Venere in visone

Butterfield 8 – USA 1960 – di Daniel Mann – drammatico – 109′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Gloria Wandrous, prostituta di lusso a New York, si impadronisce della costosa pelliccia di proprietà della moglie dell’ultimo dei suoi amanti, il prestigioso avvocato Weston Ligget, del quale si è innamorata. Egli la ac- cusa di essere una cinica approfittatrice e la umilia pubblicamente, così Gloria decide di abbandonare la città, ma, inseguita dall’uomo, andrà in- contro ad una tragica fine.

Daniel Mann, già regista de La Rosa tatuata (1956), si impegna ad adat- tare per il grande schermo l’omonimo romanzo di John O’Hara, questa volta avendo come attrice principale Elizabeth Taylor.

La storia, il cui titolo originale (Butterfield 8) allude al numero telefonico usato dalla protagonista a Manhattan, si basa sul caso, rimasto irrisolto, della morte di Starr Faithfull, prostituta di alto borgo il cui cadavere venne rinvenuto nel 1931 sulla spiaggia di Long Island. Il luttuoso evento fu preso a spunto per il romanzo del 1935, trasformato in film nel 1960. La Taylor accettò il ruolo esclusivamente per onorare i termini contrattuali con la MGM, ritenendo la storia di cattivo gusto e dichiarando l’assoluta immo- ralità del suo personaggio. Nonostante ciò, l’attrice riuscì a conferire coe- renza umana e credibilità all’isterismo del suo personaggio: indossando sensuali sottovesti e tacchi a spillo, Elizabeth Taylor impersona Gloria, modella la cui vita dissoluta la fa divenire presto una prostituta per uomini ricchi, ultimo dei quali il rampante Weston Liggett (Laurence Harevey). Gli incontri con l’amante vengono organizzati per telefono, chiamando il Butterfield 8, da casa della madre, frustrata ma silente sulla vita immorale della figlia, la quale trova conforto e comprensione nell’amico fraterno

Steve (Eddie Fisher). Gloria si impadronisce della pelliccia di visone della moglie di Liggett e, dopo essere stata insultata in pubblico, si rende conto che l’uomo, pur ricoprendola di regali e di denaro, non divorzierà mai: così quello che sembrava essere il primo amore della sua vita finisce per essere l’ennesima illusione per la protagonista, che decide di fuggire. L’uomo, però, riesce a scovarla e la invita a tornare con lui; dopo un mo- mento di debolezza, inizia la fuga disperata che porta Gloria alla morte in un dirupo.

Sebbene le riprese, effettuate interamente a New York, vissero un clima di perenne tensione dovuto alla pessima disposizione d’animo della Taylor, che nel frattempo si ammalò di polmonite e fu sottoposta ad una tracheo- tomia d’urgenza, ciò non significò una scarsa prestazione dell’attrice; anzi, il film riesce ad essere misterioso e tiepidamente erotico, soprattutto grazie alla presenza scenica e al magnetismo della stessa Taylor, la cui tecnica espressiva la rende superba in almeno due scene (quella iniziale del risve- glio nell’appartamento di Liggett esalta, non solo la sua femminilità, ma anche la sua vibrante sensibilità). Il ritratto caloroso e passionale del per- sonaggio di Gloria le valse il premio Oscar come migliore attrice protagoni- sta nel 1961 e la malattia riscattò completamente la diva “rovina famiglie”, che aveva sottratto il marito (Eddie Fisher) alla sua migliore amica (Debbie Reynolds), agli occhi del pubblico. Buona anche la prova di Laurence Harvey, attore spesso dimenticato e scomparso troppo presto, che incontrerà nuovamente la partner nel 1973 sul set de Ad un’ora della notte.

Nel complesso il film, sebbene non raggiunga livelli di pathos eccezionali e presenti un finale ambiguo e moralizzante, è interessante, ben recitato e volutamente provocatorio; tuttavia, la storia della prostituta che, incontra- to il primo amore ormai sposato, è alla ricerca di redenzione e rispetto, po- teva essere affrontata dando maggior peso al passato della donna e ad una più ricca introspezione psicologica dei personaggi. Ad ogni modo, Venere in visone si rivelò un grande successo commerciale (record di incassi nel 1961) e consacrò Elizabeth Taylor come attrice di grande intelligenza e sensibilità.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: