Les Misérables

les-miserables-cannes-681x383

Les Misérables – Francia 2019 – di Lady Ly

Commedia – 102′

Scritto da Nicola Mazzi (originariamente pubblicato su:https://cinemany.ch/les-miserables/)

Eccola qui la gente di una banlieue parigina. Dopo una quindicina d’anni da La Haine di Kassovitz. Non è cambiato nulla. La stessa povertà, la stessa rabbia e la stessa disperazione.

Les Misérables, il primo film francese in concorso a Cannes, è riuscito nel suo intento: fotografare il degrado di quei luoghi. No, anzi, meglio: immortalare il popolo che li abita.

La storia è semplice: Stéphane è un agente che arriva da un’altra città e si aggrega a due colleghi più navigati: Chris e Gwada. Poliziotti che usano le maniere forti per farsi rispettare e non si fanno scrupoli a far accordi con i malavitosi del quartiere. Stéphane fa fatica ad accettare questa situazione, lui ligio al dovere e convinto dei suoi valori e principi. In una sola giornata il nuovo arrivato capisce come gira il mondo da quelle parti e si adatta, fino a quando un incidente (ma forse chiamarlo incidente è sbagliato) scatena la banlieue.

Il regista Ladj Ly (al suo debutto come regista di fiction e in competizione a Cannes) ha spiegato di aver vissuto sulla propria pelle, da ragazzo, quei fatti e di averli voluti raccontare perché da allora poco o nulla è mutato.

Bel film, davvero bello. Ti tiene incollato allo schermo dall’inizio alla fine senza mai annoiarti e senza mai farti guardare l’orologio. Cosa rara ai festival. Il realismo che traspira è frutto dell’esperienza del regista e di una scrittura convincente, senza sbavature né esagerazioni. E gli attori sono realisti, ben inseriti in quel contesto urbano. Ben costruita anche la realtà sociale di quella periferia, fatta di bande e capetti, violenza e rispetto.

E se il titolo richiama a Victor Hugo e quindi a un’epoca ormai lontana, allo stesso modo ci ricorda che i miserabili non se ne sono mai andati. Sono qui, tra di noi, e forse un po’ lo siamo pure noi che non vogliamo accorgerci di quanto sta succedendo dietro l’angolo di casa nostra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: