American Honey

locandina-32

American Honey – Regno Unito/Stati Uniti 2016 – di Andrea Arnold

Avventura/Drammatico/Romantico 2016

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

La diciottenne Star (Sasha Lana) si sottrae agli abusi sessuali e psicologici della famiglia adottiva in Oklahoma e si fa arruolare da un gruppo di coetanei venditori di riviste porta a porta, sotto la stretta sorveglianza della leader Krystal (Riley Keough). In un viaggio on the road attraverso il Sud degli Stati Uniti, Sasha scopri sulla propria pelle il valore​ della vita, dell’amore (per il venditore di punta Jake/Shia LeBeouf), e soprattutto della propria femminili.

A diffe​ren​za​ di regi​ste​ mainstream​ inte​res​sa​te​ ad esplora​re​ le dina​mi​che​ del mondo maschi​le​ attra​ver​so​ gli stessi​ gene​ri​ e stile​mi​ dei colle​ghi​ uomi​ni (Kathryn​ Bigelow​ come esempio​ lampan​te),​ la britan​ni​ca​ Andrea Arnold​ ha l’enco​mia​bi​le ​coeren​za ​di chi si mette dietro ​la macchi​na ​da presa per raccon​ta​re​ senza repri​men​de​ le storie​ di ragaz​ze​ e donne capar​bie, capa​ci​ degli stessi​ gesti e della stessa​ violen​za​ maschi​le​ pur di far vale​-​ re la propria​ identi​tà​.

Fin dagli esordi​ con la trilo​gia​ di corti Milk, Dog e Wasp (premio​ Oscar nel 2003) Arnold​ ha sapu​to​ docu​men​ta​re​ gli aspetti​ più recon​di​ti​ della condi​zio​ne​ femmi​ni​le​ nella socie​tà​ occi​den​ta​le​ moder​na​ e contem​po​ra​nea,​ siano essi lo spunto​ per un roman​zo​ ingle​se​ dell’Ot​to​cen​to​ (Cime Tempestose, adatta​to​ nel 2011) o gli ingre​dien​ti​ di una tormen​ta​ta​ odissea​ quoti​diana​. Madri single​ (Wasp), adole​scen​ti​ abban​do​na​te​ a loro stesse​ (Dog, Fish Tank) o vedo​ve​ in cerca di vendet​ta​ (Red Road) popo​la​no​ le opere di Arnold​ con estrema​ digni​tà,​ perfi​no​ o soprat​tut​to​ quando​ devo​no​ batter​si con crudel​tà​ per soprav​vi​ve​re​ in quell’ac​qua​rio​ di squali​ che è la vita.

 In questo​ quadro​ si collo​ca,​ lette​ral​men​te,​ American Honey, opera ulti​ma della filmma​ker​ e prima ad esse​re​ gira​ta​ inte​ra​men​te​ negli States​. A Cannes​ 2016, dove ha otte​nu​to​ il Premio​ della Giuria,​ il film di Arnold​ gareggia​va​ in concor​so​ a fianco​ del franco​-cana​de​se​ Xavier Dolan (Grand Jury Prize con Juste la fin du monde), di cui non solo condi​vi​de​ il rifiu​to​ delle identi​ty​ poli​tics​ festi​va​lie​re​ (“Non vorrei​ che i miei film fosse​ro​ sele​ziona​ti​ solo perchè​ sono una donna,” spiega​va​ a Cannes​ 2012) ma ripren​de​ anche il forma​to​ 1:1, sdoga​na​to​ nel 2014 da Mommy. Il quadra​to,​ anche se stati​co,​ torna a signi​fi​ca​re​ a livel​lo​ tema​ti​co​ l’impri​gio​na​men​to​ degli strati​ più bassi e dimen​ti​ca​ti​ della socie​tà​ (in questo​ caso l’Ame​ri​ca​ white trash), e a livel​lo​ stili​sti​co​ l’ibri​da​zio​ne​ della ritrat​ti​sti​ca​ pitto​ri​ca​ con la compo​si​zio​ne​ foto​gra​fi​ca​ à la Insta​gram​.

 Il piglio​ docu​men​ta​ri​sti​co​ della regia arnol​dia​na​ si esplici​ta​ proprio​ all’in​terno​ di questa​ forza​tu​ra​ forma​le,​ che insie​me​ contie​ne​ e defla​gra​ il senso di liber​tà​ fisi​ca,​ emoti​va​ e socia​le​ osses​si​va​men​te​ agogna​to​ dalla sua prota​goni​sta,​ inter​pre​ta​ta​ con sensa​zio​na​le​ sponta​nei​tà​ dall’e​sor​dien​te​ Sasha Lane. La lettu​ra​ dell’a​spect​ ratio 1:1 come tradu​zio​ne​ visi​va​ del mondo social dei millen​nials​ (i giova​ni​ nati negli anni 2000) serve dunque​ a comprende​re​ il carat​te​re​ etno​gra​fi​co​ del film di Arnold,​ la cui rappre​sen​ta​zio​ne​ della Gene​ra​zio​ne​ Y passa non solo attra​ver​so​ la costru​zio​ne​ geome​tri​ca​ dell’in​qua​dra​tu​ra,​ l’insi​sten​za​ del primo piano, l’uso di una came​ra​ mobi​le,​ e l’improv​vi​sa​zio​ne​ reci​ta​ti​va,​ ma anche l’impian​to​ sono​ro​ di una sountrack che sembra​ lo shuffle​ di una playli​st​ hip hop su Spoti​fy​.

Il para​go​ne​ narra​ti​vo​ più ovvio si impo​ne​ tutta​via​ non già con Mommy, quanto​ piutto​sto​ con il capo​la​vo​ro​ vene​ra​to​-dete​sta​to​di Harmony​ KorineSpring Breakers, seppu​re​ con un caveat​ abissa​le​. Laddo​ve​ la provo​cazio​ne​ kitsch​ di Kori​ne​ coglie​va​ la traiet​to​ria​ discen​den​te​ di quattro​ colle​giali​ sbanda​te​ verso l’infer​no​ della perdi​zio​ne​ attra​ver​so​ la presen​za​ auto​riale​ di un obietti​vo​ forte​men​te​ maschi​le​ e voyeuri​sti​co, American​ Honey raccon​ta ​il viaggio​ di forma​zio​ne​ femmi​ni​le​ accor​cian​do​ all’inve​ro​simi​le​ la distan​za​ tra la macchi​na​ da presa e la sogget​ti​vi​tà​ della sua prota​goni​sta,​ al punto da rende​re​ le due perfet​ta​men​te​ coinci​den​ti​.

A diffe​ren​za​ del James Franco pimp di Spring Breakers, il perso​nag​gio di Shia LeBeouf— che pure lo inter​pre​ta​ con consue​ta​ sbruffo​ne​ria​ e convin​cen​te​ fragi​li​tà ​—non raggiun​ge​ gli stessi​ abissi​ di follia​ senza ritor​no,​ e funzio​na​ piutto​sto​ da sprone​ per Star e la sua presa di coscien​za​ indi​vi​duale​. La foto​gra​fia​ di Robbie Ryan, fede​lis​si​mo​ di Arnold​ fin da Wasp, avvol​ge​ allo​ra​ la dramma​ti​ci​tà​ del reale in una luce morbi​da​ e sensua​le,​ che attin​ge​ al liri​smo​ natu​ra​le​ più che all’ar​ti​fi​cia​li​tà​ urba​na,​ e fa da corri​spetti​vo​ visi​vo​ all’in​te​rio​ri​tà​ della prota​go​ni​sta​. Rive​la​zio​ne​ amoro​sa​ e matura​zio​ne​ sessua​le​ si impa​sta​no​ in un raccon​to​ di scoper​ta​ di sé che é anche risco​per​ta​ di un Paese dimen​ti​ca​to,​ osser​va​to​ da un fine​stri​no​ e scandi​to​ dalle liri​che​ del canto​re​ della working​ class ameri​ca​na​ Bruce Springsteen e della country​ band Lady Antebellum (di cui la canzo​ne​ del tito​lo)​.

Una storia,​ quella​ sceneg​gia​ta​ da Arnold,​ che non stigma​tiz​za​ ma cerca di compren​de​re​ e accet​ta​re,​ di mostra​re​ empa​tia​ verso chi si batte per sopravvi​ve​re​ (i giova​ni​ vendi​to​ri)​ e disprez​zo​ verso chi inve​ce​ vorreb​be​ lucra​re sull’in​ge​nui​tà​ altrui​ (Krystal​ in primis,​ ma anche tutti gli arche​ti​pi​ di virili​tà​ frustra​ta​ che Star incon​tra​ sulla sua strada)​. Una storia​ che si dipa​na​ con coesio​ne​ narra​ti​va​ e stili​sti​ca,​ dipin​gen​do​ un quadro​ lungo 162 minu​ti​ che pure sembra​no​ esaurir​si​ troppo​ presto​ nella speran​za​ lascia​ta​ dall’ul​ti​mo frammen​to​ di rina​sci​ta​ batte​si​ma​le​.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: