Sono Tornato

54147

Sono Tornato – Italia 2018 – di Luca Miniero

Commedia/Drammatico – 100′

Scritto da Francesca Totaro (fonte immagine: comingsoon.it)

Roma, Porta Alchemica 2017: Benito Mussolini piove magicamente dal cielo determinato a riconquistare il nostro Paese. Convinto di essere ancora nel 1945, il Duce (interpretato da Massimo Popolizio), passeggiando per le vie della capitale, realizza che qualcosa in Italia è cambiato. Il suo disprezzo per l’innovazione sociale e politica non tarda a diventare, agli occhi dei cittadini italiani, pura comicità.

Sono tornato‘ è un’opera che nasce dalla collaborazione tra il regista Luca Miniero e lo sceneggiatore Nicola Guaglianone. Il primo famoso per le commedie italiane che hanno avuto un ruolo fondamentale nello scenario comico dell’ultimo decennio (Benvenuti al Sud; Benvenuti al Nord; Un boss in salotto). Il secondo, che ha esordito nel mondo del cinema con la stesura di ‘Lo chiamavano Jeeg Robot‘ e ancora ‘Indivisibili‘ e ‘Benedetta follia‘, ha ricevuto con ‘Sono tornato‘ il premio Flaiano per la sceneggiatura. La storia prende ispirazione dal film tedesco del 2015 ‘Lui è tornato‘ che racconta di come misteriosamente Adolf Hitler sia ritornato in patria decenni dopo la sua morte.

Andrea Canaletti (Frank Matano) è un’aspirante regista alla ricerca del successo. Il film si apre con il suo desiderio di realizzare un documentario ma le sue idee, come afferma anche il suo superiore, non sono innovative e non incuriosiscono lo spettatore medio. Durante una delle sue riprese, Canaletti filma involontariamente la caduta di un uomo misterioso che solo dopo si scoprirà essere il temutissimo Benito Mussolini. Canaletti non può farsi sfuggire un’occasione così allettante e propone, al Duce resuscitato, di creare un documentario sul suo ritorno.

Il loro accordo dà vita alla terza protagonista del film: la televisione, che rappresenta il vero collante tra i due personaggi. Il mezzo di propaganda per le masse diventa un vero palcoscenico per il Duce, che sfrutta questo potente ponte comunicativo per ricreare il suo ‘esercito’ e realizzare la sua missione ultima. Ma, mentre in origine era lui il creatore della propaganda, adesso la sua figura viene a poco a poco risucchiata dai suoi meccanismi diffamatori.

Sono tornato‘ è una commedia divertente e a tratti riflessiva che si sviluppa su diversi piani narrativi. Divertente perché rispecchia al meglio i classici canoni della commedia contemporanea, con l’aggiunta di una nota di sarcasmo e ironia cinica incorporata nel protagonista (elemento che si distanzia dalla personalità del co-protagonista Matano, che si presta bene ad essere una spalla per le battute di Popolizio). Riflessiva perché alla fine dei giochi lo spettatore rimane con l’amaro in bocca. Pur essendo così surreali, le offese mosse dal Mussolini contemporaneo non sono altro che una descrizione fedele a ciò che il nostro Paese ed i suoi abitanti sono diventati nel corso degli anni.

All’interno della pellicola vengono riportate anche delle interviste rivolte ai passanti. La domanda che viene posta di frequente è ‘Cosa accadrebbe se ritornasse Mussolini al potere? E come verrebbe accolto dai nostri concittadini?’. Il film di Miniero non punta ad un insegnamento ne tanto meno vuole essere una critica per la situazione politica attuale, semplicemente pone delle domande alla quale nessuno sa veramente dare una risposta. Lo scopo ultimo del film è quello di far nascere degli interrogativi nello spettatore in modo da aprire una riflessione sui cambiamenti e sull’evoluzione dell’uomo e dell’Italia.

Nonostante le delicate tematiche analizzate nell’abito narrativo, la vera carta vincente di ‘Sono tornato‘ è l’interpretazione magistrale di Massimo Popolizio che ricalca le movenze, la postura, il linguaggio e le espressioni del Mussolini degli anni ’40, rendendo il suo personaggio realistico ma allo stesso tempo moderno. L’attore e doppiatore italiano dedica una lunga preparazione per arrivare al risultato finale, regalando al film una patina di verismo che lo rendono altamente coinvolgente a livello visivo ed empatico.

Voto: 9

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: