The Whispering Star

MV5BMzdlYzU1YmMtOTMyMS00MmVlLTgyMDYtMGYyZTZlZGFlMmQ0XkEyXkFqcGdeQXVyOTAzODAwOQ@@._V1_SY1000_CR0,0,706,1000_AL_

Hiso hiso boshi – Giappone 2015 – di Sion Sono

Fantascienza – 100′

Scritto da Eva Cabras (fonte immagine: imdb.com)

In futuro l’umani divente un specie in via di estinzione e le macchine colonizzeranno l’universo. I pochi superstiti della razza umana si sparpaglieranno su inospitali pianeti, in attesa di ricevere dalla fattorina intergalattica Yoko i cimeli di una quotidiani ormai dimenticata. La trama è comunque l’ultimo dei pensieri di Sion Sono, che realizza un film al limite dell’astrazione interamente dedicato all’essenza del genere umano.

Quando​ le macchi​ne​ e i robot colo​niz​ze​ran​no​ la Terra, gli esse​ri​ umani rimasti​ lasce​ranno​ il proprio​ piane​ta​ per rifu​giar​si​ in nuove e lonta​ne​ galas​sie dall’a​spet​to​ comun​que​ forte​men​te​ fami​lia​re​. Per mante​ne​re​ il contat​to​ con le proprie​ origi​ni,​ i profu​ghi​ galat​ti​ci​ si spedi​sco​no​ a vicen​da​ ogget​ti​ insi​gni​fi​can​ti​ cari​chi​ di ricor​di,​ ma con un siste​ma​ talmen​te​ obso​le​to​ da far trascor​re​re​ deci​ne​ di anni tra la parten​za​ e l’arri​vo​. Ad occu​par​si​ delle consegne​ in giro per l’uni​ver​so​ c’è Yoko, un’auto​ma​ antro​po​mor​fa​ che viaggia​ sulla navi​cel​la​ spazia​le​ più assur​da​ mai vista. La suddet​ta​ navi​cel​la​ è, infat​ti, una picco​la​ casa simi​le​ ad un gara​ge​ prefab​bri​ca​to,​ dove la fatto​ri​na​ svolge​ anacro​ni​sti​ca​men​te​ tutta una serie di atti​vi​tà​ senza dubbio​ di perti​nenza​ umana: beve il thè, si taglia​ le unghie,​ prende​ il raffred​do​re,​ fa le pulizie​. L’uni​ca​ inte​ra​zio​ne​ all’in​ter​no​ della casa​-nave​ è quella​ con il compu​ter di bordo, che ha le sembian​ze​ di una vecchia​ radio anni ’50.

Tra una conse​gna​ e l’altra,​ Yoko mostra​ segni di cambia​men​to,​ abban​do​nando​ gradual​men​te​ l’effi​cen​za​ robo​ti​ca​ per una più emoti​va​ visio​ne​ del desti​no​ della razza umana. Rintrac​cia​re​ la trama all’in​ter​no​ di “The Whispering Star” non è sempli​ce,​ data la struttu​ra​ alta​men​te​ concet​tua​le​ e simi​l-astratta​ dell’ul​ti​mo​ lavo​ro​ del giappo​ne​se​ Sion Sono. A compli​ca​re​ la già diffi​col​to​sa​ struttu​ra​ di questa​ opera d’arte​ post​-moder​na​ in bianco​ e nero c’è, innan​zi​tut​to,​ la scansio​ne​ tempo​ra​le​ che indi​ca​ i vari giorni​ della setti​ma​na​. Fin qui niente​ di strano,​ se non fosse che il passag​gio​ da un giorno​ all’al​tro​ è pura​men​te​ casua​le:​ si può passa​re​ da lune​dì​ a marte​dì​ nell’ar​co​ della prepa​ra​zio​ne​ di un thè o subi​to​ dopo un primo piano muto di 4 secon​di​. Il tempo non ha più senso, come quasi tutte le atti​vi​tà​ e le emozio​ni​ umane, ridot​te​ a mecca​ni​ci​ gesti in succes​sio​ne,​ proprio​ come quelli​ di Yoko. La ripe​ti​ti​vi​tà​ osses​si​va​ è una costan​te​ fonda​men​ta​le​ duran​te tutto il film e coinvol​ge​ in egual misu​ra​ le azioni​ dei perso​nag​gi,​ il commento​ sono​ro​ e il lavo​ro​ di regia.

Sion Sono costrui​sce​ il film su movi​men​ti​ di macchi​na​ puli​ti​ ed essen​zia​li, lenti e preci​si,​ predi​li​gen​do​ gli stacchi​ netti e i cambi drasti​ci​ di ango​la​zione​ anche all’in​ter​no​ delle mede​si​ma​ sequen​za​. La propor​zio​ne​ tra scene all’in​ter​no​ della navi​cel​la​ e scene in esterna​ sui vari piane​ti​ segue di pari passo l’evo​lu​zio​ne​ emoti​va​ della posti​na​ inter​ga​lat​ti​ca,​ da un primo momento​ quasi esclusi​va​men​te​ al chiuso​ a una progres​si​va​ prepon​de​ran​za​ di ambien​ti​ aperti​. Un discor​so​ a parte va dedi​ca​to​ all’im​pian​to​ sono​ro​ di “The Whispering Star”, elemen​to​ ben più rile​van​te​ di un sempli​ce​ accompa​gna​men​to​. Nella prima parte del film, quando​ Yoko è confi​na​ta​ all’inter​no​ della sua navi​cel​la,​ gli unici suoni presen​ti​ sono quelli​ delle ripe​ti​tive​ azioni​ compiu​te​ dalla prota​go​ni​sta,​ ma quando​ avvie​ne​ la prima consegna​ qualco​sa​ cambia​. Un improv​vi​so​ sprazzo​ di colo​re​ illu​mi​na​ la scena e la musi​ca​ prende​ corpo riempien​do​ le orecchie,​ ormai abitua​te​ solta​no​ a lavan​di​ni​ che perdo​no​ e passi attu​ti​ti​. Una volta torna​ti​ a bordo, la musi​ca​ scompa​re,​ per ricom​pa​ri​re​ poten​te​ sul succes​si​vo​ piane​ta​ popo​la​to​ da umani. Ecco che si confi​gu​ra​ una costan​te​. La musi​ca​ è identi​fi​ca​ta​ con il gene​re​ umano e, in parti​co​la​re,​ con il suo lato emoti​vo​.

Quando​ nel fina​le​ Yoko arri​va​ sul piane​ta​ esclusi​va​men​te​ popo​la​to​ da esse​ri umani, la musi​ca​ si fa assor​dan​te,​ in tota​le​ contra​sto​ con il bizzar​ro​ divieto​ di parla​re​ al di sopra dei 30 deci​bel​. Una carrel​la​ta​ di ombre dietro​ a para​ven​ti​ fanno mostra​ di tutta una serie di atti​vi​tà​ umane, davan​ti​ alle quali la fatto​ri​na​ appa​re​ confu​sa​ ma affa​sci​na​ta​. Il rientro​ sulla navi​cel​la​ è un’epi​fa​nia,​ perché​ questa​ volta la musi​ca​ non scompa​re​ sulla soglia,​ ma inva​de​ l’inter​no​ portan​do​ con sé l’essen​za​ dell’u​ma​ni​tà​. Con “The Whispering Star“, dedi​ca​to​ agli abitan​ti​ di Fuku​shi​ma​ non anco​ra​ torna​ti​ in posses​so​ delle proprie​ abita​zio​ni,​ Sion Sono realiz​za​ un film esteti​ca​men​te ipno​ti​co,​ cripti​co,​ concet​tua​le​ e contor​to,​ nelle cui profon​di​tà​ si può cogliere​ un’apo​lo​gia​ affet​tuo​sa​ del gene​re​ umano. Un vero e proprio​ inno alla soprav​vi​ven​za​.

Voto: 8

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: