Gli amori folli

Les Herbes Folles – Francia 2009 – di Alain Resnais – commedia – 104′

Scritto da Alessandro Pascale (fonte immagine: imdb.com)

Un giorno Marguerite viene scippata per strada della borsa. All’interno ci è il portafogli che verrà recuperato per caso da Georges, che decide di voler conoscere la donna iniziando a mandarle lettere e farle telefonate ogni giorno. Una visita della polizia gli imporrà di darci un freno ma a quel punto sarà Marguerite che con un’inattesa svolta si darà da fare per incontrarlo…

Ah poter arrivare a 90 anni e riuscire ancora a prendere tutti bellamente per il culo… Non sarebbe male davvero… E riuscire poi a farlo con una clas- se, una freschezza, e un linguaggio così sregolato, dinamico e innovativo poi, sembra quasi un’utopia. E invece Alain Resnais è riuscito in questo piccolo miracolo, sfornando un gioiellino che parte da un registro dram- matico sentimentale per toccare stili e formule più svariati: dal giallo al grottesco, passando per abbozzi comici, un surreale non-sense e formule Nouvelle Vague da terzo millennio.

È così, ci sono certi registi che non invecchiano mai, e a distanza di mezzo secolo dal proprio primo capolavoro (Hiroshima Mon Amour data 1959!) continuano a stupire con film sorprendenti pienamente inseriti nel contesto post-moderno, ma in una maniera a suo modo del tutto controcorrente rispetto ad altri autori. A trionfare ne Gli amori folli non è la storia in sé, ma quello che la storia nasconde o tralascia. In una parola ad accattivare lo spettatore tenendo alta la tensione è tutta quella trafila di piccoli misteri e segreti introdotti qua e là in maniera sapiente dall’autore, il quale però si guarda bene dal rivelarli tutti, lasciando anzi più dubbi e questioni aperte che risposte.

Il maggiore mistero riguarda ovviamente il personaggio di Georges Palet
(impersonato da un eccellente André Dussollier), uomo di mezz’età dal passato ignoto ma senz’altro caratterizzato da qualche guaio (forse giudi- ziario?) di troppo. Le continue incertezze sentimentali e i complessi ritratti psicologici di tutti i personaggi fanno pensare ad un intreccio tra un  Woody Allen particolarmente impregnato di Ingmar Bergman, ed un pizzico di quell’irrealtà un po’ assurda tipica di un maestro come Marco Ferreri.

L’estetica però è ancora pienamente debitrice del primo cinema Nouvelle Vague, da cui si riprende non solo l’interesse tematico per le storie amoro- se “particolari”, ma anche tutti quegli artifizi tecnici che si trovavano ad esempio in film come Tirate sul pianista (di Truffaut). La complessità però non finisce qua, perché subentrano elementi di classicità (come definire altrimenti la scelta di raccontare lo svolgimento degli eventi con un narratore esterno onnisciente?) e modernità virtuosa (le pirotecniche escursioni di una camera a mano svolazzante come quasi il miglior Scor- sese).

E poi il finale, che ti piazza prima un elemento comico che non c’entra nulla (tale la chiusura lampo di Palet che non si chiude) e poi una scena assurda che sembra uno sfottò ai consumisti di cinema hollywoodiano. Una volta Resnais faceva parte della Rive Gauche (la parte più politicizzata della Nouvelle Vague). Oggi è un vecchio anarchico che si toglie qualche sfizio prendendoci tutti per il culo. In ogni caso un grande, e bisogna am- mettere che lo fa con una grandissima classe.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: