Bohemian Rhapsody: la grandezza di essere Freddie Mercury

coverlg_home-2

Scritto da Arianna Giuliani (fonte immagine: mymovies.it)

Bohemian Rhapsody è un film del 2018 con la regia di Bryan Singer. Cronologicamente va dal 1970, anno della nascita dei Queen al 1985 con il concerto Live Aid.

Il film non è un documentario, ma una bio-pic, cioè una pellicola biografica sulla vita di Freddie Mercury e della sua storica band: i Queen.

Bisogna dire che non è facile parlare di questo film perché ha talmente tante sfaccettature e risvolti che è difficile stare al suo passo. Quella del grande Freddie Mercury è stata una vita breve, ma anche e soprattutto profondamente intensa.

Una vita ricca: si passa infatti dalla ribellione del cantante alla famiglia, giá molto giovane, all’incontro con l’amore della sua vita Mary, alla formazione del gruppo musicale Queen fino a raggiungere livelli di pathos davvero importanti e forti nel corso di tutto il film.  Freddie è stato una stella fugace col dono della musica che ha regalato a tutti noi ed è proprio così che il film lo ritrae, come una vera Star. Rami Malek è il protagonista e riesce a dare tutte le sfumature caratteriali e fisiche al suo  personaggio. Interpretare Freddie Mercury è certamente un’impresa difficile, ma lui ci è riuscito benissimo e gli auguriamo il meglio per la sua candidatura come migliore attore protagonista agli Oscar. Il cantante è stato un mito, una vera e propria star eppure tanti sono stati i  momenti di fragilità, di tristezza e persino di depressione.

Nel film tutto questo è rappresentato a pieno, Freddie è mostrato in tutta la sua grandezza e genialità ma anche in tutta la sua immensa fragilità che lo porterà purtroppo a scelte sbagliate e ad incontrarsi con persone e situazioni diverse da lui, primo tra tutti Paul, suo collaboratore e amante. Paul lo introdurrà in quel mondo fatto di feste, alcool, incontri occasionali e droghe ed è proprio qui che Freddie si perderà.

In questi anni infatti la band si scioglie e il cantante proverà la carriera solista senza però avere successo.  Il film si può definire musicale, si concentra infatti molto sulla situazione musicale dei Queen e del cantante solista. La pellicola ritrae infatti tutto il percorso musicale dei Queen, dalla loro formazione e nascita ai vari contratti discografici firmati fino ai grandi successi con i tour mondiali in America e in Brasile. Caratteristiche sono le scene di come si sono create alcune canzoni rimaste nella storia, tra queste: prima di tutte Bohemian Rhapsody, la canzone stravolge tutte le formule tradizionali di strofa , ritornello e strofa, inoltre dura 6 minuti quindi più dei tre classici che le radio passano quotidianamente. Particolarmente emozionante è la scena in cui viene creata We will rock you, un momento in cui si decide di scrivere e comporre una canzone per far si che le persone possano interagire. Infatti con un semplice battito delle mani a tempo si riesce a formare questa canzone entrata ormai nella storia. Personaggio importantissimo nella storia è Mary, una ragazza con cui Freddie si stava per sposare prima di scoprire di essere omosessuale. Per lei scrive Love of my life , rimarrà per sempre infatti l’amore della sua vita. Lo stesso Freddie dirà in molte interviste che nessuno lo ha mai davvero capito come la sua Mary.

I Queen per Freddie rappresentano la sua famiglia e da solo si sente perso, insieme a Mary infatti sono davvero il suo punto di riferimento. Il finale è davvero suggestivo ed emblematico: viene infatti riprodotto il concerto Live Aid del 1985 allo stadio di Wembley dove i Queen, altri cantanti e band storiche dell’epoca si sono esibiti. Solo per questa rappresentazione del concerto vale la pena vedere questo film. Lasciatevi sorprendere da questa esperienza musicale e umana, non ve ne pentirete.

Scheda riassuntiva:

Titolo: Bohemian Rhapsody

Genere: drammatico musicale

Candidature ai golden globes:

-Miglior film drammatico

-Miglior attore in un film drammatico per Rami Malek.

Regia: Bryan Singer

Cast: Rami Malek

Lucy Bointon

Gwilym Lee

Ben Hardy

Allen Leech

Aidan Gillen

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: