Regole d’onore

Rules of Engagement– USA,  2000– di William Friedkin – Drammatico/Azione– 128′ –

Scritto da Carlo Danieli (fonte immagine:MondoFox)

Il colonnello dei Marines Childers viene inviato nello Yemen per controllare una folla di rivoltosi che sta protestando davanti all’ambasciata USA. Appena giunto sul posto la situazione degenera precipitosamente, e il comando di Childers, su ordine di quest’ultimo, vedendosi minacciato dal fuoco dei ribelli, spara sulla folla, causando una strage. Tornato in patria, il Dipartimento decide di processarlo per strage di innocenti, con lo scopo di far ricadere interamente su di lui una colpa che altrimenti sarebbe degli USA stessi. Lo difende un suo vecchio compagno d’armi ai tempi del Vietnam, il colonnello ed avvocato Hodges. Trionferà la verità. Solido film, diretto con mano ferma da un insolito William Friedkin che si discosta parecchio dal suo usuale sguardo pessimistico sul mondo, per abbracciare una logica più patriottica, tipicamente Usa.

Questa presa di posizione, che molto difficilmente si riscontra nei film precedenti del regista, lo porta a dirigere una pellicola senza particolari sussulti, molto lineare, ma sicuramente interessante, che pone diversi interrogativi sulla legittimità di certe operazioni militari e politiche interne nonché sul codice etico del corpo dei Marines e in generale sulla lealtà di ogni uomo. Sembra volerci suggerire il regista che alla fine ciò che conta di più è la lealtà e l’onore, e solo un comportamento sulla base di questi principi alla fine paga. È un film che per caratteristiche e stile registico ricorda, anche nel titolo, la pellicola Codice d’onore di qualche anno precedente, anche se con una logica di fondo sostanzialmente rovesciata. Davvero ottimi gli interpreti principali, Samuel Lee Jackson nei panni del colonnello Childers e Tommy Lee Jones nei panni del suo avvocato difensore, a cui fanno da spalla gli altrettanto bravi Guy Pearce (pubblica accusa) e Ben Kingsley (ambasciatore USA). Consigliato a tutti coloro che amano i legal thriller giudiziari.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: