Predestination

USA 2014 – di Michael Spierig, Peter Spierig – noir – 97′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Al suo ultimo incarico, un agente che deve affrontare una serie intricata di viaggi spazio temporali, progettati per garantire l’applicazione della legge per l’eternità. Ora, al suo ultimo incarico, l’agente è all’inseguimento di un criminale che da sempre continua a sfuggirgli: l’obiettivo è salvare migliaia di vite messe in pericolo dai piani di questo terribile assassino.

Tratto dal racconto “Tutti voi zombie” del 1959 di Robert A. Heinlein, Pre- destination racconta la vita di un agente, al suo ultimo incarico, che viag- gia nel tempo per catturare l’unico criminale sfuggitogli nel corso degli anni.

I temi complessi della storia di Heinlein rendono la sceneggiatura di que- sto film diversa da quella di qualsiasi altra pellicola: si tratta, infatti, di una narrazione non convenzionale, come se si stesse visionando cinque o sei film insieme: un film di azione, un poliziesco e così via, che si trasforma poi in un dramma intimo di qualcuno che racconta la propria vita ad un bari- sta. É sicuramente un film originale nel suo impianto, quasi filosofico in quanto i viaggi nel tempo sono solo un mezzo narrativo per portare l’attenzione sulla circolarità del tempo, ma soprattutto sulla ricerca della propria iden- tità cercata e alla fine trovata. La storia e l’ambientazione di questo noir, inoltre, rendono l’atmosfera ricca di mistero.

Ethan Hawke, che interpreta il ruolo del barista, il cui carattere diventa sempre più avvincente nel procedere del film, è affiancato dall’australiana Sarah Snook, che esprime con un’interpretazione profonda la complessi- tà del ruolo della Madre Nubile dalla doppia natura.
Pur essendo un racconto interessante, l’intreccio sembra perdersi nella versione cinematografica, forse troppo aggrovigliato per lo spettatore medio. Comunque il film si rivela interessante nel racconto e nei dialoghi dei due protagonisti che nel rivivere qualche cosa del passato giocano anche una specie di attrazione ambigua visto che l’identità sessuale di Sarah Snook è cambiata in maschile. Non si può non notare che gli intenti dei due fratelli gemelli registi, Peter e Michael Sperig fossero vari e ambiziosi: i risultati ci sono, anche se manca una linearità logica nel pas- saggio dal racconto alla sceneggiatura del film.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: