Berlin Syndrome – In ostaggio

MV5BYzQ0YWRjYjctYmQ5ZC00M2M2LWE0NzMtMTI4ZDg1NjIyZTM1XkEyXkFqcGdeQXVyMTM2MzgyOTU@._V1_SY1000_SX675_AL_

Berlin Syndrome – Australia 2017 – di Cate Shortland

Drammatico/Horror/Mistery – 116′

Scritto da Francesco Ruzzier (fonte immagine: imdb.com)

Claire è una ragazza australiana, appena trasferitasi a Berlino. Un giorno, per caso, incontra Andi, un affascinante insegnante di inglese, e tra loro scatta subito la scintilla. Tutto sembra andare a meraviglia quando, una mattina, Claire si sveglia a casa di Andi e trova la porta d’ingresso sbarrata.

È davvero difficile non rendersi conto di come, spesso e volentieri, la riuscita o meno di un film dipenda in maniera quasi vitale dall’approccio narrativo con cui la storia viene affrontata. Ed è decisamente appagante quando ci si trova di fronte ad un caso in cui questo accade in modo incredibilmente convincente: Berlin Syndrome di Cate Shortland è uno di questi.

Claire è una ragazza australiana, appena trasferitasi a Berlino per realizzare un reportage fotografico sui vecchi palazzi della DDR. Un giorno, per caso, incontra Andi, un affascinante insegnante di inglese, e tra loro scatta subito la scintilla. Tutto sembra andare a meraviglia quando, una mattina, Claire si sveglia a casa di Andi, si prepara per uscire e trova la porta d’ingresso sbarrata, tutte le finestre sigillate e il suo cellulare senza sim: quella che sembrava il romantico inizio di una storia d’amore si trasforma all’istante in un incubo.

Non è di certo il primo film della storia incentrato su un rapimento né sarà l’ultimo; è però sicuramente strano vedere come, nonostante il film sia in tutto e per tutto un thriller ad alta tensione, la regista australiana abbia deciso di costruirlo da un punto di vista formale come se fosse una love story indie: l’atmosfera che riesce a ricreare grazie ad un sapiente uso di tutti gli ingredienti cinematografici – dalla colonna sonora alla fotografia, dai primi piani ai ralenti – conferisce al film quel fattore umano che in questi casi di solito manca. E così lo spettatore si trova in difficoltà a condannare il rapitore tanto è convincente l’amore che lui prova per lei; allo stesso modo risulta complesso giudicare la protagonista quando commette quei classici errori da vittima che i personaggi dei film di solito compiono, tanto è complesso il suo rapporto con il rapitore, tanto è forte l’attrazione che lui esercita nei suoi confronti.

In questo senso è veramente incredibile l’abilità della regista australiana nel riuscire a cambiare continuamente genere, riuscendo per altro ad essere sempre convincente, sia nelle scene ad alta tensione che in quelle più romantiche. Berlin Syndrome riesce così a restituire in modo non convenzionale la complessità, l’ambiguità e l’assenza di logica dei rapporti umani: non male per un “semplice” thriller di rapimento.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: