Terri

terriUSA 2011 – di Azazel Jacobs – commedia – 105′Scritto da Giulia Bramati (fonte immagine: imdb.com)

Terri è un ragazzo in sovrappeso che vive insieme alla zio malato di Alzheimer. I suoi bizzarri comportamenti catturano l’attenzione del vice-preside Fitzgerald, che ben presto lo convoca nel suo ufficio per stabilire una serie di incontri con il ragazzo.

Le splendide inquadrature impresse sulla pellicola di Terri, rese eleganti da un calibrato uso della luce, fanno percepire in modo piacevole immagini che altrimenti disgusterebbero lo spettatore. Terri, il giovane protagonista del film, vive in una casa sporca, infestata da animali di ogni genere, da setti nel cibo a topi in soffitta, che il ragazzo si diverte a catturare per poi portarli in pasto ai volatili nel bosco dietro casa. Terri non conosce l’identità dei suoi genitori e vive con lo zio James, che l’Alzheimer ha reso bizzarro quanto il nipote.

Il ragazzo vive una vita disordinata, mangiando alimenti curiosi, come  merende a base di toast e fagioli amorevolmente preparati dallo zio, e indossando comodi pigiami per andare a scuola. La solitudine è causa dei suoi squilibri, che ben presto vengono notati dal vice-preside della scuola, interpretato da John C. Reilly, il quale si prende cura dei ragazzi disadattati. I due iniziano ad incontrarsi ogni lunedì mattina per discutere i problemi di Terri, a partire dai numerosi ritardi scolastici del ragazzo, fino alle situa- zioni più serie. Gli incontri permettono a Terri di conoscere Chad, un ragazzino problematico che stringe con lui un legame di amicizia-odio, pericoloso ma al contempo necessario per il solitario ragazzo.

L’ingenuità che lo contraddistingue gli permette di diventare amico di Heather, la ragazza più bella della classe vittima di uno scandalo. L’emarginazione di entrambi li avvicina, ma la ragazza si dimostra ben presto più problematica di Terri stesso. Il regista Azazel Jacobs, alla sua ottava esperienza registica, si preoccupa di mostrare i lati nascosti dell’adolescenza, più comuni di quanto si immagini: sentirsi diversi ed inadeguati, contraddistinguersi dalla massa e risultare bizzarri senza volerlo sono problemi che raramente vengono affrontati con serietà nei film ambientati nelle scuole. Ed è proprio il vice preside Fitzgerald a spiegarlo a Terri, dicendo che anche lui da adolescente credeva di essere un mostro (“I believe I was a monster too”). La fotografia, curata da Tobias Datum, esalta l’importanza del dettaglio, focalizzandosi molte volte su oggetti apparentemente secondari, ma di estrema importanza: le trappole per i topi in soffitta; la lista della spesa; i bigliettini scambiati tra Terri e Heather, che il ragazzo con- serva gelosamente. Presentato al Sundance Film Festival dello scorso anno, sarà uno dei film cruciali della prossima edizione del Glasgow Youth Film Festival.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: