La Decima Vittima

MV5BOWExZjM5M2MtZDY2OC00YzZkLWJkNWYtZmQ0MzFhMTgyMjJjXkEyXkFqcGdeQXVyMjI4MjA5MzA@._V1_

La Decima Vittima – Italia/Francia 1965 – di Elio Petri

Azione/Fantascienza – 92′

Scritto da Francesco Carabelli (fonte immagine: imdb.com)

In un futuro non precisato gli uomini hanno dato vita ad un gioco a premi a livello mondiale per sfogare la propria violenza. Chi riuscirà ad uccidere dieci avversari senza soccombere, riceverà onori e consistenti premi in denaro. Una giovane americana giunge a Roma per disfarsi del suo decimo avversario, ma troverà sulla sua strada un sorprendente Marcello Mastroianni

Non ho mai osato pensare che un regista italiano potesse riuscire a produrre un classico della fantascienza e in genere ho sempre creduto che solo gli americani fossero i maestri del genere, ma mi sono ricreduto.

Certo mi ricordavo di Truffaut e del suo Fahrenheit 451, opera toccante, ma forse non così riuscita e un po’ datata, al di là dei pregi della cinematografia dell’autore.

Elio Petri mi ha stupito. La sua opera è quello che si può definire un classico, ossia un ‘opera che pur nella sua particolarità, ha un valore universale e il cui valore non viene meno con il passare del tempo.

Il tema affrontato con pungente sarcasmo e ironia è quello della violenza nella società umana. La società di cui si narra è una società che non rifiuta la violenza in toto, ma che ha deciso di incanalarla con mezzi legali, dando vita ad un assurdo gioco a livello mondiale chiamato La grande caccia (o per chi preferisce l’inglesismo The Big Hunt). Per necessità finanziarie o solo per dare sfogo alla parte beluina che alberga nell’uomo, liberamente gli individui decidono di partecipare a questo gioco, organizzato da un mini- stero apposito, gioco che prevede l’eliminazione fisica dei propri rivali. Il concorrente è alternativamente cacciatore e preda e alla fine delle dieci cacce chi sopravviverà verrà idolatrato come un dio e avrà una sorta di intangibilità nonché favori e premi.

L’agire violento viene legalizzato e la morte ridotta a gioco, nonché a occasione per i grandi sponsor di incrementare le proprie vendite, dato che l’evento è ripreso dalle televisioni di tutto il mondo e si organizzano trasmissioni ad hoc.

Somma ironia la sede centrale della grande caccia, dove si estraggono a sorte le coppie cacciatore-preda è Ginevra (attualmente una delle sedi principali dell’ONU).

Protagonisti della pellicola un pungente e sornione Marcello Mastroianni e una bellissima e astuta Ursula Andress.

Al di là della dimensione universale, delle critiche alla società moderna mondiale, non mancano le critiche alle tradizioni italiane (il film è ambientato per gran parte a Roma), celate sotto forma di ironia nelle battute di Mastroianni.

Il film è influenzato nella parte scenografica dalla pop art e in genere dalla cultura degli anni ’60, di cui dà uno spaccato e una critica (si veda in particolare l’ironia usata da Mastroianni contro la spiritualità in voga in quegli anni, qui impersonificata dalla setta dei tramontisti)

La fotografia ha la tendenza a riprendere l’impianto della fumettistica e a trasporlo in immagini in movimento.

Accurata la ricerca delle ambientazioni e dei costumi.

Tutto sommato un film che presenta spunti divertenti e mai banali: da non perdere e da consigliare agli amici.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: