I due volti di gennaio

The Two Faces Of January – GB/USA/Francia – di Hossein Amini – thriller – 96′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Grecia, 1962. Tre esistenze si incrociano in un torbido triangolo: quella di Chester, elegante e carismatico consulente d’affari americano, di sua mo- glie Colette, giovane seducente e inquieta, e di Ryal, una guida turistica in fuga dai fantasmi del passato. Tra le rovine del partenone, Ryal resta af- fascinato dalla bellezza di Colette e impressionato dalla ricchezza del ma- rito. Ma non tutto è come sembra: l’apparenta affabilità di Chester na- sconde un labirinto di segreti, sangue e bugie. Gli eventi prendono una piega sinistra e, dopo un omicidio, in un crescendo di tensione e mistero, nessuno dei tre avrà più sotto controllo le proprie emozioni e i propri istinti…

Dalla penna di Patricia Highsmith, autrice dell’omonimo romanzo (oltre che de Il talento di Mr. Ripley), I due volti di gennaio è un thriller ambientato nella Grecia e Turchia degli anni Sessanta, in cui il mondo circostante riflette lo stato psicologico e più intimo dei personaggi.

L’affascinante coppia di americani, Chester MacFarland (Viggo Mortensen) e sua moglie Colette (Kirsten Dunst) sono turisti ad Atene ed incontrano Rydal (Oscar Isaac), un giovane americano che lavora lì come guida turistica, raggirando e imbrogliando le turiste. Attratto da Colette e dalla ricchezza del marito, Rydal decide di aiutarlo a sbarazzarsi di un uomo morto; ma gli eventi prendono una piega più sinistra e il giovane si troverà ormai troppo coinvolto ed incapace di tornare indietro. Il film, che segna il debutto alla regia dell’iraniano Hossein Amini, punta sulla caratterizzazione dei personaggi così come il libro del 1964: tutti e tre i protagonisti sono bugiardi, truffatori ed irrazionalmente gelosi. In parti- colare il personaggio di Chester, uomo carismatico ed affascinante, ricorda
un po’ Gatsby sia nel modo di fare, sia nel modo di vestire. Inoltre, la sce- neggiatura, sempre opera di Amini, presenta molte sfumature e nuovi livel- li di interpretazione, visto che il film cambia man mano che la storia va avanti e proseguono i reciproci inganni tra i personaggi. Così la battaglia psicologica tra i due uomini si rivela essere una specie di rispetto e amore affettuoso, rintracciabile nel tema di Zeus e Crono, in cui il figlio deve ucci- dere il padre per diventare uomo.

La regia, che è assolutamente raffinata ed intelligente, evidenzia la forte in- fluenza del cinema americano noir (Hitchcock) e francese (il film ricorda molto Plein Soleil del 1960, l’originale adattamento francese del Talento di Mr. Ripley con Alain Delon) e, attraverso le sequenze girate tra Creta, Atene ed Istanbul, viene creata in maniera brillante l’epoca d’oro del turismo americano in Europa. Un’epoca il cui stile e fascino è esibito anche negli abiti indossati dagli interpreti (a cura di Stephen Noble), ispirati a Il grande Gatsby e alla moda di quel periodo.La pellicola, il cui titolo deriva dal Giano Bifronte, la divinità mitologica a doppia faccia e che rappresenta, dunque, il doppio volto di ogni individuo, è un’opera sull’idea che sta alla base della mitologia greca: nella battaglia contro gli dei, gli uomini escono sconfitti a causa della loro imperfezione, ma è proprio nella loro umanità che trovano la vittoria.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: