Scusate se esisto!

Italia 2014 – di Riccardo Milani – commedia – 98′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Serena è un architetto dal talento straordinario. Dopo una serie di successi professionali all’estero, ha deciso di tornare a lavorare in Italia, perchè ama il suo paese. Nell’avventurosa ricerca di un posto di lavoro si trova di fronte a una scelta folle, farsi passare per quello che tutti si aspettano che lei sia: un uomo… O così pare. Nel frattempo incontra Francesco.

Bello e affascinante. Il compagno ideale. Se non fosse che a lui non piac- ciono le donne! O così pare. Tra Serena e Francesco nasce un rapporto in- tenso e diventano la coppia perfetta! Pronti a tutto pur di darsi una mano saranno costretti a condividere segreti e inganni perchè a volte, per essere davvero se stessi, è meglio fingersi qualcun altro!

Dopo Benvenuto Presidente, il regista Riccardo Milani torna sul grande schermo con una nuova e divertente commedia, di cui i protagonisti sono sua moglie Paola Cortellesi e Raul Bova, coppia consacrata dalla pellicola del 2011, Nessuno mi può giudicare. La popolare attrice veste i panni di Serena, un architetto abruzzese dal ta- lento straordinario, legata alla sua terra d’origine (Anversa, non quella in Belgio) e un po’ nerd nell’animo, che sogna di poter realizzare un progetto ambizioso e nobile: il “Chilometro Verde” nella zona del Corviale, a Roma. Un intervento di ristrutturazione edilizia che favorisca la creazione di spazi di interesse comune, come sale di lettura per i ragazzi e luoghi di incontro per famiglie, oltre che riqualificare tutta la zona residenziale. Ma per otte- nere il lavoro il suo talento non basta, e con l’aiuto di Francesco (Raul Bova), tanto bello quanto omosessuale, escogita stratagemmi assurdi e in- verosimili per prendersi ciò che vuole.

Il film di Milani, che dirige la compagna per la terza volta, si basa su una
trama divertente ed accattivante (di cui la stessa Cortellesi è sceneggiatri- ce) che riesce a sottolineare, allo stesso tempo, temi seri, come quello delle distinzioni sessiste che sembrano avere una via privilegiata nel mondo del lavoro e il problema della riqualificazione del famoso “Serpentone”, una piccola città nella città che dal degrado urbano può diventare simbolo di una progressiva rinascita. Vi è, dunque, una forte attenzione nei confronti delle condizioni in cui le persone del nostro paese vivono perché, come af- ferma la protagonista, “le persone contano”: da qui il bisogno di togliere le maschere, quelle con cui tendiamo a nascondere le nostre personalità per piacere di più agli altri, ed essere noi stessi, nel bene e nel male.

E il punto di forza del film, e della commedia italiana in generale, è quello di riuscire a parlare di realtà dure e scomode con un taglio ironico: merito anche dell’attrice e intrattenitrice romana, dallo stile ormai inconfondibile, che fa di Scusate se esisto una “divertente commedia seria”.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: