Chi porteresti su un’isola deserta?

MV5BYWZjMjYyMTAtNWQ0Zi00YmFhLTgzNDUtYjZjN2QyNmZkNTMwXkEyXkFqcGdeQXVyOTgxODE5NDQ@._V1_UX182_CR0,0,182,268_AL_

¿A quién te llevarías a una isla desierta? – Spagna 2019 – di Jota Linares

Drammatico – 93′

Scritto da Arianna Giuliani (fonte immagine: imdb.com)

Ormai si sa che Netfix è la piattaforma a pagamento più importante dei nostri tempi. Milioni di persone ogni giorno si connettono a Netflix per vedere nuovi film e nuove serie tv, tra tutto questo oggi abbiamo il nuovo film “Chi porteresti su un’isola deserta“?, in spagnolo “Quièn te levarìas a una isla desierta“?.                                             

Questo è un film spagnolo del 2019 diretto da Jota Linares con protagonisti le star delle serie “La casa di carta” ed “Elite“: Jaime Lorente e Marìa Padraza.                                       

Si tratta di una pellicola che ha una struttura teatrale alle spalle, il film infatti si basa su uno spettacolo teatrale dello stesso regista Jota Linares.                                                            

Siamo quindi davanti ad un altro tentativo di teatro e cinema che si incontrano qui per fondersi e creare un nuovo esperimento agli occhi degli spettatori.                                          

La storia è un dramma giovanile incentrato su temi molto importanti: su chi possiamo davvero contare nella nostra vita? Chi sono davvero le persone a noi vicine?                        

Da chi siamo circondati?

Siamo in Spagna, anno 2019 e la nostra vicenda si basa su quattro giovani amici conquilini spagnoli, ognuno con la propria storia, con la propria vita e anche con i propri segreti.  Saranno proprio questi ultimi i protagonisti del nostro intenso dramma: i segreti daranno un impianto alla pellicola a metà tra il film noir e il dramma adolescenziale-adulto.Ognuno dei nostri quattro ragazzi ha un sogno nel cassetto: il ragazzo interpretato da Jaime studia per diventare un buon medico ed è fidanzato con la ragazza interpretata da Marìa che fin da piccola ha il sogno di diventare una ballerina classica, mentre per gli altri due ragazzi: uno desidera con tutto il suo cuore diventare regista e l’altra fare l’attrice.     

Anche per questi due ragazzi sembra esserci interesse, soprattutto da parte della neo-attrice verso il ragazzo.                                                                                                                      

Tutti e quattro hanno quindi degli obiettivi ben precisi e lottano con i loro mezzi per realizzarli.                                                                                                                                           

Direte quindi…”Dov’è il dramma”?                                                                                                 

Sarà proprio in una calda serata estiva, dopo aver passato una notte di euforia in discoteca, che i quattro amici torneranno a casa e si metteranno a fare un gioco simile a “Obbligo o verità”.                                                                                                                                   

Si sa, come diceva il grande Pirandello “dietro una risata si nasconde la verità” e sarà quello che succederà ai nostri cari ragazzi.                                                                                     

Con la classica domanda “Chi porteresti su un’isola deserta?” verrà svelato un grande segreto e i loro rapporti saranno destinati a cambiare per sempre e le loro vite a separarsi…                                                                                                                                               

Ecco che dall’apparente comicità si passa al dramma giovanile dove le verità vengono fuori e tutti si mostrano per quelli che sono davvero.                                                                   

Grazie al riso infatti i personaggi si tolgono la maschera e la vicenda appare in tutta la sua autenticità.

Importante da sottolineare è l’ambientazione: quasi tutto il film è girato in interno, nella casa dei nostri quattro ragazzi coinquilini e l’atmosfera è a tratti soffocante.                           

Siamo in estate e sono giorni molto caldi, i ragazzi soffrono il caldo e questo traspare dallo schermo attraverso i dettagli del sudore, dell’acqua fresca, della luce del sole che entra anche dentro casa.                                                                                                                      

Le riprese sono quindi molto specifiche e atte a far provare sensazioni fisiche a chi guarda il film.                                                                                                                                          

Così, è come se lo spettatore si identificasse con questo calore eccessivo e lo provasse anche lui sulla sua pelle.

Al centro di tutto abbiamo comunque la parola che come in tutti i drammi teatrali che si rispettino è la protagonista insieme ai dialoghi potenti e alla sceneggiatura d’effetto.         

Il finale sarà pieno di sorprese e tornerà la speranza di perseguire i propri sogni e di non mollare mai per nessun motivo.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: