Judy

MV5BYmE0OTE5NWItMGYyZi00MzUxLWFjN2QtYzBkZGRjZGVmMGFmXkEyXkFqcGdeQXVyNjg2NjQwMDQ@._V1_SY999_SX648_AL_

Judy – Regno Unito 2019 – di Rupert Goold

Biografico/Drammatico/Storico – 118′

Scritto da Maria Vittoria Guaraldi (fonte immagine: imdb.com)

Tutti la ricordano come la piccola Dorothy ne Il mago di Oz. Ma che cosa ha fatto dopo Judy Garland?

In Judy, film presentato nella selezione ufficiale della quattordicesima edizione della Festa del cinema di Roma, ci viene raccontato come è vissuta Judy da adulta. Da quando aveva due anni non ha mai smesso di lavorare e il suo volto e la sua voce ne risentono. Nonostante tutto ha ancora voglia di incantare il pubblico e si esibisce a Londra in una serie di concerti.

Nel film Stan & Ollie si analizzano le figure di due comici divenuti famosi in poco tempo grazie ai loro film e soprattutto alla forza della coppia. Dopo un po’ di anni non fanno più ridere e tocca inventarsi una soluzione diversa per riprendere forza. Il loro rapporto non è solo artistico ma anche personale e questo si riflette sulle loro famiglie e sul pubblico. 

In questo film diretto da Rupert Goold la figura di Judy è al tramonto e ha bisogno di risorgere per riprendere a lavorare e pagare dei debiti. Ha ancora una bella voce ma si rovina con alcool, fumo e notti insonni. L’argomento della star in crisi è focalizzato solo su Renée Zellweger senza essere collegato sulla famiglia, sulla stampa e sulle persone, presenti solamente ai concerti. Inoltre nella recitazione ricorda molto la giornalista imbranata e romantica Bridget Jones. Nel film non ci sono altri personaggi di rilievo perché la protagonista viene sempre messa al centro della scena e della storia.

Le parti relative alla sua infanzia dove le vengono imposte dure condizioni di lavoro come per esempio il divieto di mangiare torte e hamburger non vengono approfondite e inserite senza un seguito né una conclusione. 

Judy si configura come un’operazione riuscita solo in parte perché non scandaglia fino in fondo una figura di donna e di attrice con pregi e tanti tormenti che l’hanno portata a una scomparsa prematura. 

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: