La finestra sul cortile

USA 1954 – di Alfred Hitchcock – thriller – 112′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Quando il fotoreporter J.B. “Jeff” Jeffries si trova costretto all’immobilità nel suo appartamento con una gamba ingessata, inizia a spiare le vite del vicinato. Sospettando un assassinio, Jeffries ricorre all’aiuto della sua fi- danzata Lisa per incastrare il colpevole…

Tra tutte le pellicole di Alfred Hitchcock, La finestra sul cortile è quella che più chiaramente dimostra il genio del regista per la suspense. Tratto dall’omonimo racconto di Cornell Wollrich, il film inizia proprio come era iniziato il cinema del suo maestro, ovvero osservando gli altri, in questo caso il vicinato che dà sul cortile. Un vicinato che diventa così un microcosmo di persone osservate non solo dal protagonista, ma anche da noi spettatori del film.

James Stewart è J.B. “Jeff” Jeffries, fotoreporter costretto a rimanere in casa a causa di una gamba ingessata e che trascorre il tempo spiando i suoi vicini, diventandone ben presto ossessionato. In particolare, inizia a so- spettare che uno di loro, Lars Thorwald (Raymond Burr) abbia ucciso la moglie. Si fa aiutare dall’altolocata fidanzata Lisa (Grace Kelly) per inda- gare su una serie di eventi molto equivoci che culmineranno in uno dei fi- nali più memorabili della storia del cinema. L’innovazione più spettacolare del film (datato 1954) è quella di essere stato girato in un unico set, che comprende l’appartamento di Jeff e quello dei suoi vicini al di là del cortile; incuriositi dalla possibilità di spiare qualcun altro, gli spettatori scoprono così che la vita quotidiana può diventare lo spettacolo più interessante del mondo. Il film, poi, si presta a diverse interpretazioni, quali il voyeurismo o il teatro filmato, ma dimostra in maniera inequivocabile che il cinema rimane la più grande forma di intrattenimento.

La pellicola affronta anche il tema del rapporto di coppia che nel libro ori- ginale veniva vagamente accennato. Jeff non vuole impegnarsi più di tanto con la compagna, considerata “troppo perfetta” e sofisticata rispetto al suo stile di vita sregolato: le battute irriverenti dell’infermiera Stella (Thelma Ritter) e gli eventi che si svolgono negli appartamenti vicini fanno riflette- re il protagonista sui dubbi e sui privilegi che una relazione amorosa com- porta.La regia è avvolgente e sapientemente dosata, ogni inquadratura è precisa e studiata nel minimo dettaglio poiché nulla è lasciato al caso: la storia di- viene sempre più interessante e la tensione sempre più crescente man mano che l’indagine prosegue e, in particolare, quando Lisa si introduce nell’appartamento del presunto assassino, che la sorprende e la malmena. È dopo l’arrivo della polizia che il protagonista si trova faccia a faccia con Thorwald e rischia persino di morire ma viene salvato in tempo. Quello che Hitchcock mette in atto è uno schema narrativo assolutamente perfetto basato su una staticità iniziale, a cui segue un crescendo di movimento e, quindi, di suspense. Il film si completa con la presenza di ottimi attori, quali James Stewart, interprete superlativo capace di calarsi completa- mente nel personaggio aggiungendovi, però, un tocco del proprio carisma e della propria personalità. La sceneggiatura, poi, sembra essere stata dise- gnata per la sua prima attrice, una Grace Kelly sempre elegantemente vestita, ma che colpisce per la sua intelligenza scaltra e lucida e per la sua voglia di vivere che riflette la passionalità del personaggio.

Nato nel periodo più florido dell’attività hitchcockiana, La finestra sul  cortile è un thriller sobrio, costruito alla perfezione, una chiara esemplifi- cazione di come da un’unica ambientazione possa nascere un capolavoro.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: