Castelli di sabbia

The Sandpiper – USA 1965 – di Vincente Minnelli – drammatico – 117′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

Madre giovane e dallo spirito libero, Laura Reynolds seduce il pastore Hewitt, il quale vuole crescerle il figlio nell’istituto da lui diretto.

Girato nell’autunno del 1964, Castelli di sabbia è il terzo film della coppia off e on screen Elizabeth Taylor e Richard Burton, impegnati in una storia romantica agrodolce e per molti versi simile alla loro vita reale.

La giovane artista Laura Reynolds (Elizabeth Taylor) è una mamma premurosa ed amorevole, ma decisa a crescere suo figlio nella più totale li- bertà all’interno della loro spartana casupola situata sulle spiagge della Ca- lifornia. Il pastore Hewitt (Richard Burton) va incontro alla donna, of- frendole la possibilità di vedere il bambino in cambio della sua permanen- za presso il collegio da lui diretto. L’uomo, sposato e con figli, non può fare a meno però di rimanere folgorato dalla bellezza e dalla mentalità anticon- formista di Laura, che senza paura si lascia travolgere da questo amore inaspettato.

Vincente Minnelli, che aveva già lavorato con la Taylor ai tempi de Il padre della sposa (1950) e Papà diventa nonno (1951), si affida nuovamente al suo talento, affiancato a quello del marito Richard Burton. Il film, in realtà, sfrutta al massimo la popolarità dei due attori, qui all’apice del successo dopo Le scandale di Cleopatra, tanto che la trama risulta poco credibile; difatti, si può considerare Castelli di sabbia uno dei lavori meno riusciti della coppia, la quale riesce comunque ad incantare lo spettatore con il fascino della loro appassionante love-story. Il cast vanta anche la presenza di Eva Marie Saint, attrice sempre molto raffinata, ma qui confinata in un ruolo minore.

Suggestive ed emozionanti le riprese delle spiagge del Big Sur, al sud della
California, così come il gambecchio che dà nome al film (The Sandpiper), simbolo di libertà e di crescita rappresentati dal personaggio di Laura. Ma vero fiore all’occhiello della pellicola è la colonna sonora di Johnny Man- del, The Shadow of Your Smile, vincitrice del Premio Oscar nel 1965 come Migliore Canzone.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: