Faust

Russia 2011 – di Alexandr Sokurov- fantastico – 140′

Scritto da Alessandro Pascale (fonte immagine: imdb.com)

Il Dott. Faust è un uomo tormentato che lavora nel suo studio sporco, che somiglia più ad una bettola che non ad un laboratorio di ricerca scientifi- ca. L’incontro con il demonio, che prende le forme di un abominevole vec- chio, ed il desiderio che nutre di possedere la giovane Margherita, lo por- teranno ad intraprendere un viaggio attraverso il senso stesso dell’esi- stenza. Il protagonista diventa così un pensatore e un anarchico, un fara- butto e un sognatore che desidera spingersi oltre, anche al di là del con- cetto stesso di “tentazione”.

Faust è uno di quei film che guardi e intanto pensi “è oggettivamente un film fico, però che due palle”. Con tutta la stima che si può avere per So- kurov, noto per la tetralogia comprendente Moloch (1999), Toro (2000) e Il Sole (2005), rispettivamente dedicati alle figure di Hitler, Lenin, Hiroito, che ora vedono la loro conclusione con la rilettura del Faust.

Per capire il nesso tra i tre personaggi storici quest’ultimo occorre leggere la spiegazione data dall’autore: “Io non faccio film sui dittatori, ma faccio film su coloro che hanno mostrato una personalità eccezionale rispetto a tutti gli altri. Essi apparivano come coloro in grado di avere il potere decisionale. Ma la fragilità umana e la passione influenzarono le loro azioni più che la loro condizione e le circostanze. Le qualità umane e il carattere sono più importanti di qualsiasi circostanza storica”.

Personalità eccezionale, potere, passione e carattere sono quindi al centro dell’opera di Sokurov. Di qui la scelta del “moderno” Faust (impersonato da Johannes Zeiler): un medico-dottore-professore alla ricerca del senso della vita (e, perchè no?, dell’origine della realtà terrena), e soprattutto di un senso alla propria vita. Entrato in profonda crisi esistenziale Faust è
ormai diventato un essere totalmente incapace di integrarsi nella società, e vive alla bell’e meglio, mantenendo un piglio altezzoso e superiore nei con- fronti del resto della “plebe”. L’incontro con il diavolo, comparso sotto la forma di un cinico usuraio, avviene per esigenze puramente materiali (de- naro) ma presto si allarga a questioni spirituali: il demonio, attraverso dia- loghi e conversazioni sconnesse e frammentate, riesce a ridare vigore ed uno scopo al professore, ora inebriato dall’incontro con la bella e giovane Margarethe.

Questo amore che nasce degenera però presto nella maniera più turpe pos- sibile, lasciando libero campo alla peggiore depravazione possibile del Faust, assecondata dal diavolo in maniera benevola e naturale, natural- mente in cambio della sua anima. La storia d’altronde è nota, e si è perso fin troppo tempo ad enunciarla nel dettaglio. L’opera di Sokurov merita invece altre considerazioni, giacchè si parla pur sempre del film vincitore del Leone d’oro del 68° Festival di Venezia (2011). Un premio probabilmente ottenuto grazia alla “rendita” ottenuta dall’autore, noto anche per un’opera maestosa come Arca russa (2002): un unico piano-sequenza di un’ora e mezza…

Preso di per sé infatti il Faust risulta un’opera eccessivamente intrisa di simbolismo (ai limiti dell’ermetismo), indeciso se scendere nel campo del grottesco, del dramma, del sentimentale, del gotico o del surrealismo. Lo stacco totale del finale dal resto della narrazione appare un taglio troppo netto, eccessivamente sconnesso sia a livello narrativo che visivo. Simili osservazioni si potrebbero fare sulla narrazione: nervosa, frammentata, spesso inconcludente, priva di decise variazioni di timbro. Si rimane in un limbo in cui si viene accompagnati da un esile filo di eventi che trascinano a fatica il Faust e il suo diabolico compare, storditi da chiacchiere e atteggiamenti corporali costantemente ai limiti del grottesco e del ridicolo. Eppure nonostante gli sbadigli si rimane affascinati dal pantano continuo dell’azione: nel paesino e negli ambienti in cui è svolta la vicenda tutto sembra sudicio e lurido, e conseguentemente non si riesce a nascondere una certa affascinata repulsione e ribrezzo per tutti i personaggi che si aggirano all’interno di questi spazi; emerge in continuazione questa contraddizione tra magniloquente decadenza e di ricerca di un contatto fisico inappropriato e disgustoso (sia esso con corpi sezionati, con il corpo viscido del demone, con i topi, o con il fango e i pavimenti sporchi).

Tutto è decadente in Faust, a partire dal suo protagonista. Ma questa de- cadenza viene raccontata in maniera altrettanto decadente, senza riuscire a variare registro stilistico o introducendo quantomeno elementi in grado di deviare l’attenzione in senso brioso e sdrammatizzante (come pur si prova a fare: si pensi agli “incidenti” che avvengono durante il funerale). Quello che salva il Faust, film totalmente privo di un qualsivoglia incisivo “ritmo” è quindi la fotografia di Bruno Delbonnel, questa sì davvero eccezionale nella capacità di attingere alla tradizione espressionista come a quella ro- mantico/fiabesca ottocentesca. Da segnalare però anche le scenografie di Elena Zhukova, che ricostruisce un contesto urbano tutto fatto di locali chiusi e degradati, viuzze strette e costantemente strapiene, esprimendo così la costante incapacità fisica e psicologica del Faust di vivere in un si- mile orizzonte. In quest’ottica il finale, in cui il protagonista corre con rin- novata energia verso grandi spazi pianeggianti e inabitati, sembra confer- mare l’idea di una società umana e urbana asfissiante e logorante, la cui fuga consente una nuova libertà ed un nuovo senso di vita.

Una nota sul momento più bello del film: questo è probabilmente lo squar- cio di luce che colpisce il volto di Margarethe (Isolda Dychauk) quando questa si reca a visitare il dottor Faust a casa sua. Per un attimo si recupera tutta la grazia, la capacità lirica, la potenza evocativa del cinema dei primi grandi autori del cinema anni ’20 (viene in mente soprattutto il Dreyer).

Squisito.

Tutte le presenti osservazioni vanno a cogliere elementi positivi e negativi dell’opera. Nonostante non manchino quindi osservazioni benevole non sembra però minimamente sufficiente per parlare di Faust come di un ca- polavoro. È lecito dunque domandarsi se un’opera con spunti più che inte- ressanti non sia stata sopravvalutata causa di un abbaglio collettivo dovuto magari alla fama dell’autore…

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: