Project X

2012, Stati Uniti, di Nima Nourizadeh, Commedia, 88′. Scritto da Alberto Longo (Fonte immagine: MyMovies)

Thomas, Costa e JB sono tre anonimi studenti, poco considerati dalle ragazze e insulsi per i coetanei. In occasione della festa di compleanno di Thomas, i tre organizzano una festa per ribaltare il loro status sociale. Sarò una nottata indimenticabile per loro, i partecipanti e l’intero vicinato. Chi non ha mai sognato una festa coi fiocchi per il proprio compleanno? E magari esagerando anche un po’ per spezzare routine e tabù? Nima Nourizadeh, regista di video musicali per artisti di grosso calibro, ce ne regala una, pescando a piene mani dai desideri più sfrenati dei teenagers e festaioli americani. Lo zampino di Todd Philips, regista di “The Hangover- Una notte da leoni” e il fortunato sequel (The Hangover 2- Una notte da leoni 2), qui alla produzione, si sente marcatamente per quel gusto del demenziale e dell’inverosimile che aveva reso il suo “trio di leoni” campione d’incassi e risate.

Il film ricorre al mockumentary, uno stile che si richiama al genere documentaristico per mezzo di camere digitali, cellulari, televisioni, alternandosi poi a riprese vere e proprie per far entrare a capo-fitto lo spettatore nella festa, rompendo la famosa “quarta parete”; l’effetto è ottimo e il risultato si farà sentire molto sui più giovani. Se si dovesse riassumere in poche righe il film, si potrebbe dire che è la realizzazione per esteso e dal vivo delle follie che nei film “Una notte da leoni” venivano mostrate a frammenti o nelle fotografie dei titoli di coda. Il divertimento è allora assicurato? Sicuramente lo è per i più giovani e per gli amanti delle commedie senza assoluto impegno, perchè “Project X“non è altro che un’orgia di immagini e musica trance, condita da episodi inverosimili e personaggi anonimi, frutto di un esperimento visivo ben fatto ma senza alcunchè di veramente nuovo.

Fotografia e montaggio sono i punti forza del film, che molto sacrificano della sceneggiatura, volutamente esagerata tra volgarità, indecenza e situazioni assurde. L’interpretazione degli attori non professionisti è credibile; tuttavia i loro personaggi risultano decisamente più sboccati e idioti del gruppo di Doug, Phil e Stu, rendendo difficile provarne sincera simpatia.
La colona sonora è composta da pezzi dance e commerciali perfettamente a tema; c’è spazio anche per un famoso brano dei Metallica che ben s’inserisce nel contesto del pandemonio. In breve… Pro-ject X è la festa che molti teenagers vorrebbero ed è l’incubo di molti genitori. Un mockumentary per spegnere il cervello e darsi a droga, sesso e senza tanti complimenti con un buon montaggio, sceneggiatura scarnissima e volutamente idiota, attori non professionisti decisamente sboccati. Adatto a ragazzi e ai festaioli intramontabili come Todd Philips. Moralisti e amanti del buon cinema: beware!

Voto: 5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: