Quel momento imbarazzante

That Awkward Moment,  USA,  2014– di Tom Gormican – Commedia– 94′ –

Scritto da Erika Sdravato (fonte immagine:Amazon)

Tre migliori amici si fanno una promessa: quella di restare tutti single. Hanno infatti timore che le relazioni serie possano annullare le loro personalità e far cambiare il loro rapporto di amicizia. Nel momento in cui meno se lo aspettano però tre ragazze gli faranno cambiare idea.
Due ragazzi, Jason ed Ellie, si conoscono sorseggiando scontate parole al bancone di un bar, in men che non si dica sono a letto, per un assurdo fraintendimento lui scambia la partner per una prostituta e fugge. Dopo pochi giorni scommette con i suoi amici che rimarranno single vita natural durante e invece ” voilà” si ritrova nel suo ufficio con Ellie come collega. Cerca di farsi perdonare, la conquista portandola in una lussuosa dimora da nove zeri e rubandone le chiavi del parchetto privato, partecipa alla sua festa di compleanno immotivatamente travestito con un pene chilometrico in bella vista fuori dai pantaloni (ma neanche questo farà pensare ai genitori della gentil donzella che lui è un ragazzaccio e non avrebbe dovuto presentarsi a loro immergendo il suo dildo nel calice di spumante della mamma). Dopodichè, poichè le regole non scritte del cinema semicomico hollywoodiano impongono che non tutto può essere rosa e fiori, avviene la rottura in chiave fintamente catastrofista: senza troppi se e troppi ma, muore il padre di Ellie e Jason non partecipa al funerale, tagliandosi fuori dal dolore della perdita di lei. Dopo mesi e stupidi litigi con i due amici, torna sui suoi passi e cerca il perdono nei confronti della dama ferita. E sapete come andrà a finire.

Bene, questo il plot di Quel momento imbarazzante, nulla più che dovreste sapere, se non i dialoghi demenziali che girano a ruota per tutta la durata del film. I personaggi maschili – cui protagonista è quella giovane e sprecata meraviglia di Zac Efron – sono un collage di amici tardo adolescenti che, tra lavori ben retribuiti, donne a non finire e qualche problema matrimoniale che guasta un po’ l’inarrivabile superficialità dell’insieme, campano alla serata a suon di parolacce mai troppo scurrili ed equivoci mai realmente credibili: così il sex symbol di High School Musical è il piacione e viveur incallito di turno, Michael B. Jordan è il buon dottorino casa-e-lavoro tradito e deluso, ed infine Miles Teller è il cialtrone e ciarliero che si innamora della migliore amica. I personaggi femminili, non diversamente, danno luogo ad un campionario standardizzato di poco conto, dove Imogen Poots è la bambolina spettinata amante della cultura e del condom facile, Jessica Lucas è la moglie fedifraga ed emotivamente inaffidabile, Mackenzie Davis è l’insipida conclusione del trio rosa che compone il cast del film. In questo buddy movie si sfiorano i temi del rapporto di coppia, della morte di un genitore, del distacco e dell’incomprensione tra amici, della “generazione egoista”• degli odierni venticinquenni, della necessità di trovare l’altra metà della mela, ma purtroppo nulla viene davvero sviluppato con la benchè minima pretesa.

Neanche l’infinito profluvio di parole dei dialoghi e il silenzio a singhiozzi dei momenti di “sconforto”• vissuto dai personaggi riesce ad avvicinarsi ad un qualcosa di organicamente strutturato per destare divertimento e credibilità. E’ come se il regista esordiente Tom Gormicam si fosse interessato esclusivamente a trattare la sua materia con una serie di dialoghi di scarsa comicità, puntando tutto sulla mimica facciale e corporea degli attori, inscenando così pochi siparietti accattivanti da copia-incollarli tutti in blocco nel trailer, e trovandosi costretto a puntellare qua e là il film con qualche inutile ripresa aerea di Manhattan per ravvivare la fotografia della pellicola. Per quel che mi riguarda, l’unico momento imbarazzante è stato quello in cui ho cercato di trovare un qualche pregio al film, avendo dovuto constatare che non ve n’erano. A parte l’indiscutibile charme del protagonista.

Voto: 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: