Fast & Furious 7

MV5BMTQxOTA2NDUzOV5BMl5BanBnXkFtZTgwNzY2MTMxMzE@._V1_SY1000_CR0,0,631,1000_AL_

Furious Seven – Stati Uniti/Cina/Giappone/Canada/Emirati Arabi – di James Wan

Azione/Avventura/Thriller – 137′

Scritto da Ivana Mette (fonte immagine: imdb.com)

Un anno dopo le vicende narrate nel precedente capitolo, Dom e Brian si ritrovano a godere della liber faticosamente conquistata, mentre dall’altra parte del mondo, precisamente a Tokyo, un killer delle forze speciali inglesi, Deckard Shaw (Jason Statham), inizia la sua vedetta nei confronti del team che ha reso un vegetale il fratello minore Owen (Luke Evans). Inizia uccidendo Han e tentando di uccidere poi Hobbs a Los Angeles. Questo lo porte poi sulla strada di Toretto, di cui rade al suolo la casa, costringendolo ad allearsi con un agente governativo Mr. Nobody (Kurt Russel) che lo aiute a vincere la minaccia che coinvolge lui e tutta la sua famiglia.

 Ambien​ta​to​ crono​lo​gi​ca​men​te​ dopo le vicen​de​ di Tokyo Drift, Fast & Furious 7 torna sulle orme dei prece​den​ti​ per dare vita ad un enne​si​ma​ pelli​co​la​ pronta​ a sbanca​re​ i botte​ghi​ni​ con il suo imman​ca​bi​le​ ecces​so​ in tutto ciò che la riguar​da​. Ma, mentre​ nei prece​den​ti​ capi​to​li​ le scene e i momen​ti​ al di là dell’u​ma​na​ compren​sio​ne​ veni​va​no​ dosa​ti,​ seppur​ in un crescen​do​ che va a compier​si,​ tempo​ra​nea​men​te,​ con quest’ul​ti​mo​ capi​tolo, qui inve​ce​ la sovru​ma​na​ poten​za​ dei moto​ri​ e soprat​tut​to​ degli umani raggiun​ge​ apici mai visti. Wan non si è spreca​to​ nell’u​sa​re​ il masto​don​ti​co​ budget​ per distrug​ge​re​ più macchi​ne​ possi​bi​li​ e creare​ sequen​ze​ memo​ra​bili​ e spetta​co​la​ri​ fino all’in​ve​ro​si​mi​le​. Scontri​ fronta​li,​ lanci da diru​pi​ a tutto gas senza la cura di ciò che può esser​vi​ sotto, voli tra gratta​ce​li​ (non due, ma ben tre!), combat​ti​men​ti​ e spara​to​rie​. Tutti elemen​ti​ appa​ren​te​mente​ tipi​ci​ del gene​re,​ ma che assu​mo​no​ tutto un altro valo​re​ se consi​de​riamo​ che sono anche eventi​ in cui nessu​no​ pare aver ripor​ta​to​ un graffio,​ o esse​re​ anche solo lonta​na​men​te​ rinton​ti​to​ dopo tanto sballot​ta​men​to​ e botte rice​vu​te​. Scene adrena​li​ni​che​ e sceno​gra​fi​che​ che soddi​sfa​no​ lo spettato​re​ e lo porta​no​ ad esclama​zio​ni​ poco deco​ro​se​ quanto​ ecci​ta​te​. Puro fan servi​ce​ forse, consi​de​ran​do​ anche l’imman​ca​bi​le​ hot fight con Michelle Rodriguez, che, con un avve​nen​te​ abito rosso sangue,​ non rispar​mia​ colpi e ginoc​chia​te​ verso una colos​sa​le​ biondo​na,​ poten​zial​men​te​ dell’e​st​ Euro​pa,​ senza ovvia​men​te​ ripor​ta​re​ un ammac​ca​tu​ra​ anche dopo una caduta​ con tanto di caprio​la,​ di alme​no​ cinque​ metri. Alta​men​te​ discu​ti​bi​le​ è la presen​za​ di Statham,​ che sbuca di punto in bianco​ ovunque​ senza ragio​ne appa​ren​te​ e senza sape​re​ come.

La perso​ni​fi​ca​zio​ne​ della vendet​ta,​ della violen​za​ e dela leta​li​tà,​ non sembra poi avere grande​ spesso​re​ e come villan​ si presen​ta​ ecces​si​va​men​te​ piatto,​ esternan​do​ di tanto in tanto qualche​ minac​cia​ e frase ad effet​to​ stile cyborg​. E, anco​ra​ peggio​re,oltre​ quella​ di un Russel​ che però alme​no​ è utile come fonte di infor​ma​zio​ni​ e per guida​re​ gli sposta​men​ti​ del team di prota​goni​sti​ fra i vari conti​nen​ti,​ è la figu​ra​ Djimon​ Hounsou,​ il quale forni​sce​ una vaga parven​za​ di utili​tà​ solo nel mette​re​ alle strette​ Dom prima che quest’ul​ti​mo​ ci forni​sca​ l’enne​si​ma​ follia​ alla Jackass. Insom​ma,​ entram​bi​ elemen​ti​ acces​so​ri​ per ravvi​va​re​ l’azio​ne​ di tanto in tanto. Non guasta​ mai inve​ce​ The Rock, sempre​ pronto​ a rega​la​re​ brevi atti​mi​ epici che fanno sorri​de​re​ e fare un inchi​no​ quasi reve​ren​zia​le​ alla sua prestan​za​ fisi​ca​ (vedi bici​pi​te​ che frantu​ma​ il gesso). Lo sforzo​ regi​sti​co​ è ammi​ra​bi​le​ e per quanto​ fosse un’impre​sa​ al quanto​ compli​ca​ta,​ soprat​tut​to​ vista la prema​tura​ scompar​sa​ del co-prota​go​ni​sta​ (Paul Walker) appe​na​ all’i​ni​zio​ delle ripre​se​. Wan è riusci​to​ a porta​re​ a compi​men​to​ un prodot​to​ di cui è loda​bi​le l’abi​li​tà​ di ripre​sa​. In parti​co​la​re​ nelle scene di combat​ti​men​to,​ la tele​ca​mera​ segue perfet​ta​men​te​ ogni mossa dei perso​nag​gi,​ persi​no​ nelle loro cadu​te​ con acuti movi​men​ti​ di macchi​na​ anche a 360°, che immer​go​no​ sempre​ più nella visio​ne​. Si va a ricer​ca​re​ il detta​glio​ e la parti​co​la​ri​tà​. Vi è una preci​sio​ne​ nel gira​to​ e un’atten​zio​ne​ proba​bil​men​te​ anche supe​rio​re​ alle prece​den​ti​ pelli​co​le​ gira​te​ da Justin Lin. Inte​res​san​te​ nota​re​ è anche l’alter​nan​za,​ nella colon​na​ sono​ra,​ di pezzi desti​na​ti​ a far trama​re​ le pare​ti​ delle disco​te​che​ a suoni che paio​no​ rappre​sen​ta​re​ l’ani​ma​ stessa​ del film e della saga. Dal rombo di moto​ri​ che ovvia​men​te​ sovra​sta​ e domi​na​ tutti gli altri, agli impat​ti​ tra musco​li​ nelle scene di combat​ti​men​to​ ai suoni della città e degli elemen​ti​ che compon​go​no​ le scene, fino alle singo​le​ voci, le quali per tutta la dura​ta​ paio​no​ esse​re​ quasi un contor​no,​ fino alla parte finale​ dove acqui​sta​no​ un peso e un signi​fi​ca​to​ che trascen​de​ la singo​la​ pelli​cola​. Il film è anche un prodot​to​ tecni​ca​men​te​ molto inte​res​san​te​ per quanto​ riguar​da​ l’uti​liz​zo​ di tecni​che​ di CG Anima​tion​. Con tale tecni​ca,​ associa​ta​ a picco​li​ espedien​ti​ e strata​gem​mi​ studia​ti,​ sono riusci​ti​ a rende​re​ l’impos​si​bi​le,​ ossia far esse​re​ presen​te​ Brian/Paul per tutto l’arco​ del film, ma anche a rende​re​ anco​ra​ più reale ciò che il cine​ma​ nel suo comples​so​ fa: rende​re​ immor​ta​le​ l’esse​re​ umano. Impri​gio​nar​lo​ per sempre​ al suo interno​ e dargli​ nuova vita. Ed è l’obbiet​ti​vo​ che sono riusci​ti​ a conqui​sta​re​ con questo​ block​bu​ster​ colos​sa​le,​ fatto di esplosio​ni​ e rombi di moto​ri​ che sovra​sta​no​ la colon​na​ sono​ra​. Sono riusci​ti​ a tene​re​ in vita Walker,​ scartando​ la più sempli​ce​ e meno dispen​dio​sa​ solu​zio​ne​ della morte cine​ma​to​grafi​ca,​ e a dargli​ il lieto fine che inve​ce​ nella vita non è riusci​to​ ad avere. Commo​ven​te​ è, senza ombra di dubbio,​ l’enco​mio​ fina​le​ all’at​to​re​. Molto poeti​co​ e simbo​li​co​ con un ulti​ma​ corsa in auto dopo quattor​di​ci​ anni dalla prima, e la fina​le​ sepa​ra​zio​ne​ verso sue strade​ diver​se,​ dando così addio all’ami​co,​ non soltan​to​ nel film, ma anche nella vita reale. “You will always be with me” dice Toret​to​. E’ quasi surrea​le​ e magne​ti​co​ per quanto​ possa appa​ri​re​ assur​do​ e para​dos​sa​le,​ eppu​re​ Fast and Furios​ 7, anche con quel pizzi​co​ di ironia​ ben dosa​ta​ e sempre​ piace​vo​le,​ riesce​ a rende​re​ cele​bra​ti​va tutta l’epo​pea​ messa sullo schermo​. E seppu​re​ sia impos​si​bi​le​ non sbarrare​ gli occhi ed aggiu​star​si​ sulla sedia per lo sconcer​to​ alla vista di un bici​pite​ capa​ce​ di rompe​re​ il gesso e lo stesso​ bici​pi​te,​ cinque​ minu​ti​ dopo, che tiene in mano la mitra​glia​tri​ce​ di un elicot​te​ro;​ si fini​sce​ con l’usci​re​ dalla sala visi​bil​men​te​ elettriz​za​ti​. L’impa​sto​ adrena​li​ni​co​ è palpa​bi​le,​ fulmi​neo​ e in fede con la velo​ci​tà​ di montag​gio​ e di azione​ del cine​ma​ (special​men​te​ Block​bu​ster)​ contem​po​ra​neo​. Un prodot​to​ che nel corso degli anni ha allarga​to​ sempre​ più i suoi orizzon​ti​ e si è anda​to​ ad evolve​re​ esalta​to​ il tema di una fami​glia​ che va oltre i lega​mi​ di sangue,​ dando più spesso​re​ e spiri​to​ a perso​nag​gi​ che, come spesso​ acca​de​ col prodot​to​ di puro intrat​te​ni​men​to, rischia​va​no​ di perde​re​ o mai acqui​si​re​ un certo grado di serie​tà​ e perciò​ umani​tà​. Ed infon​do​ è anche questo​ che fa amare il film. E’ questo​ che lo spetta​to​re​ ricer​ca​ e si aspetta​. Aspetta​ di ritro​va​re​ quei valo​ri​ umani che acco​mu​na​no​ tutti e a cui tutti danno valo​re​ e senti​men​to​. E per quanto​ si possa​no​ trova​re​ discu​ti​bil​men​te​ vero​si​mi​li​ le banal​men​te​ defi​ni​bi​li​ acroba​zie, è ciò che ha reso questa​ saga un record​ per la Univer​sal,​ ormai un cult del gene​re,​ con fan che sbuca​no​ fuori da ogni dove e sicu​ra​men​te​ una delle saghe origi​na​li​ più longe​ve​ degli ulti​mi​ anni, sicu​ra​men​te​ sempre​ pronta​ a colpi​re​ e affa​sci​na​re​ anco​ra​ anche nei succes​si​vi​ capi​to​li​.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: