Colazione da Tiffany

 

Breakfast at Tiffany’s-USA-1961-di Blake Edwards-Commedia/Drammatico-115′.

Scritto da Antonio Falcone (Fonte immagine: CineFacts)

New York, 5th Avenue, prime ore del mattino:un taxi si accosta al marciapiede, accanto alla vetrina di Tiffany, una donna elegantemente vestita scende dall’auto, sorseggiando un caffè e addentando una brioche, con soave grazia. Da quanto si può intuire attraverso gli spessi occhiali neri, la visione sembra metterla di buon umore. Holly (Audrey Hepburn), questo è il suo nome, vive in un appartamento, i pochi mobili ed una valigia in bella vista fanno intuire uno stile di vita provvisorio. Intanto nel palazzo arriva un nuovo inquilino, Paul Varjak (George Peppard), scrittore in attesa di migliore fortuna che si fa mantenere da una ricca signora (Patricia Neal). Tanto Paul quanto Holly affrontano la vita con candido disincanto, velato da cinismo nel primo e da una folle e spontanea allegria nella seconda, la quale ha in progetto di sposare un milionario, si fa mantenere da ricchi signori che le offrono cinquanta dollari “per la toilette” (così definisce le sue prestazioni) ed organizza dei party, frequentati dalla New York modaiola del tempo. Ingenuamente, inoltre, la donna fa da tramite per il boss Sally Tomato (Alan Reed), rinchiuso a Sing Sing.

Inevitabile quindi che fra i due si instauri, con una certa naturalezza, un particolare rapporto di amicizia ed affettuosa complicità, in particolare man mano che vengono fuori alcuni particolari della vita di Holly, ben celati dall’opportuna maschera della spensieratezza e dal paravento di una gaia incoscienza come stile di vita. Malinconia, paura di vivere, sono infatti sempre in agguato e per scacciare le paturnie non basta fare un giro da Tiffany, specie se il passato ritorna nelle vesti del Dottor Golightly (Buddy Ebsen), veterinario di mezza sposato da Holly dopo essere stata accolta in casa sua insieme al fratello: pur dimostrando affetto e riconoscenza, rifiuta di tornare a vivere con lui, rivendicando la sua scelta di appartenere solo a se stessa. Paul, ormai innamorato di questa donna certo forte e vitale ma egualmente fragile e complessa, ne asseconda le bizzarrie, si affranca dallo status di mantenuto e si rimette a scrivere, cercando di fare ordine nella sua vita e in quella di Holly, la quale è ormai sul punto di sposare un milionario brasiliano, che però, una volta scoperti i traffici di Sally Tomato, la lascerà per paura di uno scandalo.

Holly è decisa a partire ugualmente per il Brasile, ormai è in taxi insieme al suo gatto senza nome e a Paul, che l’accusa di nascondersi dietro una falsa sicurezza, quando l’unica possibilità di essere felici è innamorarsi, “appartenere” a qualcuno, nel senso di provare a compensare le reciproche diversità in nome di un amore incondizionato, per sempre (forse) e nonostante tutto. Nel volgere di pochi minuti tutto sembra aver ormai termine: prima il micio e poi Paul sono fuori sotto la pioggia scrosciante … Ma Holly, forse per la prima volta nella sua vita, ha un ripensamento, scende dalla vettura alla ricerca del gatto che ritrova in un vicolo: anche Paul è lì, pochi sguardi, tutti e tre sono uniti in un abbraccio, preludio di una nuova vita insieme. L’omonimo racconto di Truman Capote da cui il film è tratto, viene adoperato dallo sceneggiatore George Axelrod come un semplice canovaccio, una scelta ulteriormente evidenziata da un finale che volge al classico happy end, permeato di ironia, emotività e romanticismo in bilanciata combinazione, che è poi il leitmotiv dell’intero film. A tutto ciò si aggiunge un certo sarcasmo beffardo che il regista Blake Edwards, fra intuito e gusto figurativo (come le inedite panoramiche della Grande Mela), non manca di sottolineare, seguendo agilmente e con una certa fluidità le linee dello script, il quale è capace di aggiornare con abilità e sagacia la sophisticated comedy alle mutate inclinazioni modaiole ed intellettuali del tempo, ben radicate in una città come New York.

La scelta di puntare più sul fascino eccentrico (Holly nel copione veniva definita kook) che sulla spregiudicatezza della protagonista, in particolare nell’ambito della sfera sessuale (tra le prime scelte per il ruolo di Holly venne fatto il nome di Marilyn Monroe), offre i giusti spazi, nell’opportuno risalto di dialoghi pressoché perfetti, ad una divertente e divertita Audrey Hepburn, affiancata da un valido attore quale George Peppard, perfetto nel ruolo di sarcastico disilluso, meno passivo nei confronti dell’esistenza rispetto allo scrittore delineato nel romanzo d’origine. Molto bella, ed estremamente efficace, anche l’interpretazione offerta da Patricia Neal (nell’edizione italiana il suo personaggio è chiamato Liz, in originale 2E, dalle iniziali del suo nome Emily Eustace Failenson), un misto di disincanto, a tratti dolente, e sottile ironia, mentre Mickey Rooney appare nel ruolo, abbastanza stereotipato, quasi da cartoon, di Yunioshi, un giapponese condomino dello stabile, la cui caratterizzazione suscitò non poche polemiche all’epoca. Due premi Oscar nel 1962, migliore colonna sonora (Henry Mancini) e migliore canzone (Moon River, Mancini Johnny Mercer) e il conferimento del riconoscimento più ambito, l’imperituro apprezzamento del pubblico, per una commedia capace di unire, rara avis, il candore della “bella favola” alla disillusione della realtà quotidiana.

Voto:9

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: