Peccato

Beyond The Forest – USA 1949 – di King Vidor – drammatico/noir – 97′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Rosa Moline è la moglie di Louise Moline, un medico stimato da tutti, ma ha un grande sogno: fuggire dalla cittadina di Fleming per Chicago. Ci riesce con l’aiuto dell’amante, Neil, un uomo ricco e giovane. Nella fuga i due saranno disposti a tutto, compresi gli omicidi.

Peccato fu uno dei lavori più odiati da Bette Davis, che per molti, con questo film, toccò il fondo della sua carriera. L’attrice ha raccontato, infatti, di aver supplicato Jack Warner di risparmiarle il ruolo di Rosa Moline, dipinta nel film come una strega, una peccatrice a cui nulla più interessa se non estremizzare la vita come perdizione. La diva cercò di convincere Warner di essere troppo vecchia per interpretare questa Madame Bovary in chiave moderna che odia il mite marito, interpretato da Joseph Cotten, che ha un amante giovane e ricco e che sogna l’eccitante Chicago.

Peccato è in effetti un classico esempio di non riuscito eppure coinvolgen- te, un noir esasperato, dominato dal chiaroscuro. E sicuramente la strava- gante e gesticolante Rosa della Davis non annoia mai. La sceneggiatura di Lenore Coffee, tratta dal romanzo di Stuart Engstrand, è farcita di battute, mentre la colonna sonora di Max Steiner riprende la celebre canzone “Chicago” di Fred Fischer. Tutto nel film risulta ovvio o poco credibile sotto l’indulgente direzione di King Vidor: eppure Bette Davis, con una lunga parrucca nera che ricorda molto l’acconciatura di Jennifer Jones in Ma- dame Bovary dello stesso anno, un trucco pesante e dei pericolosi tacchi a spillo, non fa rimpiangere il confronto. Come citava lo slogan di lancio della pellicola “ Nessuno è buono come Bette Davis quando fa la cattiva”, la star di Hollywood riuscì ad uscirne salva nella sua interpretazione anche in questo lavoro che, c’è da dirlo, non fu dei migliori e che fu l’ultimo sotto contratto con la Warner. Da ricordare, la celebre battuta pronunciata dal- l’attrice “What a dump!” (tradotta in italiano con “Che stamberga!”), ripre- sa da Elizabeth Taylor nell’interpretazione di Martha in Chi ha paura
di Virginia Woolf?.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: