Cattivi vicini

Neighbors – USA 2014 – di Nicholas Stoller – commedia – 97′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Mac e Kelly vivono in un quartiere tranquillo fino all’arrivo di Teddy e della confraternita Delta Psi Beta che sconvolgeranno la pacifica vita del vicinato.

Se negli anni Cinquanta la “commedia americana” era esempio di freschez- za e di divertimento spontaneo, oggi possiamo altrettanto affermare che sta avvenendo un graduale decadimento del genere, per colpa (in gran parte) di registi e sceneggiatori, oltre che dei produttori che decidono di fi- nanziare tali pellicole: in Cattivi vicini la scelta di Nicholas Stoller e di Brendan O’Brien e Andrew J. Cohen è quella di puntare alla volgarità e alla banalità sia della trama che dei dialoghi, al limite dell’udibile.

Mac (Seth Rogen) e Kelly (Rose Byrne) sono genitori della piccolo Stella e vivono felicemente fino all’arrivo di una confraternita che si trasferisce proprio nella casa vicina alla loro. Se Rogen assomiglia molto al marito fannullone e fumatore di erba che vuole rappresentare, la Byrne, invece, centra poco con la mamma sexy che intuisce diversi piani per depistare i nuovi vicini. Ma, al di là delle singole interpretazioni, in generale, l’imma- gine che viene data di questi due genitori, i quali lasciano addirittura da sola in casa la bambina per introdursi furtivamente alla festa allucinogena della confraternita, è assolutamente di cattivo gusto e non realistica. Come di cattivo gusto sono le battute dei personaggi, disgustose e deprimenti, tanto che anche ad un pubblico adulto risultano irritanti e fastidiose. Meno colpe hanno Zac Efron e Dave Franco (Teddy e Pete), nella parte dei fisicati Presidente e Vicepresidente della confraternita che pensano unicamente a ciò a cui pensa un ventenne californiano: a divertirsi (ci limitiamo a questo).

Se l’obiettivo del film era quello di esaltare un sentimento importante come l’amicizia fraterna o di trattare una decisione fondamentale per i giovani, cioè il “cosa farò da grande?” (Efron diventa modello per una catena di ab- bigliamento), purtroppo ciò non avviene, perché volgarità e riferimenti espliciti al sesso prendono il sopravvento: Cattivi vicini manca sostan- zialmente di ciò che costituisce una commedia, ovvero battute brillanti, umorismo sottile e un perfetto equilibrio tra dialoghi ed azione. Il film, piuttosto, è un esempio di film da non fare, non produrre e non andare a vedere.

Voto: 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: