Senza arte né parte

Layout 1

Senza arte né parte – Italia 2011 – di Giovanni Albanese

Commedia/Crime – 90′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com

Licenziati dal pastificio in cui lavoravano e sostituiti con dei robot, Enzo, Carmine e Bandula cercano un modo (onesto) per sbarcare il lunario. Riassunti dall’ex-datore di lavoro per fare la guardia alle sue costose opere d’arte contemporanea, i tre operai si improvvisano falsari ma la truffa sfuggi loro di mano, trascinandoli in una (tragi)comica (dis)avventura.

Il nota​io​ colle​zio​ni​sta​ (compul​si​vo)​ che rima​ne​ estasia​to​ di fronte​ al falso uovo di Manzoni​ sareb​be​ certa​men​te​ piaciu​to​ a Elmyr De Hory, il grande​ falsa​rio​ ritrat​to​ da Orson Welles nella sua opera ulti​ma:​ F for Fake, capola​vo​ro​ meta-filmi​co​ che sul dissidio​ tra realtà​ e finzio​ne​ impo​sta​ un gioco di specchi​ non meno diso​rien​tan​te​ di quello​ de La Signora di Shanghai.

Giovanni Albanese, cinea​sta​ e arti​sta​ contem​po​ra​neo​ (sarà presen​te​ nel Padi​glio​ne​ Italia​ della prossi​ma​ Bienna​le),​ depu​ra​ il suo secon​do​ lungo​me​traggio​ dalle sofi​sti​che​rie​ meta cine​ma​to​gra​fi​che​ welle​sia​ne​ ma conser​va​ intat​ta​ la rifles​sio​ne​ sul vero e il falso in arte (e nella vita), punto di parten​za per la realiz​za​zio​ne​ di una comme​dia​ socia​le​ che alla farsa de La Banda degli Onesti prefe​ri​sce​ il Ken Loach de Il Mio Amico Eric e trae ispirazio​ne​ da certo cine​ma​ ingle​se​ reali​sti​co,​ social​men​te​ impe​gna​to​ ma soprattut​to​ diver​ten​te​. La formu​la​ è la stessa​ degli “squattri​na​ti​ orga​niz​za​ti”​ di Full Monty: un gruppo​ di (sotto)prole​ta​ri​ che, presi dalla dispe​ra​zio​ne,​ rispol​ve​ra​no​ l’anti​ca​ e intra​monta​bi​le​ arte dell’ar​ran​giar​si​ (dell’es​se​re,​ appunto,​ “senza arte né parte”): a diffe​ren​za​ degli spoglia​rel​li​sti​ improv​vi​sa​ti​ di Sheffield,​ però, gli operai​ salen​ti​ni​ del Pasti​fi​cio​ Tamma​ro​ punta​no​ in alto e all’ar​te​ volga​re​ (nel senso lati​no​ del termi​ne)​ dello strip-tease​ oppon​gono​ quella,​ nobi​lis​si​ma,​ dell’Ar​te​ con la A maiu​sco​la​.

Affa​sci​na​to​ dal contra​sto​ striden​te​ tra il mondo social​men​te​ basso dei suoi prota​go​ni​sti​ e quello​ elita​rio​ dell’ar​te​ contem​po​ra​nea,​ Alba​ne​se​ lo esplora​ con simpa​tia,​ alla ricer​ca​ di un linguag​gio​ comu​ne​ che trova nella creati​vi​tà arti​gia​na​le​ il perfet​to​ trait d’union. Nell’epo​ca​ della sua ripro​du​ci​bi​li​tà​ tecni​ca​ l’arte​ si fa con mate​rie​ prime da merca​to​ riona​le​ ribat​tu​te​ all’a​sta​ a caris​si​mo​ prezzo​ e, tra piatti​ rotti, spazzo​lo​ni​ e roset​te​ imbianca​te,​ è più alla porta​ta​ di lavo​ra​to​ri​ inesper​ti​ (la “beffa di Livor​no”​ è un prece​dente​ troppo​ “profes​sio​na​le”​ per esse​re​ preso a esempio​ dal regi​sta)​ ma nemme​no troppo​. Gli operai​ di Alba​ne​se,​ galva​niz​za​ti​ dal sempli​ci​sti​co​ ritor​nel​lo​ del “questo​ potrei​ farlo anch’io”,​ scopro​no​ con sorpre​sa​ le diffi​col​tà​ nasco​ste dietro​ un taglio​ nella tela (i Concetti Spaziali di Fonta​na​ creano​ non pochi proble​mi​ a Salem​me),​ arri​van​do​ infi​ne​ a compren​de​re​ la mora​le​ della contem​po​ra​nei​tà​ arti​sti​ca​ – cini​ca​men​te​ riassun​ta​ dal galleri​sta​ Nanni Bruschetta: è l’idea​ che conta, non il manu​fat​to​ ed è il martel​let​to​ dell’asta​ a sancir​ne​ la “veri​tà”​. Perché​ veri sono i soldi, veri i compra​to​ri​ e, di conse​guen​za,​ vere le opere.

Sceneg​gia​to​re​ ultra​-proli​fi​co​ (otto gli script porta​ti​ sul grande​ schermo​ dal 2007 ad oggi), Fabio Bonifacci accet​ta​ la scommes​sa​ di una comme​dia in grado di raccon​ta​re​ il Sud e la preca​rie​tà​ dell’I​ta​lia​ in Crisi senza bana​li​tà e malin​co​nia​ ma con grande​ rispet​to​ e leggerez​za​. La cora​li​tà​ – neces​sa​ria, secon​do​ Salem​me,​ a rende​re​ il “gioco di squadra”​ della squinter​na​ta​ banda di prota​go​ni​sti​ – risul​ta​ vincen​te​. A prescin​de​re​ dall’im​por​tanza​ dei ruoli (per Sonia Bergamasco e Paolo Sassanelli poco più di un cameo) gli attori​ si presta​no,​ diver​ti​ti​ e diver​ten​do​si,​ alla comme​dia​ intel​li​gente,​ portan​do​ sullo schermo​ l’affia​ta​men​to​ del set: un Battiston in grandis​si​ma​ forma (fisi​ca​ e atto​ria​le)​ sembra​ acco​glie​re​ la sfida lancia​ta​ su Ciak da Mere​ghet​ti,​ aggiun​gen​do​ al consue​to​ ruolo di “tonto​lo​ne​ pazien​te”​ un piglio​ irasci​bi​le​ e un atteg​gia​men​to​ da playboy​ genti​luo​mo,​ ma è Vincenzo Salemme ad inter​pre​ta​re​ il perso​nag​gio​ su cui la forza dell’ar​te​ agisce​ in modo più drasti​co,​ trasfor​man​do​lo​ in leader​ dall’i​na​spet​ta​ta​ sensibi​li​tà​ esteti​ca​.

Nella corni​ce​ salen​ti​na​ di Palma​rig​gi​ Alba​ne​se​ trova la loca​tion​ ideale​ per ambien​ta​re​ il dramma​ dei suoi prota​go​ni​sti,​ una “trage​dia​ che è spesso​ fonte di una comi​ci​tà​ vera e dispe​ra​ta”​. Ferma​men​te​ convin​to​ che etica ed esteti​ca​ debba​no​ anda​re​ a braccet​to,​ il regi​sta​ (puglie​se​ di nasci​ta​ ma romano​ d’ado​zio​ne:​ le due realtà​ geogra​fi​che​ convi​vo​no​ nel film) rifiu​ta​ un virtuo​si​smo​ stili​sti​co​ poco conso​no​ alle fina​li​tà​ della comme​dia​ per sposa​re un reali​smo​ quoti​dia​no,​ onesto​ e indi​scu​ti​bil​men​te​ vero, a diffe​ren​za​ di tutto il resto, mina​to​ dalla finzio​ne​ della messa in scena (è il caso delle “prove” per la contro​rapi​na​ roma​na​ e dell’e​si​la​ran​te​ tenta​ti​vo​ di sedu​zio​ne omosessua​le)​. Il rispet​to​ di Alba​ne​se​ per i lavo​ra​to​ri​ e per il loro mondo si sposa con quello​ dimo​stra​to​ dai perso​nag​gi​ per gli arti​sti​ (esplici​tamen​te​ cita​ti)​ e per la loro arte, maneg​gia​ta​ con curio​si​tà​ infan​ti​le​ ma anche con riguar​do​. A ricon​fer​ma​ del fatto che tito​li​ di studio​ e un nutri​to​ conto in banca non costi​tui​sco​no​ un anti​do​to​ all’i​gno​ran​za,​ a fare peggior​ figu​ra​ sono proprio​ colo​ro​ che si profes​sa​no​ estima​to​ri​ ed inten​di​to​ri​ d’arte salvo poi rive​lar​si​ sempli​ci​ “accu​mu​la​to​ri”​ che dei caval​li​ di Kounel​lis​ fanno (ridi​co​la)​ esibi​zio​ne​ nel salot​to​ di casa.

Picas​so​ (e Welles​ con lui) soste​ne​va​ che “l’arte​ è una menzo​gna​ che ci fa capi​re​ la veri​tà”:​ non potreb​be​ esser​ci​ chiosa​ miglio​re​ per la bella comme​dia umana di Giovan​ni​ Alba​ne​se​.

Voto: 7

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: