Ricky – Una storia d’amore e libertà

ricky - una storia d'amore e libertàRicky – Francia 2009 – di François Ozon – commedia/fantastico –  89′Scritto da Alessandro Naboni (fonte immagine: imdb.com)

Che François Ozon sia un autore e regista raffinato (a volte troppo intellettualmente snob), lo si vede in tutte le sue opere (8 donne e un mistero e Swimming Pool su tutti). Di certo è un personaggio i cui film possono dare grandi soddisfazion, ma anche no.

Con Ricky ci porta in una periferia che non ha nulla da invidiare a quelle inglesi di Ken Loach, anche se meno dura, meno condannata e dove una speranza di miglioramento c’è sempre, che sia una vincita al lotto, un nuovo amore o la nascita di un figlio.

Così, dall’incontro tra una giovane operaia (interpretata dalla brava Alexandra Lamy) e un emigrante spagnolo, nasce Ricky. Non viene alla luce per caso, come uno dei bambini non voluti delle periferie altrettanto difficili dei Dardenne. Ha uno scopo preciso: riportare la serenità/felicità nella vita di una quasi-famiglia tanto fragile quanto giovane, offrirgli una possibilità di ricominciare.

Il suo quasi-angelico arrivo cambia la loro vita, lentamente, quando dei lividi sulla schiena si fanno col tempo ali da cigno. Riavvicina madre, figlia e nuovo compagno in un abbraccio straordinariamente commovente nel suo essere normale, sulle note di The Greatest di Cat Power, lo stesso pezzo che faceva commuovere durante la relazione Jude LawNorah Jones in My Blueberry Night (Un bacio romantico) di Wong Kar-Wai.

Ozon ci prova a portare la magia in una realtà ostica, dove il problema non è la scelta delle vacanze, del vestito da comprare o del tronista da corteggiare, ma (soprav)vivere. E se l’intenso finale, per quanto scontato, fa uscire dalla sala con un sorriso e un po’ di commozione, è difficile dimenticarsi che il film stenta a decollare, limitandosi spesso a planare a pochi metri da terra senza spiccare il volo come Ricky.

Come in Angel, anche questo film lascia una sensazione di insoddisfazione, di qualcosa di imperfetto, quasi manchi sincerità in un quadretto che rischia di essere solo un esercizio di stile, pure senza rendere evidente alcuna furbizia narrativa.

Nell’ottimo cast, spicca la bravissima Mélusine Mayance che interpreta la figlia di sette anni: nel suo sguardo innocente-ma-a-tratti-maturo, si può trovare un po’ di Stella, di Amelie, piccole donne accomunate dal dover crescere più in fretta di tante coetanee più o meno viziate.

Coproduce l’italiana Teodora Film che all’inizio della pellicola ci tiene a precisare che la distribuzione è completamente indipendente.

Consigliato? Dipende. Se uno è a digiuno di film d’autore, direi che di certo non gli può fare male.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: