Due giorni, una notte

Deux jours, une nuit – Francia/Belgio/Italia 2014 – di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne – drammatico – 95′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Sandra ha un solo fine settimana per fare visita ai suoi colleghi e – con l’a- iuto del marito – convincerli a sacrificare i loro bonus in modo che possa mantenere il suo posto di lavoro.

In un periodo di crisi economica della quale è affetta tutta Europa, i registi Jean-Pierre e Luc Dardenne non si tirano indietro e realizzano un film vero ed intenso, la storia di una donna, Sandra (Marion Cotillard), che sta per essere licenziata perché ritenuta debole, non in grado di fornire prestazioni elevate. Con l’aiuto del marito Manu (Fabrizio Rongione), deve cercare di convincere i colleghi a votare contro il suo licenziamento, ritrovando quella forza e quel coraggio che non pensava più di avere.

Il film espone la posizione di concorrenza e di rivalità a cui i dipendenti della fabbrica di pannelli solari dove Sandra lavora sono costantemente posti, con un esplicito riferimento da parte dei registi alla cronaca attuale sulle condizioni all’interno del mondo del lavoro. Una realtà sociale che mette a dura prova la protagonista, interpretata da una Marion Cotillard così profonda nella disperazione del suo personaggio da far emergere non solo il suo ruolo di vittima, ma anche di eroina nella vita di tutti i giorni. Una donna ordinaria, che conosce bene il valore del denaro perché non può permettersi grandi lussi, e che soffre di una seria forma di depressione: in lei è radicato un forte senso di inutilità dovuto all’incapacità di reagire davanti alla mancanza di lavoro. È l’amore del marito e dei suoi figli che fanno rinascere in lei la rabbia e la forza di chiedere ad ognuno dei suoi colleghi di rinunciare al bonus promesso in favore del suo licenziamento.

E la forza del film sta proprio nel suo realismo, nel mostrare non solo la si-
tuazione di Sandra, ma anche quella dei suoi colleghi, alcuni dei quali non possono fare a meno di quei 1000 euro promessi per pagare bollette o fare fronte ad altre spese incombenti. I Dardenne non giudicano nessuno, nè puntano il dito, piuttosto espongono la realtà dei fatti e le diverse situazio- ni personali, per cui molti colleghi di Sandra negano il voto in suo favore, per paura di subirne le conseguenze. L’essenzialità è la caratteristica principale di questa pellicola, priva di fronzoli, ma solida, in cui i numerosi piani sequenza sottolineano ulteriormente l’emotività dei personaggi. Il film, presentato all’ultimo Festival di Cannes, è una storia estrema ma vera, su come il coraggio e l’orgoglio debbano vincere sulla solitudine e l’abbandono quando in gioco c’è la necessità di sopravvivenza.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: