Shakespeare in love

la-locandina-di-shakespeare-in-love-7514

Shakespeare in love – Stati Uniti/Regno Unito 1998 – di John Madden

Commedia/Drammatico/Storico – 123′

Scritto da Elena Rimondo (fonte immagine: movieplayer.it)

Londra, 1593. Due teatri, il Curtain e il Rose, si contendono il pubblico e le opere di William Shakespeare. Il Rose è sull’orlo del fallimento, ma l’impresario riesce ad assicurarsi l’ultima fatica del commediografo, che ritrova l’ispirazione grazie a un grande amore, quello per Viola, la figlia di un ricco mercante. Tra i due sboccia una storia d’amore intensa ma breve, dato che Viola deve sposare l’aristocratico e insopportabile Lord Wessex.

Shakespeare in Love può essere considerato il capostipite di una lunga serie di film a tema e di produzione inglese che, da qualche anno a questa parte, stanno dominando il cinema europeo e americano, al punto da far spesso incetta di Oscar. Dopo il film di Madden verranno Orgoglio e Pregiudizio (2005) ed Espiazione (2007) di Joe Wright, Il discorso del re (2010) di Tom Hooper (con il quale Shakespeare in Love ha in comune parte del cast, Geoffrey Rush e Colin Firth) e molti altri, fino a Pride (2014) di Matthew Warchus. Tutti questi film – qualcuno più, qualcuno meno – hanno essenzialmente due intenti, uno divulgativo e uno propagandistico. Dietro lo scopo dichiarato di rendere popolare la storia e la letteratura inglese si nasconde l’operazione molto furba di alimentare il mito della cosiddetta Cool Britannia anche attraverso il cinema, con ro- mantiche dimore aristocratiche a fare spesso (ma non sempre) da sfondo alla storia.

In Shakespeare in Love il Bardo, assiduo frequentatore di bettole e bordelli nei bassifondi di Londra, s’innamora di una delicata fanciulla benestante (bionda, tanto per cambiare), residente in una ricca dimora in stile Tudor sulle rive del Tamigi. Gli ingredienti per una storia d’amore indimenticabile ci sono tutti: il divario sociale, un matrimonio combinato, l’animo poetico dei due amanti e una balia compiacente. E in effetti quando il film uscì, nell’ormai lontano 1998, tutto il mondo se ne innamorò, anche se la coppia PaltrowJoseph Fiennes non riuscì a replicare il successo ottenuto da Leonardo di Caprio e Kate Winslet l’anno prima con Titanic. Candidato a 13 premi Oscar, Shakespeare in Love ne vinse 7, tra cui quello come miglior film, migliore sceneggiatura originale e migliore attrice protagonista a Gwyneth Paltrow. In realtà il punto debole del film è proprio l’interpretazione della Paltrow, che risulta ora troppo melensa ora troppo legnosa, col risultato che la passione tra il commediografo più famoso del mondo e la sua musa ispiratrice non riesce mai a coinvolgere veramente. Nella seconda parte del film però il ritmo si fa più serrato, la minaccia costituita da Lord Wessex più concreta e l’intreccio tra vita e teatro più stretto. Qui l’amore tormentato tra Shakespeare e Viola si sovrappone e, anzi, diventa quello tra Romeo e Giulietta, i due sfortunati amanti veronesi, ma a parti invertite perché Viola, travestitasi da uomo per poter recitare, viene ingaggiata per interpretare non Giulietta, bensì Romeo. Il teatro e la poesia diventano così lo spazio in cui i due amanti possono veramente essere sé stessi e vivere la loro passione liberamente in una società rigidamente divisa in caste. Complice un montaggio ad hoc, quel che succede e viene detto sul palcoscenico non è più distinguibile dalla realtà perché teatro e vita ormai coincidono, sono diventati la stessa cosa. La classica associazione tra teatro e finzione viene però ribaltata, al punto che William, con la sua Romeo e Giulietta, vince la scommessa per essere riuscito a rap-presentare il vero amore sul palcoscenico.

Se non fosse per qualche caduta di stile nella prima parte, il film di Madden si potrebbe considerare un piccolo capolavoro. Tuttavia il personaggio di Shakespeare, per quanto poco si sappia di certo sul suo conto, è un tale monumento che nel trattarlo bisogna andarci con i piedi di piombo, altrimenti si rischia l’involontariamente comico, come nella scena in cui Rupert Everett/Christopher Marlowe suggerisce ad uno Shakespeare a corto d’idee la trama di Romeo e Giulietta. Bisogna però dare atto che, quando invece il comico è voluto, il risultato è tutt’altro che disprezzabile, complice anche un cast di contorno di grande livello, su cui spicca la regale Judi Dench.

Voto: 6

Una risposta a "Shakespeare in love"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: