La Grande Illusione

MV5BMTg3MTI5NTk0N15BMl5BanBnXkFtZTgwMjU1MDM5MTE@._V1_SY1000_CR0,0,737,1000_AL_

La grande illusion – Francia 1937 – di Jean Renoir

Drammatico/Guerra – 113′

Scritto da A. Graziosi (fonte immagine: imdb.com

Nella lista dei film preferiti di Woody Allen. Orson Welles l’avrebbe scelto come film da portare con sé sull’arca di noè. Uno dei grandi capolavori del cinemaLa grande illusione consi​ste​ quindi​ nel crede​re​ che questa​ guerra sia l’ultima. (F.Truffaut)​

Libe​ra​men​te​ ispira​to​ alle esperien​ze​ realmen​te​ vissu​te​ dal regi​sta​ Jean Renoir (figlio del famo​so​ pitto​re​ Augu​ste)​ duran​te​ la Prima Guerra​ Mondia​le​ (dove rima​se​ feri​to​ a una gamba, rima​nen​do​ claudi​can​te​ per sempre,​ a causa di una cadu​ta​ aerea), il film venne decre​ta​to​ da Goebbels​ come il “nemico cinematografico numero uno” e fu osteggia​to​ da criti​ca​ e regi​mi​ tota​li​ta​ri,​ proprio​ perché​ mina​va​ la logi​ci​tà​ delle basi patriot​ti​che​ su cui si regge​va​no​. Sareb​be​ diffi​ci​le​ defi​ni​re​ La grande​ illu​sio​ne​ come un film di guerra,​ dato che non c’è nemme​no​ un’esplo​sio​ne​ o una scena di batta​glia: è un film carcerario e un film contro la guerra.

  

Si potreb​be​ giusta​men​te​ ribat​te​re​ che prati​ca​men​te​ tutti i film di guerra​ sono, in un modo o nell’al​tro,​ contro​ la guerra​ (esclusi​ quelli​ smacca​ta​men​te propa​gan​di​sti​ci​…), anche perché​ altri​men​ti​ si assi​ste​reb​be​ a prote​ste​ interna​zio​na​li​ (che ipocri​sia​…) e il film non potreb​be​ proprio​ circo​la​re​. Non si tratta​ di un paci​fi​smo​ indie o fricchet​to​ne​ o comuni​sta,​ ma di qualco​sa​ di più univer​sa​le:​ senza alcu​na​ reto​ri​ca​ o verbo​si​tà,​ la guerra​ viene smonta​ta​ in poche graffian​ti​ battu​te​ come l’even​to​ senza alcun senso e comple​ta​-​ mente​ contro​ la natu​ra​ umana, come realmen​te​ è. La diffe​ren​za​ più grande​ è però nel fatto che è un film non solo contro​ la guerra,​ ma anche contro​ il concet​to​ di sacri​fi​cio​ e di eroismo,​ cosa che pochis​si​mi​ film hanno fatto nella storia​ del cine​ma​.

Ciò avvie​ne​ soprat​tut​to​ per bocca del famo​sis​si​mo​ atto​re​ france​se​ Jean Gabin che interpre​ta​ il tenen​te​ popo​la​no​ Mare​chàl,​ contrap​po​sto​ inve​ce​ ai nobi​li​ capi​ta​no​ de Boeldieu​ (P. Fresnay) e capi​ta​no​ tede​sco​ von Rauffen​stein (il regi​sta​ Eric von Stroheim). I primi due france​si​ riman​go​no​ prigionie​ri​ di guerra,​ impri​gio​na​ti​ in diver​si​ campi di concen​tra​men​to​ tede​schi, fino a quando​ fini​sco​no​ nel castel​lo​ superblinda​to​ del vecchio​ capi​ta​no tede​sco​ inter​pre​ta​to​ da Stroheim, nemi​co​ con il quale il nobi​le​ capi​ta​no francese​ sembra​ trovar​si​ addi​rit​tu​ra​ più a suo agio che con gli altri uffi​ciali​ france​si​ prigio​nie​ri​… Il film sostie​ne​ la tesi per cui le barrie​re​ orizzon​tali​ (ovve​ro​ quelle​ socia​li)​ alla realtà​ dei fatti conta​no​ spesso​ di più di quelle verti​ca​li​ (nazio​na​li),​ questio​ne​ che era asso​lu​ta​men​te​ veri​tie​ra,​ alme​no​ fino allo scoppio​ della secon​da​ guerra​ mondia​le,​ che rimi​se​ total​men​te​ in discus​sio​ne​ le rego​le​ della guerra​ come gioco/sport aristo​cra​ti​co​.

La guerra​ appa​re​ qui come appan​nag​gio​ desi​de​ra​to​ e brama​to​ sola​men​te​ dalle classi​ domi​nan​ti,​ all’e​po​ca​ ovve​ro​ la nobil​tà,​ che per riscat​tar​si​ da una vita rite​nu​ta​ insod​di​sfa​cen​te​ si butta​no​ in braccio,​ per questio​ni​ di “onore”, alla cosid​det​ta​ bella morte. Il punto è che sola​men​te​ una classe​ in deca​den​za​ pote​va​ voler mori​re​ in guerra​ (e in gene​ra​le​ mori​re)​ con amore, proprio​ perché​ mala​ta​ e fuori dalla realtà​ fino al midol​lo​.

Le altre classi,​ rappre​sen​ta​te​ da Mare​chàl​ e dall’e​breo​ borghe​se​ Rosen​thal,​ voglio​no​ vivere,​ come è giusto​ e natu​ra​le​ che sia: non voglio​no​ avere niente​ a che fare con questo​ orri​bi​le​ mostro​ chiama​to​ guerra​. Se vanno in guerra​ è solo perché​ costret​ti,​ perché​ senza scelta​. Meglio​ diser​ta​re,​ scappa​re​ e cercare​ di soprav​vi​ve​re​ come ogni esse​re​ umano sano di mente e ogni anima​le​ fareb​be​ro,​ e cosa impor​ta​ se la conta​di​na​ a cui stai tendendo​ la mano è tedesca​ e quindi​ “nemi​ca”?​ La grande​ illu​sio​ne​ è dunque​ una dichia​ra​zio​ne​ dell’in​sen​sa​tez​za​ tota​le​ di tutte le divi​sio​ni​ poli​ti​che​ umane, grazie​ però al-​ l’insen​sa​tez​za​ della quale si giunge​ a un fina​le​ bellis​si​mo​ che non vi anti​ci​po. Un capo​la​vo​ro​ da vede​re​ alme​no​ una volta nella vita, perché​ non esiste​ onore che tenga di fronte​ al valo​re​ della vita umana, e non si tratta​ di un valo​re​ reli​gio​so​ o mora​le:​ è il valo​re​ dato dal sempli​ce​ fatto che di vita ne esiste​ una sola…

Voto: 10

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: