Dumbo

MV5BNjMxMDE0MDI1Ml5BMl5BanBnXkFtZTgwMzExNTU3NjM@._V1_SY1000_CR0,0,675,1000_AL_

Dumbo – Stati Uniti 2019 – di Tim Burton

Avventura/Famiglia/Fantasy – 112′

Scritto da Arianna Giuliani (fonte immagine: imdb.com)

Dumbo è una pellicola del 2019 diretta daTim Burton.

Il film è il remake in forma di live action dell’omonimo cartone Disney del 1941.

Riprende infatti le tematiche principali del passato ma con delle differenze sostanziali come la storia dei due giovani fratelli protagonisti e del loro padre interpretato dal bravissimo attore Colin Farrell.

Il tocco registico e artistico di Tim Burton si avverte fin da subito con l’inquadratura favolistica iniziale del treno che per certi versi ricorda il treno della scena finale di C’era una volta il west di Sergio Leone.

Da sottolineare è anche la grafica e la cura con cui è stato creato il piccolo elefantino virtuale protagonista dell’intero film: Dumbo con i suoi occhioni azzurri grandi e dolcissimi che sanno parlare dritti al cuore dello spettatore.

Non si esagera a dire che probabilmente la vera forza del film sta proprio nella dolcezza estrema di Dumbo, nei suoi occhi, nelle sue orecchie grandi e nella sua proboscide un po’ “magica”.

Con il personaggio di Dumbo, (prima Jumbo, poi soprannominato Dumbo che significa tonto)  elefantino solo, non compreso dagli altri, preso in giro e che serve al mondo solo come fenomeno da circo, entriamo nel mondo degli emarginati e dei diversi. E’ proprio Tim Burton nel suo intervento ai David di Donatello italiani che dirà di aver scelto Dumbo come personaggio della Disney perché lui è il diverso per eccellenza,. Il regista infatti si rivedrebbe molto nel piccolo e dolce  elefantino.

In effetti in tutto il film abbiamo figure  border line e a tutti manca qualcosa o qualcuno: a Holt Farrier (Colin Farrell) manca un braccio perso in guerra, ai suoi figli la madre morta di malattia di recente, a Dumbo la sua mamma portata via da uomini affaristi e aridi di amore.

Quindi tutti hanno perso qualcosa di importante e hanno perciò molto da recuperare per riottenere la vera felicità.  Tutto a volte sembra così leggero nel film che anche una piuma può diventare magica e far volare un piccolo elefantino timido e indifeso.

Così Dumbo e i suoi voli diventano i simboli di un futuro fatto di speranza, di coraggio, di forza e di energia vitale e tutto d’un tratto anche chi è in sala davanti allo schermo non è più veramente seduto, ma sta librando in aria dolce e leggero come Dumbo. Nel film inoltre eccezionale è la fotografia di Ben Davis che rende tutto più magico ma anche reale.  Al centro di tutto abbiamo l’ambiente circense con i suoi tendoni e i suoi spettacoli viaggianti che fanno da sfondo favoloso all’intera vicenda. Insomma Dumbo di Tim Burton non è solo un film ben riuscito ed emozionante, ma anche e soprattutto un’esperienza di dolcezza  che racconta la forza di essere diversi.. Perchè in fondo siamo un po tutti “Dumbo” in questo mondo.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: