Johnny Guitar

USA 1954 – di Nicholas Ray – western – 110′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Arizona: Vienna, proprietaria di un saloon, è malvista dagli abitanti del paese perché dà ospitalità a una banda di fuorilegge. Si fa dunque aiutare da Johnny, pistolero-chitarrista e suo ex amante, per tener testa agli ac- cusatori e alla sua acerrima nemica Emma.

Giudicato troppo eccentrico ed eccessivo quando uscì nel 1954, Johnny  Guitar può essere considerato oggi un film cult, un capolavoro di lirismo barocco e di graffiante parodia sul maccartismo che colpì Hollywood dagli anni Quaranta fino alla metà del decennio successivo.

Il titolo è riferito al pistolero-chitarrista della storia, ma in realtà la pellico- la ruota attorno al personaggio di Vienna, interpretata da una grandissima e affascinante Joan Crawford: ella è la proprietaria di un bar-casa da gioco in Arizona ed è accusata di dare ospitalità alla banda di criminali ca- peggiata da Dancin’ Kid (Scott Brady). È soprattutto Emma (Mercedes McCambridge), innamorata del bandito che però ha attenzioni solo per Vienna, a guidare quella che diventa una vera e propria “caccia” ai rapina- tori e alla loro protettrice: sarà Johnny (Sterling Hayden) ad aiutare la donna e a riconquistarla dopo anni di separazione.

Il fascino del film scaturisce dalla netta opposizione delle forze in campo e dalla poetica esaltazione della libertà e dell’amore che, alla fine, vince su tutti. Le due vere protagoniste sono due donne dal carattere deciso, rivali sullo schermo ma anche fuori dal set: Vienna si è costruita la propria fortu- na da sola (forte ed esemplificativa la frase: “Non mi vergogno di come ho fatto quello che ho. La cosa importante è che ce l’ho”), gestisce orgogliosa- mente il proprio saloon, ma non ha dimenticato il sentimento che la lega al suo ex amante Jonnhy; Emma, invece, è una donna aggressiva, così domi-
nata dall’odio nei confronti della sua rivale che è da sempre amata dal rapi- natore Dancin’ Kid da volere la morte di entrambi. Pur essendo ambientato nel West, il film è un melodramma dal sapore avvincente ma allo stesso tempo struggente, che espone un chiaro simbolismo sessuale nella coppia di antagoniste Crawford-McCambridge, la cui rivalità domina la pellicola fino alla resa dei conti finale.

Il regista Nicholas Ray, nonostante i limiti del budget produttivo, riesce ad attribuire una cifra stilistica al film con il pieno utilizzo del Tru-color, che definisce caratterialmente i personaggi e conferisce drammaticità in al- cune scene (ad esempio quando Joan Crawford suona malinconica il piano vestita di bianco sullo sfondo rosso del locale) e con frequenti primi piani sui volti dei protagonisti. Sebbene non manchino inseguimenti e colpi di pistola tipici di un western, Johnny Guitar vive di una forte struttura romantica: Vienna e Johnny, pur afflitti dal passato, si ritrovano più uniti che mai in un momento di pericolo, e rappresentano il più chiaro esempio di tragedia sentimentale. Ad esaltare il tono melodrammatico del film, il bellissimo motivo scritto da Victor Young e cantato da Peggy Lee che incarna, con una voce calda e appassionata, lo spirito romantico dell’opera.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: