L’albero della vita

Raintree County – USA 1957 – di Edward Dmytryk – drammatico/guerra – 160′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Nell’Indiana, alla vigilia della Guerra di Secessione, l’onesto sognatore John ha una amicizia amorosa con la dolce e devota Nell, che condivide la sua utopica ricerca dell’albero della vita, ma si lascia sedurre da Susanna, bruna bellezza del Sud con turbe infantili e incubi razziali.

Tratto dal romanzo di Ross Lockridge Jr., L’albero della vita è una rappresentazione in grande stile e ricca di pathos (soprattutto nella secon- da parte) le vite intrecciate di tre personaggi che vivono in una contea della Lousiana a metà dell’Ottocento, prima e durante la Guerra di Secessione: John (Montgomery Clift), un giovane nordista di buona famiglia, inna- morato di Nell (Eva Marie Saint) ma che sposerà Susanna (Elizabeth Taylor), bella ragazza sudista, affetta però da una grave malattia mentale.

Interessante come la duplice storia d’amore del film si sviluppi intorno agli avvenimenti più importanti della storia americana. Sicuramente influenza- to dal più maestoso Via col vento, Edward Dmytryck dirige una pellicola praticamente senza soste e che, anzi, approfondisce un tema profondo come la liberazione della schiavitù. Da qui nasce la distanza tra John, nor- dista e pacifista, e sua moglie Susanna, la quale, a causa di un trauma in- fantile, pensa di essere figlia di una schiava nera. L’albero della vita, da cui deriva il titolo del film, non è altro che una leggenda su ciò che rende dav- vero ricca la propria esistenza, e che solo nella fine il protagonista riuscirà a trovare.

Lodevole l’ìmpegno di Montgomery Clift, reduce da quell’incidente che gli cambiò la mimica facciale, e ottima prova della Taylor, che qui ha l’oc- casione per misurarsi con un personaggio psicologicamente complesso;
come lo sarà quello di Catharine in Improvvisamente l’estate scorsa, sempre al fianco dell’amico Clift.

Il film ottenne quattro candidature all’Oscar, tra cui Miglior Attrice (la prima per la Taylor), Miglior Costumi, Miglior Scenografia e Miglior Co- lonna Sonora, con la canzone di Nat King Cole.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: