1981: Indagine a New York

A Most Violent Year – USA 2014 – di J.C. Chandor – drammatico – 125′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Il film racconta la vita di un immigrato a New York che, con la sua fami- glia, cerca di sviluppare ed espandere la propria attività, facendo i conti con la violenza e la dilagante corruzione di quegli anni.

1981: Indagine a New York è un feroce dramma criminale ambientato  a New York nell’inverno del 1981, statisticamente considerato l’anno più pericoloso nella storia della città. Scritto e diretto dall’acclamato J.C. Chandor e interpretato da Oscar Isaac e Jessica Chastain, questa vicenda si sviluppa in un labirinto di corruzione che vede coinvolti industriali e politici rampanti e che infesta le strade di una città in declino.

Il film documenta tre giorni nella vita di Abel Morales, un ispano-america- no che insieme alla moglie Anna inizia a lavorare in un’azienda di olio combustibile acquistata dal padre di lei, un gangster. Dopo essersi ripro- messo di fare affari onestamente, scopre che la scalata verso il successo è fatta di corruzione. Per Chandor, le origini di 1981: Indagine a New York sono da ricercare nel suo fascino per la New York City del 1981, quando la metropoli era una pentola a pressione sul punto di esplodere. C’è anche un legame personale col periodo storico poiché molte famiglie della East Coast amiche dei suoi genitori o dei suoi nonni – gente che aveva trasformato piccole aziende, come la Standard Heating Oil di Abel, in strutture più grandi, trovandosi spesso, nella fase successiva alla fondazione, davanti a successi o a battute d’arresto dello stesso genere. E attraverso il personaggio protagonista, un outsider ambizioso che diventa un magnate del successo, il regista indaga i temi dell’individualismo spietato e dell’indipendenza, i limiti della scalata sociale. Il film esplora così la zona grigia dell’animo umano tra le scelte da compiere per andare avanti e le conseguenze che queste comportano sulla nostra vita e su quella degli altri.Evitando di cadere in un eccessivo citazionismo, J.C. Chandor riesce a centrare il dramma sulla psicologia dei personaggi, logorati dal desiderio di potere e dai compromessi a cui sono disposti a scendere per ottenerlo. A rendere ancora più convincente la riuscita dell’opera, la fotografia di Bradford Young che riesce a catturare la decadenza di una città e a esaminare gli esseri umani sottoposti alla violenza urbana.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: