Eldorado Road

MV5BMTg5Mjc5MTkzMV5BMl5BanBnXkFtZTcwMzA5NDE1Mg@@._V1_

Eldorado – Belgio/Francia 2008 – di Bouli Lanners

Commedia/Drammatico – 80′

Scritto da Francesco Carabelli (fonte immagine: imdb.com)

Il giovane tossicomane Didier commette furti per racimolare il denaro per visitare la famiglia, ma viene colto sul fatto dal quarantenne Yvan, comerciante in auto americane d’epoca. Sarà l’inizio di un’amicizia che li porterà a mettersi in viaggio assieme alla ricerca delle proprie origini…

Un film frizzante, giovane, ironico, un film belga che sembra girato in America. Il talentuoso attore e regista belga Bouli Lanners ci sorprende con questo suo secondo lungometraggio presentato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2008. Una fotografia ispirata che gioca su piani e campi fissi, in cui la macchina da presa risulta occhio obiettivo che riprende la realtà che avviene davanti a lei. Campi lunghi si alternano a primi piani nello svolgersi dei dialoghi, senza lasciare spazio alla macchina in movimento (se si escludono i movimenti dovuti agli spostamenti in automobile).

La natura con i suoi grandi spazi ha un posto di onore in questo film, elemento che pacifica i conflitti umani e rende i protagonisti parte di un mondo che va oltre i propri piccoli problemi di ogni giorno (ad esempio la pioggia come elemento di sorpresa che li costringe a cambiare i propri programmi e ad adattarsi). Lanners ci racconta la storia di un giovane tossicodipendente, Didier (Elie) che per potersi pagare il viaggio di ritorno in famiglia si dedica al furto.

Scoperto dal padrone di casa Yvan, interpretato qui dallo stesso Lanners, non viene tuttavia denunciato alla polizia, anzi tra i due uomini nasce un’ amicizia, una simpatia reciproca. Yvan decide di accompagnare il giovane dai genitori e così inizia un viaggio nel verde della Vallonia, nel quale i due avranno modo di confrontarsi, di conoscersi e di apprezzarsi. Non mancano gli incontri con personaggi strambi come il collezionista veggente di auto incidentate o la coppia di omosessuali nudisti. Yvan vede nei problemi di Didier i propri, nella di lui solitudine la propria, nella lotta costante con la droga la propria lotta per il fratello tossicomane da poco scomparso.

Ma tutto è preso con molta ironia pur nella realtà dei problemi trattati, sorprendendoci e rendendoci partecipi di quanto accade. Lo stesso finale, pur se aspettato, rimane aperto e la speranza di una vita nuova non viene del tutto negata. È un film molto maschile, in cui il tema dell’amicizia tra uomini ha un posto importante assieme a valori quali la solidarietà umana e la fiducia reciproca (anche nel finale la fiducia di Yvan per Didier non viene meno nonostante gli accadimenti). Da citare la bella colonna sonora che riesce a sottolineare in modo appropriato i momenti salienti dell’azione senza mai risultare di troppo, come nei migliori road movie. Un’opera seconda matura che mostra un autore da seguire, espressione di una dinamica cinematografia quale quella belga.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: