Biutiful

la-locandina-italiana-di-biutiful-191815

Biutiful – Messico/Spagna 2010 – di Alejandro G. Iñárritu

Drammatico – 148′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: movieplayer.it)

In una Barcellona sordida e corrotta Uxbal vive di espedienti e sfruttamento clandestino, cercando di tenere i due figli all’oscuro dei suoi traffici e di far fronte all’instabili mentale della moglie. Un cancro che lo divora da tempo gli lascia soltanto due mesi per chiudere i conti con la vita.

Alejandro Iñárritu balla da solo: dopo la fine del soda​li​zio​ arti​sti​co​ con lo sceneg​gia​to​re​ Guillermo Arriaga, il regi​sta​ messi​ca​no​ adatta​ per lo schermo​ un sogget​to​ perso​na​le​ – enne​si​ma​ varia​zio​ne​ sul tema della mise​ria umana – raccon​tan​do​ le ulti​me​ otto setti​mane​ di vita di un anti​e​roe​ tragica​men​te​ vota​to​ all’au​to​di​stru​zio​ne​. Candi​da​to​ all’O​scar​ come miglior​ film stranie​ro​ (per Iñárritu è la terza nomi​na​tion),​ Biutiful tradi​sce​ nella sgramma​ti​ca​tu​ra​ del tito​lo​ una bellez​za​ inesi​sten​te,​ corro​sa​ dalle meta​sta​si​ del degra​do​ e dell’a​bie​zio​ne:​ un infer​no​ in terra di cui Uxbal, profe​ta​ senza dio, percor​re​ tutti i giro​ni​.

 Una lotta dispe​ra​ta​ per la soprav​vi​ven​za​ e una disu​ma​na​ logi​ca​ del profit​to​ sono gli unici moto​ri​ di un’esi​sten​za​ che si trasci​na​ stanca​men​te​ tra violen​za e squallo​re,​ nella bruttez​za​ ruvi​da​ che permea​ di sé le strade​ corrot​te​ di Santa Colo​ma​ e i volti degli hollow men che le popo​la​no​. I buoni senti​men​ti non soprav​vi​vo​no​ né tanto​me​no​ aiuta​no​ a soprav​vi​ve​re:​ affet​to​ pater​no​ e malde​stra​ filan​tro​pia​ soccom​bo​no​ alla spira​le​ infer​na​le​ di un mondo privo di ragio​ne,​ in bili​co​ costan​te​ tra crimi​ne​ e lega​li​tà​. Perfi​no​ l’amo​re,​ che in 21 Grammi rappre​sen​ta​va​ l’uni​ca​ via di fuga da una vita deva​sta​ta,​ è ormai impoten​te,​ conge​la​to​ nella sua impos​si​bi​li​tà​ di attuar​si​.

Traghet​ta​to​re​ di anime impau​ri​te,​ Uxbal cono​sce​ la morte, non la teme, eppu​re​ l’orro​re​ della realtà​ lo sconvol​ge​ anco​ra:​ quell’or​ro​re​ che si cela dietro la porta chiusa​ di una canti​na,​ tra cada​ve​ri​ contrat​ti​ e spiri​ti​ che vaga​no​ in cerca di qualcu​no​ che li lasci ripo​sare​ in pace. La violen​za​ (dei manga​nelli​ e dell’in​dif​fe​ren​za)​ è la mone​ta​ sonan​te​ di questo​ atomo opaco di male in cui la morte sembra,​ infi​ne,​ l’uni​ca​ conso​la​zio​ne​. Morire, dormire, forse sognarela limi​na​li​tà​ di Uxbal non sa collo​car​si​ che a metà tra due mondi: i suoi occhi di gufo moren​te​ si chiudo​no​ su una realtà​ per riaprir​si​ in un’altra,​ dove i fanta​smi​ del passa​to​ rido​no​ e non fanno più paura.

Senza la guida di Arria​ga​ e la magni​fi​ca​ cora​li​tà​ delle sue storie​ dolo​ro​sa​mente​ intrec​cia​te,​ lo script di Iñárritu si sfalda​ in una molte​pli​ci​tà​ di spunti che non riesco​no​ a resta​re​ coesi. L’odis​sea​ joycea​na​ in terra spagno​la​ di Uxbal, nella sua insi​gni​fi​can​za,​ vorreb​be​ aprirsi​ alle vite degli altri ma senza riuscir​ci​ vera​men​te​. Lo sguardo​ che devia dall’a​go​nia​ del prota​go​ni​sta si posa ora sul dramma​ di una coppia​ omoses​sua​le,​ ora su quello​ di una fami​glia​ sene​ga​le​se​ spacca​ta​ dalla clande​sti​ni​tà,​ ma senza mai esse​re​ inci​sivo,​ inqua​dran​do​ storie​ aborti​te​ che non vanno da nessu​na​ parte.

Iñárritu ha l’inna​to​ talen​to​ di saper sonda​re​ gli abissi​ del degra​do​ umano con agghiaccian​te​ reali​smo,​ rappre​sen​tan​do​ne​ impie​to​sa​men​te​ i detta​gli​ più rivol​tan​ti​. La sua esteti​ca​ della deso​la​zio​ne,​ che non sa e non vuole essere​ grade​vo​le,​ mira a colpi​re​ lo stoma​co​ e il cuore prima anco​ra​ del cervello​ e in tal senso si spiega​ la colla​bo​ra​zio​ne​ costan​te​ con arti​sti​ dallo stile incon​fon​di​bi​le​. Le musi​che​ strazian​ti​ di Gustavo Santaolalla e la foto​grafia​ di Rodrigo Prieto, capa​ce​ di infon​de​re​ uno splendo​re​ conturban​te​ anche ai luoghi​ e alle vite più mise​ra​bi​li,​ si amalga​ma​no​ all’in​ten​to​ regi​sti​-​co di traccia​re​ una para​bo​la​ della deca​den​za​ umana senza indul​ge​re​ nella criti​ca​ socia​le,​ né in quella​ mora​le​.

Ma gli ingre​dien​ti​ sono troppi​ e la misce​la​ non cali​bra​ta​ a dove​re:​ le lode​voli​ inten​zio​ni​ e le buone intui​zio​ni​ soccom​bo​no​ a un concen​tra​to​ ecces​si​vo di disgra​zie​ che non trova nella risa​ta​ sardo​ni​ca​ à la Coen (A Serious Man) una valvo​la​di sfogo in cui stempe​rar​si​. Javier Bardem, subli​me​ sined​do​che​ umana dell’u​ni​ver​so​ inte​ro​ (e del suo dolo​re),​ è forse l’uni​ca​ incarna​zio​ne​ della bellez​za​ distor​ta​ del tito​lo:​ degna​men​te​ premia​to​ a Can-​ nes (ex-aequo​ con Germa​no)​ e candi​da​to​ all’O​scar​ come miglior​ atto​re​ prota​go​ni​sta​ (per la prima volta nella storia​ per un’inter​pre​ta​zio​ne​ inte​ra​mente​ in lingua​ spagno​la),​ non è in grado, da sé, di rende​re​ grande​ l’ope​ra​ ulti​ma​ di un cinea​sta​ dalle enormi​ poten​zia​li​tà​.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: