Correndo Atràs

 

 

Brasile, 2018 – di Jeferson  De – commedia – 86′

Recensione  di Maria Vittoria Guaraldi   (fonte immagine: MyMovies)

 

Correndo Atràs, presentato alla tredicesima edizione  della Festa del cinema di Roma, è un film diretto dal regista brasiliano Jeferson De. Racconta una storia di riscatto sociale e di aspirazioni personali. Paulo Ventania, detto Burrasca, sopravvive vendendo chincaglierie per le strade di Rio de Janeiro. Un giorno conosce per caso un ragazzo, Glanderson, che ha un talento formidabile per il calcio. Grazie alla sua creatività e parlantina Ventania cercherà di realizzare il sogno del ragazzo di diventare un calciatore professionista e di cambiare vita. Jeferson  De traccia una vicenda intrisa di colori e di speranza di una vita migliore immergendosi nella Rio de Janeiro e in San Paolo. Le inquadrature vanno dalle figure intere, a primi piani e dettagli. Sono presenti anche due inquadrature dall’alto.  Il ritmo è regolare ma alcune scene sono rallentate o rese più veloci. Il regista ci mostra le realtà variegate del Brasile: dalla gente che si guadagna da vivere confezionando cibo o gestendo una bancarella al mercato a quella che vive nei grattacieli di San Paolo.

Aìlton Graça, attore brasiliano, interpreta Ventania. La sua allegria e il suo altruismo sono il perno centrale del film: è lui il vero motore della storia che porta avanti ben due sogni. Il suo voler fare del ragazzo un campione si intreccia con suo desiderio di cambiare vita senza essere più sommerso dai debiti e vittima di gente che lo vuole sfruttare. Juan Paiva, altro attore brasiliano, interpreta Glanderson. È un ragazzo pieno di sogni, di amici. Si fida del suo nuovo amico e allenatore e  insegue i suoi obiettivi  senza mai abbattersi. Rispetto a Ventania il suo personaggio rimane in disparte e la sua personalità non viene tracciata in maniera completa. Ventania occupa parecchio posto nella storia e non si approfondisce quello che prova il ragazzo davanti a un cambiamento così radicale della sua vita.

Nel complesso il film è una storia ben riuscita che mette in luce due vicende personali pennellando anche con poche inquadrature le realtà che le circondano. Riesce ad essere un prodotto gradevole per tutti soprattutto perché zucchera gli aspetti più duri e violenti di cui la società è intrisa. Inoltre è una storia di formazione dove un ragazzo fa di un difetto un pregio e si prepara per una nuova vita. È un sogno a colori che si riflette non solo per le strade ma anche nei cargo sulla nave che  porta verso una nuova vita.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: