbastanza per il personaggio trattato.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: