Promised Land

MV5BMTQxNDYzNzgyOF5BMl5BanBnXkFtZTcwNTU0NTI1OA@@._V1_SY1000_CR0,0,675,1000_AL_

Promised Land – Stati Uniti/Emirati Arabi Uniti – di Gus Van Sant

Drammatico – 106′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Sue Thomason (Frances McDormand) e Steve Butler (Matt Damon) lavorano per la Global Crosspower Solutions, una socie multimiliardaria che acquista acri di terreno con risorse di gas naturale, sorvolando sull’impatto ecologico delle future trivellazioni. Giunti in una piccola cittadina rurale per portare a termine un affare, Sue e Steve devono fare i conti con l’opposizione di un ex-ingegnere (Hal Halbrook) e di un giovane ambientalista (John Krasinski). L’occasione servi a Steve per aprire gli occhi sull’etici del proprio operato.

Era dal 2002 che Gus Van Sant e Matt Damon non si vede​va​no​ insie​me​ sul grande​ schermo​. Dopo un soda​li​zio​ che li aveva lega​ti​ per cinque​ anni, permet​ten​do​ a Damon di vince​re​ un Oscar per la miglior​ sceneg​gia​tu​ra​ origi​na​le​ (ex aequo con Ben Affleck) grazie​ allo script di Will Hunting​ – Genio ribelle, la liaison​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ tra i due si era conclu​sa​ con Gerry, agora​fo​bi​co​ viaggio​ di distru​zio​ne​ nel deser​to​ argen​ti​no​.

Dopo dieci anni di “sepa​ra​zio​ne”,​ la coppia​ torna a colla​bo​ra​re​ per la realizza​zio​ne​ di Promised Land, drama​-thril​ler​ ecolo​gi​sta​ con venta​te​ di sensi​bi​li​tà​ provin​cia​le,​ presen​tato​ in concor​so​ alla 63esi​ma​ edizio​ne​ della Berli​na​le​. A firma​re​ la sceneg​gia​tu​ra,​ basa​ta​ su un sogget​to​ di Dave Eggers, è appun​to​ Matt Damon, affian​ca​to​ alla scrittu​ra​ dall’attore​ di The Office, John Krasinski, anche inter​pre​te​ (e suo riva​le)​.

 Grazie​ ad uno script che affian​ca​ denun​cia​ ambien​ta​le​ e reden​zio​ne​ socia​le, Van Sant torna alle quali​tà​ reto​ri​che​ e deci​sa​men​te​ mainstream​ che ne aveva​no​ carat​te​riz​za​to​ la produ​zio​ne​ dei primi anni 2000, allon​ta​nan​do​si​ dalle atmo​sfe​re​ raccol​te​ e rifles​si​ve​ della sua trilo​gia​ “contem​pla​ti​va”​ (Elephant, Last Days, Paranoid Park) – proba​bil​men​te​ la vetta più alta della sua carrie​ra​ arti​sti​ca​ -, così come dalla deli​ca​tez​za​ melo​dram​ma​ti​ca​ di Restless – L’amore che resta.

Lunga​men​te​ affa​sci​na​to​ dalla figu​ra​ dell’ou​tsi​der​ vinci​to​re​ e dalle sue battaglie​ tanto indi​vi​dua​li​ (Will Hunting, Scoprendo Forrester) che colletti​ve​ (Milk), Van Sant attua con Promised Land un deci​so​ cambio​ di rotta, rileg​gen​do​ l’attua​lis​si​mo​ tema dello scontro​ tra grandi​ corpo​ra​tions​ e pove​ra​ gente in tempo di crisi non già dalla prospet​ti​va​ delle vitti​me,​ ma da quella​ dei carne​fi​ci​. Sempre​ ammes​so​ che tali si possa​no​ defi​ni​re​.

Nella loro devo​zio​ne​ al mestie​re,​ Steve Butler​ e Sue Thoma​son​ (splendi​da​ McDormand nella parte di “spalla”​ cini​ca​ e sarca​sti​ca)​ non riesco​no​ infatti​ a gene​ra​re​ nello spetta​to​re​ il preve​di​bi​le​ disprez​zo​ richie​sto​ dal ruolo. Per gli inge​nui​ abitan​ti​ di McKin​ley​ (ma potreb​be​ esse​re​ Dish, Texas, o Lafayette,​ Louisia​na,​ inqua​dra​ta​ dall’al​to​ ogni città ha lo stesso​ aspetto​ da model​li​no)​ il nemi​co​ da fronteg​gia​re,​ ed eventual​men​te​ da caccia​re​ a forza di voti contra​ri,​ non è un’enti​tà​ astratta,​ una multi​na​zio​na​le​ solo logo e niente​ volto, ma una coppia​ di vendi​to​ri​ dalla faccia​ puli​ta,​ cordia​le​ e appa​rente​men​te​ onesta​.

Il cliché​ della class-action​ in dife​sa​ degli oppres​si​ à la Erin Brokovich lascia allo​ra​ il posto al raccon​to​ di ostraci​smo​ e gradua​le​ presa di coscien​za​ dell’op​pres​so​re,​ che ritro​va​ le proprie​ radi​ci​ rura​li​ nel contat​to​ con il microco​smo​ di provin​cia,​ senza più dover​si​ trave​sti​re​ per “sembra​re​ uno del posto”. La figu​ra​ di Steve Butler​ esce dallo schema​ vansan​tiano​ soltan​to​ in super​fi​cie,​ poiché​ grazie​ ad essa il regi​sta​ coglie​ l’oppor​tu​ni​tà​ di racconta​re​ una parte di sé: il ragaz​zo​ del Kentuc​ky​ che fugge dalla terra nata​le​ per farvi infi​ne​ ritor​no,​ con una rappre​sen​ta​zio​ne​ nostal​gi​ca​ e, perché​ no, ironica​ («Two hours outsi​de​ any city looks like Kentuc​ky»)​ e volu​ta​men​te​ stereoti​pi​ca​ (tra “open-mic nights” e “gun’s shops”), del picco​lo​ buco di provincia​ a cui conti​nua​ ad appar​te​ne​re​ nel profon​do​.

Il mana​ger​ in comple​to​ elegan​te,​ che presen​zia​ a riunio​ni​ d’affa​ri​ snoccio​lando​ nume​ri​ e stati​sti​che​ vincen​ti​ nell’in​ci​pit​ del film, scompa​re​ progres​siva​men​te​ per torna​re​ ad incarna​re​ il giova​ne​ “monta​na​ro”​ educa​to​ secondo i valo​ri​ fami​lia​ri,​ e ovvia​men​te​ naziona​li,​ della giusti​zia​ e della since​ri​tà​ radi​ca​le​. ”Dimmi la veri​tà​ e tutto ti sarà perdona​to”:​ è in fondo questa​ la sola mora​le​ cui Steve possa infi​ne​ perve​ni​re,​ cele​bra​ta​ non sullo sfondo​ fotogra​fi​co​ della deva​sta​zio​ne​ eco-zoolo​gi​ca​ ma su quello,​ imman​ca​bi​le,​ della bandie​ra​ a stelle​ e strisce​.

Travol​ta​ dall’af​fla​to​ reto​ri​co​ delle sue conclu​sio​ni,​ la bella intui​zio​ne​ di Damon e Krasinski, la momen​ta​nea​ vira​ta​ thril​le​ri​sti​ca​ che inchio​da​ e smasche​ra​ i biechi​ inte​ressi​ azienda​li,​ perde il proprio​ morden​te,​ ripie​gan​do su un fina​le​ che esalta​ nuova​mente​ e senza sorpre​se​ i valo​ri​ intrin​se​ci​ alla demo​cra​zia​ ameri​ca​na,​ pala​di​na​ della lotta alla menzo​gna​ in tutte le sue forme, peggio​ che mai se ai danni della comu​ni​tà​.

Ed è già nel tito​lo,​ saggia​men​te​ non tradot​to​ per il merca​to​ nostra​no,​ che il senso del film di Van Sant si esplica​ in prima battu​ta​. Perchè​ la “terra promes​sa”​ non è quella​ dei lotti acqui​sta​ti​ a forza di raggi​ri​ e prezzi​ falsa​ti,​ non è l’oasi​ che gli abitan​ti​ di McKin​ley​ sperano​ di poter raggiun​ge​re​ con il rica​va​to​ dei loro incau​ti​ inve​sti​men​ti​. È la terra da preser​va​re,​ da non svende​re​ per non svende​re​ se stessi,​ e a cui fare ritor​no​ per sentir​si​ a casa: una terra senza prezzo,​ che nemme​no​ la dispe​ra​zio​ne​ e i “fuck you money” di questo​ mondo posso convin​ce​re​ a dare via.

“What’s​ your price?”, doman​da​ la tag-line​ del film, dipin​gen​do​ lo scena​rio​ di un’eco​nomia​ al collas​so,​ dove tutto, o quasi, può esse​re​ compra​to​ abusando​ delle debo​lez​ze​ altrui,​ ma in cui la vera lezio​ne​ di vita è impar​ti​ta​ da una ragaz​zi​na​ che vende limo​na​ta​ con enco​mia​bi​le​ onestà​. E fa quasi tene​rezza,​ nella sua volu​ta​ inge​nui​tà,​ il desi​de​rio​ di Van Sant di farci crede​re​ nell’im​por​tan​za​ delle “umili tame​ri​ci”​ di virgi​lia​na​ memo​ria:​ l’amo​re,​ la famiglia,​ i figli, la liber​tà​ dalle pressio​ni​ di un lavo​ro​ che ”è solo un lavo​ro”,​ perfi​no​ nel momen​to​ fata​le​ della Crisi. D’altron​de​ nella bellez​za​ della sempli​ci​tà​ che il cine​ma​ di Van Sant ha sempre​ trova​to​ la sua massi​ma​ forma d’espres​sio​ne,​ nelle “picco​le​ cose umili e silen​zio​se”​ cui è avvez​za​ la gente che non cerca l’inu​ti​le,​ ridon​dan​te​ grandio​si​tà​. E nono​stan​te​ le faci​li​ ovvie​tà​ di sceneg​gia​tu​ra,​ anche Promised Land conserva​ la capa​ci​tà​ di raccon​ta​re​ il reale, nella sua contin​gen​za econo​mi​ca​ più imme​diata,​ con tene​rez​za​ e un senso di vibran​te​ empa​tia,​ facen​do​ci​ crede​re​ davve​ro,​ anche solo per un momen​to,​ che i soldi non facciano​ la feli​ci​tà,​ e nemme​no​ la sere​ni​tà​.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: