Viva la sposa

viva la sposaItalia 2015 – di Ascanio Celestini – commedia – 85′Scritto da Giulia Bramati (fonte immagine: imdb.com)

Nicola trascorre le sue giornate alternando sambuca e birra al bar del quartiere. Dopo aver investito un uomo che truffava le assicurazioni simulando incidenti, inizia un viaggio on the road per le vie del quartiere, incontrando una serie di stravaganti personaggi, ognuno con una storia da raccontare.

“Come ero buffo quando ero un uomo in carne e d’ossa, come sono contento di essere diventato un burattino di legno”. Inizia così il nuovo stravagante film di Ascanio Celestini, cantastorie e sognatore, che offre una disillusa visione sull’Italia, giocata su metafore e allegorie. Giunto alla sua seconda esperienza cinematografica dopo La pecora nera (2010), Celestini conferma il suo indiscutibile talento nella narrazione, mettendo in scena la storia di Nicola, un quarantenne alcolizzato senza fissa dimora che trascorre le sue giornate tra il bar del quartiere e un vecchio furgoncino. Viva la sposa è un improbabile on the road, in cui la strada però è a fondo chiuso e non è possibile trovare una via di uscita. Il protagonista non è un vincente, ma al contrario un fallimentare disilluso che non riesce neanche più a credere ai suoi stessi racconti. Nel corso del film, incontra numerosi personaggi, ognuno inserito in una tragica realtà, raccontata però con grande leggerezza. Celestini mostra, per esempio, la crudeltà dei pestaggi in caserma da parte degli agenti lavorando semplicemente sul sonoro, denunciando in pochi fotogrammi la difficoltà nel sovvertire un sistema in cui la parola del poliziotto non può essere smentita. Il grande merito del regista è quello di essere riuscito a inserire temi sociali complessi all’interno della logica della narrazione: i problemi dell’Italia non vengono elencati in una logica propagandista, ma divengono parte integrante del racconto. Così le storie di Sofia (Alba Rohrwacher), sognatrice disillusa, Anna (Veronica Cruciani), prostituta sottomessa ai capricci e alle regole del suo protettore, e Sasà (Salvatore Striano), figlio di un truffatore che a sua volta so- pravvive truffando le assicurazioni, divengono un mezzo per parlare di un’Italia disincantata, dove la speranza è ormai soltanto un ricordo lontano.

Diventa dunque compito dei cantastorie raccontare il mondo di questi burattini, incapaci di governare le proprie vite, che si trovano imprigionati in un dramma, dove emergono soltanto fallimenti e desolazioni. Ed è proprio grazie alle filastrocche, ai giochi di parole e ai racconti surreali che Celestini riesce a spostare l’attenzione sul Paese dimenticato, facendo luce su una realtà desolata di cui è necessario continuare a parlare.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: