Magnifica ossessione

Magnificent Obsession – USA 1954 – di Douglas Sirk – sentimentale – 108′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Bob Merrick, giovane milionario e play boy, finisce in ospedale in seguito ad un incidente, provocando senza volerlo il decesso di un medico e la cecità della moglie. Intenzionato a riparare, riprende gli studi in medicina e diventa a sua volta un chirurgo. Riesce a restituire la vista alla donna, della quale nel frattempo si è innamorato.

Opera del maestro del melodramma Douglas Sirk, tratta dal romanzo omonimo di Lloyd C. Douglas, Magnifica ossessione è uno dei più popolari film di questo genere, che ha segnato un punto di svolta nella carriera del regista, che qui punta in un certo senso il dito contro gli agi della middle class americani anni Cinquanta. Tragedie, sofferenze, amori impossibili in technicolor nello stile sontuoso e ricercato del grande regista tedesco.

Rock Hudson, vero e proprio attore-feticcio del grande regista, interpreta il ricco perditempo Bob Merrick che, dopo aver indirettamente causato la morte del medico filantropo Philips, cerca in tutti i modi di farsi perdonare dalla sua vedova, Helen (Jane Wyman). Il tentativo si rivela più difficile del previsto e i soldi non saranno sufficienti a conquistare la fiducia della donna, di cui Merrick si innamora perdutamente. La chiave di volta sarà proprio l’ossessione, ovviamente magnifica, che dà il titolo al film.

Sirk prende questa trama, in realtà già oggetto di lavorazione di John M. Stahl nel 1930, e ne accentua tutti gli aspetti che apparirebbero ridicoli, inverosimili e non funzionanti, quali decisioni irrazionali e coincidenze ac- cidentali, trasformandoli in parte di una messa in scena impeccabile.

Meraviglioso l’uso delle luci e delle ombre per sottolineare l’handicap e lo struggimento non solo della protagonista, ma dello snodo cruciale della vi-
cenda. Sempre impeccabili, da lasciar senza parole, gli accostamenti cro- matici fra le scenografie e costumi, o fra gli edifici, i mobili, gli oggetti d’ar- redamento e l’ambiente circostante. Una cura dei dettagli e una ricercatez- za maniacale anche nella fotografia davvero commoventi più della storia in sé, che comunque risulta affascinante, coinvolgente e assolutamente fine nella sua riuscita finale, grazie alla mano di un regista che riesce sempre a mescolare elementi e linguaggi comuni e popolari da soap opera a un altro più elevato, d’autore. Non stupisce che i suoi lavori fossero già allora dei cult.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: