Come l’acqua per gli elefanti

MV5BMTQzMDU3NDEwN15BMl5BanBnXkFtZTcwMTI3MDU0NA@@._V1_SY1000_CR0,0,675,1000_AL_

Water for Elephants – Stati Uniti 2011 – di Francis Lawrence

Drammatico/Romantico – 120′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

1931, Ithaca. Rimasto orfano dei genitori e senza più una casa, il giovane Jacob Jankowski abbandona la Cornell University a un passo dalla laurea (in veterinaria) per saltare sul treno del circo Benzini. Innamoratosi, ricambiato, dell’acrobata Marlena farà di tutto per sottrarla alle possessive attenzioni del marito, il tirannico direttore August Rosenbluth.

Cimen​tar​si​ con un adatta​men​to​ cine​ma​to​gra​fi​co​ non è certo una novi​tà​ per Francis Lawrence, che nel 2007 aveva porta​to​ sul grande​ schermo​ Io Sono Leggenda di Richard​ Mathe​son​ e nel 2005, con l’ope​ra​ prima Constantine, il comic book di Garth Ennis Hellblazer. La novi​tà​ del suo terzo lungo​me​trag​gio​ va ricer​ca​ta,​ piutto​sto,​ in un deci​so​ cambio​ di gene​re​.

 

Abban​do​na​te​ le atmo​sfe​re​ sovran​na​tu​ra​li​ (in senso fumet​ti​sti​co​ e fanta​-​scienti​fi​co)​ delle due pelli​co​le​ prece​den​ti,​ il regi​sta​ losan​ge​li​no​ (ma vienne​se di nasci​ta)​ si conce​de​ un’incur​sio​ne​ nel melò stori​co,​ dando forma cine​mato​gra​fi​ca​ al best​-seller​ di Sara Gruen, Water For Elephants (la maldestra​ tradu​zio​ne​ italia​na​ vorreb​be​ cita​re​ Come l’acqua per il cioccolato di Alfonso Arau).

Viaggio​ di forma​zio​ne​ nell’af​fa​sci​nan​te​ univer​so​ circen​se​ dell’A​me​ri​ca​ in piena Depres​sio​ne,​ il roman​zo​ della Gruen si offre come un soli​do​ e sugge​stivo​ esempio​ di mate​ria​ lette​ra​ria​ dalle enormi​ poten​zia​li​tà​ cine​ma​to​gra​fi​che. La sua prosa scorre​vo​le​ e descrit​ti​va​ sembra​ nata per farsi imma​gi​ne,​ tale è la capa​ci​tà​ della pagi​na​ scritta​ di stimo​la​re​ la fanta​sia​ del letto​re,​ avvinto​ in un vorti​ce​ di avven​tu​ra,​ passio​ne​ e gelo​sia:​ gli elemen​ti​ chiave​ di ogni melo​dram​ma​ che si rispet​ti​.

Avvez​zo​ a un cine​ma​ “dei buoni senti​men​ti”​ (suo lo script de I ponti di Madison County, tanto per rende​re​ l’idea),​ lo sceneg​gia​to​re​ Richard​ LaGravanese privi​le​gia​ la linea più marca​ta​men​te​ senti​men​ta​le​ del romanzo,​ soppri​men​do​ quasi inte​ra​men​te​ il deli​ca​to​ raccon​to​ delle “peri​pe​zie” e dei tormen​ti​ dell’or​mai​ anzia​no​ prota​go​ni​sta​ (Hal Holbrook) e trasforman​do​ne​ i ricor​di​ in un prolun​ga​to​ flash-back, quasi inte​ra​men​te​ impernia​to​ sull’ap​pas​sio​na​ta​ love story tra Jacob e Marle​na​.

 

L’affre​sco​ stori​co​ così viva​ce​men​te​ dipin​to​ dalla Gruen si perde in una riduzio​ne​ ai minimi​ termi​ni​ dell’in​trec​cio​ narra​ti​vo​ e con esso si affie​vo​li​sce​ anche l’alo​ne​ di magia sprigio​na​to​ dal mondo ruti​lan​te​ e illu​sio​ni​sti​co​ del circo, evoca​to​ nel roman​zo,​ con tutto il suo corre​do​ di ritua​li​ socia​li​ e cultura​li,​ grazie​ ad un accu​ra​to​ lavo​ro​ di ricer​ca​.

Aiuta​to​ dall’af​fa​sci​nan​te​ lavo​ro​ lumi​ni​sti​co​ di Rodrigo Prieto (fede​lis​si​mo di Iñárritu e candi​da​to​ all’O​scar​ per I Segreti di Brokeback Mountain), Law​ren​ce​ è in grado di ripro​dur​re​ visi​va​men​te​ l’atmo​sfe​ra​ sognan​te​ e fiabe​sca​ del libro ma i primi piani “tele​vi​si​vi”​ e la scarsa​ inven​tiva​ regi​sti​ca​ (non si può dire lo stesso​ dei suoi film d’esor​dio)​ si sotto​met​-​ tono​ total​men​te​ al pathos​ della narra​zio​ne​ e di quel “most specta​cu​lar​ show on earth” esibi​to​ dalla tag-line​ ameri​ca​na​ rima​ne​ soltan​to​ una timi​da​ scintil​la​.

  

Il carat​te​re​ illu​so​rio​ del circo, dietro​ la cui appa​ren​za​ sfavil​lan​te​ si cela​no​ ingan​ni​ e menzo​gne,​ falsi​fi​ca​zio​ne​ e violen​za,​ non ha modo di esprimer​si​ che attra​ver​so​ il perso​nag​gio​ di Augu​st,​ inter​pre​ta​to​ dal taran​ti​nia​no​ Christoph Waltz. Ecce​zio​na​le​ nel ruolo di villain (il suo Colon​nel​lo​ premio Oscar Hans Landa ne era la brillan​te​ dimo​stra​zio​ne),​ l’atto​re​ austria​co​ fisi​ca​men​te​ il più lonta​no​ dal proprio​ corri​spet​ti​vo​ lette​ra​rio​ ma ciò non gli impe​di​sce​ di offri​re​ una perfor​man​ce​ in grado di adombra​re​ entram​bi​ i suoi compri​ma​ri​.

Robert Pattinson prova a scrollar​si​ di dosso il ruolo del vampi​ro​ Edward​ Cullen​ (da cui proba​bil​men​te​ sarà perse​gui​ta​to​ a vita) e il tenta​ti​vo​ è quantomai​ ammi​re​vo​le,​ seppur​ non riesca​ a dare spesso​re​ ad un perso​nag​gio​ che già nel roman​zo​ risul​ta​va,​ da giova​ne​ più che da vecchio,​ poco inci​si​vo​.

Così anche Marle​na,​ di cui il premio​ Oscar Reese Witherspoon è forse la perfet​ta​ incar​na​zio​ne​ cine​ma​to​gra​fi​ca​.

L’ine​vi​ta​bi​le​ identi​fi​ca​zio​ne​ con l’inge​nuo​ prota​go​ni​sta,​ la cui purez​za​ si esplica​ in un rappor​to​ quasi simbio​ti​co​ con l’ele​fan​tes​sa​ Rosie, anima​le​ totemi​co​ e quarto​ perso​nag​gio​ chiave​ del film, non può nulla contro​ la fasci​nazio​ne​ per la (dis)turba​ta​ figu​ra​ di Augu​st,​ in bili​co​ tra sadi​smo​ e infan​ti​lismo,​ della cui schizo​fre​ni​ca​ auto​-distrut​ti​vi​tà​ si fa porta​voce​ Waltz, magi​strale​ nel plasma​re​ anta​go​ni​sti​ permea​ti​ da un’uma​ni​tà​ appe​na​ perce​pi​bi​le.

Il melo​dram​ma​ nell’e​ra​ del digi​ta​le​ sembra​ trova​re​ la sua più origi​na​le​ mani​fe​sta​zio​ne​ negli ecces​si​ almo​do​va​ria​ni​ piutto​sto​ che in una palli​da​ revisio​ne​ postmo​der​na​ degli stile​mi​ origi​na​ri​ del gene​re​ e la pelli​co​la​ di Law​rence,​ colpe​vo​le​ anche la bana​liz​za​zio​ne​ del mate​ria​le​ di parten​za,​ è in fondo piace​vo​le​ da guarda​re​ ma non molto più di questo​.

Dall’im​pian​to​ narra​ti​vo​ e dalle sugge​stio​ni​ roman​ze​sche​ pote​va​ nasce​re​ un nuovo Big Fish (tratto​ anch’es​so​ da un roman​zo​ – di Daniel​ Walla​ce​ – e con echi circen​si​ piutto​sto​ marca​ti)​ ma Francis​ Law​ren​ce​ non ha la visio​narie​tà​ di Tim Burton (o, quanto​me​no,​ sembra​ averla​ persa per strada)​ e il suo terzo film non conser​va​ quella​ commo​ven​te​ tenerez​za​ che face​va​ del raccon​to​ di Albert Finney “la storia​ di una vita incre​di​bi​le”​.

Voto: 6

   

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: