Shadow

MV5BMTM4NzIzODg0OF5BMl5BanBnXkFtZTcwMTM0NzEwNA@@._V1_SY1000_CR0,0,683,1000_AL_

Shadow – Italia 2009 – di Federico Zampaglione

Horror – 77′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Reduce dalla guerra in Iraq, David sceglie uno sperduto paradiso europeo per praticare la sua più grande passione: il biking. Tra i boschi conosce Angeline di cui condivide lo stesso amore per la natura. Ma l’idillio non dure a lungo: braccati da una coppia di cacciatori, i due finiranno nella casa degli orrori di uno psicopatico.

Federico Zampaglione, redu​ce​ a sua volta dall’in​suc​ces​so​ della grotte​sca black-come​dy​ all’i​ta​lia​na​ Nero Bifamiliare, si cimen​ta​ nel gene​re,​ a suo dire, più amato, con il bene​pla​ci​to​ del “maestro​ (italia​no)​ del brivi​do”​ Dario Argento. Nella natu​ra​ spettra​le​ e (poco) selvag​gia​ di Tarvi​sio​ nel Friuli,​ il leader​ dei Tiro​man​ci​no​ vorreb​be​ rievo​ca​re​ le atmo​sfe​re​ del grande​ cine​ma​ horror​ italia​no​ anni ’70, ispiran​do​si​ ai suoi maestri​ (e non è forse un caso che a fargli​ da aiuto​-regi​sta​ sia Fabri​zio​ “Roy” Bava, figlio​ di Lamberto)​.

  

Con Shadow – che ha debut​ta​to​ al London FrightFest nell’a​go​sto​ 2009 – Zampa​glio​ne​ segue il consi​glio​ di Argen​to​ e scaval​ca​ le barrie​re​ lingui​sti​che dell’ (in)esporta​bi​li​tà​ italia​na,​ giran​do​ in ingle​se​ e con un cast inter​na​ziona​le:​ l’ame​ri​ca​no​ Jake Muxworthy, volto di serial​ tv made in USA e Karina Testa, già prota​go​ni​sta​ del racca​pric​cian​te​ horror​ neo-nazi​ Frontière(s).

  

Ma, come in ogni film dell’or​ro​re​ che si rispet​ti,​ a far da padro​ne​ è il “villain” di turno: persona più che perso​nag​gio,​ mimo più che atto​re,​ l’inquie​tante​ Nuot Arquint dà corpo – glabro​ ed asceti​ca​men​te​ emacia​to​ – al perso​na​lis​si​mo​ “Franke​stein”​ di Zampa​glio​ne​. Tortu​ra​to​re​ muto con il pallino​ del colle​zio​ni​smo​ (di orro​ri​ stori​ci),​ Mortis​ incar​na,​ di nome e di fatto, la Nera Signo​ra,​ indif​fe​ren​te​ e impie​to​sa,​ voyeuri​sti​ca​ e sadi​ca,​ che fa delle sue vitti​me​ sogget​ti​ di cellu​loi​de​. Arquint​ lecca rane allu​ci​no​ge​ne​ e si trastulla​ con mani​chi​ni​ da sarto​ria​ come il Buffa​lo​ Bill de Il Silenzio degli Innocenti ma dei suoi trofei​ umani non sembra​ darsi gran pena.

  

La tortu​ra​ è puro diver​ti​men​to,​ priva di qualsia​si​ giusti​fi​ca​zio​ne​ se non l’emula​zio​ne​ dei grandi​ maestri​ della storia:​ nella galle​ria​ degli orro​ri​ Bush divi​de​ la pare​te​ con Hitler​ e Stalin​ e neppu​re​ Zampa​glio​ne,​ in tutta la sua non-italia​ni​tà,​ disde​gna​ la freccia​ti​na​ criti​co​-socia​le​ alle bruttu​re​ della guerra​.

La Natu​ra​ si ribel​la​ all’uo​mo,​ che pure non vuole domar​la,​ inghiot​ten​do​lo​ e dando​lo​ in pasto ai suoi carne​fi​ci:​ i due caccia​to​ri​ “monta​na​ri”​ (Chris Coppola​ e Otta​via​no​ Blitch)​ vorreb​be​ro​ trasfor​ma​re​ la scampa​gna​ta​ di David e Ange​li​ne​ in un tranquil​lo​ weekend​ di paura, ma il loro desti​no​ è, se possi​bile,​ peggio​re​ di quello​ riser​va​to​ loro da Boorman (enne​si​ma​ influen​za​ del regi​sta​ roma​no)​.

La tensio​ne​ si snoda tra i boschi​ mentre​ la macchi​na​ da presa segue impaz​zita​ le prede bracca​te,​ in un susse​guir​si​ di imma​gi​ni​ rese frene​ti​che​ dal montag​gio​ epilet​ti​co​ di Eric Strand, ma è quando​ cala la notte ed i fanta​smi​ delle leggen​de​ escono​ dalle loro tane che il vero orro​re​ ha inizio​. Vieni/C’è una strada nel bosco/Il suo nome conosco/Vuoi conoscerlo tu: Claudio​ Villa risuo​na​ alla radio, ignaro​ dell’i​ro​nia​ che le sue paro​le​ possono​ susci​tare​. Tra le grinfie​ di un mostro​ alieno​ che di umano ha a stento​ le sem-​ bianze,​ vitti​ma​ e carne​fi​ce​ si trova​no​ fianco​ a fianco,​ ugualmen​te​ inermi,​ ugualmen​te​ privi di valo​re,​ pezzi di carne sul banco​ne​ di un macel​la​io​.

Parten​do​ da una sceneg​gia​tu​ra​ fin troppo​ mini​ma​le​ (scritta​ a sei mani con il padre e Giacomo Gensini), Zampa​glio​ne​ firma un horror​ estrema​men​te asciutto​. Talmen​te​ asciutto​ da impe​di​re​ al terro​re​ di monta​re​ proprio​ quando​ ce ne sareb​be​ più biso​gno​. La paura assil​lan​te,​ che martel​la​ senza sosta, non ha il tempo di matu​ra​re​ piena​men​te​ e colpi​sce​ a sprazzi,​ con schegge​ di follia​ improv​vi​sa​. E l’orro​re,​ quello​ vero, resta confi​na​to​ all’ul​ti​mo, crude​le​ foto​gram​ma​. Per smarcar​si​ dall’e​ti​chet​ta​ “Tiro​ma​ni​ci​no”​ Zam-​ paglio​ne​ lascia​ la compo​si​zio​ne​ della colon​na​ sono​ra​ al fratel​lo​ France​sco,​ in colla​bo​ra​zio​ne​ con gli Alvarius.

Voto: 5

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: