1981: Indagine a New York

MV5BMjE4OTY4ODg3Ml5BMl5BanBnXkFtZTgwMTI1MTg1MzE@._V1_SY1000_CR0,0,675,1000_AL_

A Most Violent Year – Emirati Arabi Uniti/Stati Uniti 2014 – di J.C. Chandor

Azione/Crime/Drammatico – 125′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

New York, 1981. Nell’anno piú violento nella storia della cittá, Abel Morales (Oscar Isaac), ambizioso proprietario di una compagnia di trasporto petrolifero, ha trenta giorni per chiudere l’affare della vita. I concorrenti non si faranno tuttavia scrupoli ad ostacolarlo, cosí come il detective Lawrence (David Oyelowo) ad esporne le presunte irregolari fiscali. Spronato dalla moglie (Jessica Chastain) a difendere business e famiglia, Abel dovrà decidere se restare fedele al proprio credo o se sacrificare la propria integri morale sull’altare del successo.

E’ stata defi​ni​ta​ una delle sele​zio​ni​ più sessi​ste​ ed etno​cen​tri​che​ degli ulti​mi anni, specialmen​te​ dopo l’esclu​sio​ne​ di Ava Duvernay dal palma​res​ dei poten​zia​li​ miglio​ri​ regi​sti​ e l’inclu​sio​ne,​ “per conso​la​zio​ne”,​ di Selma nella corsa al miglior​ film, ma a far noti​zia​ sono stati anche, e soprattut​to,​ i “grandi​ snobba​ti”​ Jennifer Aniston e Jake Gyllenhaal per le rispet​ti​ve​ inter​pre​ta​zio​ni​ in Cake e Nightcrawler. Pecca​to​ che uno degli esclusi​ più illu​stri​ dell’im​mi​nen​te​ 87esi​ma​ edizio​ne​ degli Oscar non abbia rice​vu​to​ il mede​si​mo​ tratta​men​to​ media​ti​co​.

Opera terza di J. C. Chandor, promes​sa​ (ormai più che mante​nu​ta)​ della New New Wave ameri​ca​na​ quanto​ Bennett Miller e James Gray – al cui stile sembra​ qui ispirar​si​ in modo parti​co​la​re​ – A Most Violent​ Year subi​sce​ l’ingiu​sta​ indif​fe​ren​za​ dell’A​ca​de​my​ ma non della criti​ca,​ che vede nell’ul​ti​mo​ film del regi​sta​ statu​ni​ten​se​ la confer​ma​ di un talen​to​ già piena​men​te​ espresso​ con i prece​den​ti​ Margin Call (2011) e All is Lost (2013).

A.O. Scott sul New York Times lo ha consi​de​ra​to​ il capi​to​lo​ conclu​si​vo​ di una poten​zia​le​ trilo​gia​ inti​to​la​ta​ “The Soul of Man Under Capi​ta​li​sm”,​ iniziata​ con uno dei ritrat​ti​ più terri​fi​can​ti,​ nella sua spieta​ta​ preci​sio​ne,​ delle corpo​ra​tions​ sull’or​lo​ della crisi econo​mica,​ e conti​nua​ta​ in modo più inti​mista​ con la para​bo​la,​ non meno spaven​to​sa​ ma quanto​me​no​ aperta​ alla speran​za,​ di un uomo lascia​to​ a se stesso​ nella soli​tu​di​ne​ leta​le​ del mare aperto​.

Come i “coeta​nei”​ Paul Thomas Anderson, Bennett​ Miller​ e James Gray, ma con un’agen​da​ più preci​sa​ e siste​ma​ti​ca​ (un film ogni due anni esatti,​ una buona media in termi​ni​ holly​woo​dia​ni),​ Chandor​ aspira​ allo​ra​ a raccon​ta​re​ un brandel​lo​ d’Ame​ri​ca​ attra​ver​so​ la corni​ce​ della ricostru​zio​ne stori​ca​ di stampo​ finzio​na​le​. E come nel cine​ma​ di Gray in modo parti​cola​re,​ la New York degli ameri​ca​ni​ “d’impor​ta​zio​ne”​ (immi​gra​ti​ o citta​di​ni​ di secon​da​ gene​ra​zio​ne)​ fa da sfondo​ ad una storia​ di violen​za​ e corru​zio​ne, quasi un western​ contem​po​ra​neo​ o un gangster​ film fuori​-tempo,​ che tutta​via​ sfida le aspetta​ti​ve​ di gene​re​ attra​ver​so​ la costru​zio​ne​ di un perso​naggio​ dalla statu​ra​ mora​le​ appa​ren​te​men​te​ intoc​ca​bi​le​.

Porta​to​ in vita dall’in​ter​pre​ta​zio​ne​ soli​dis​si​ma​ di Oscar Isaac (che per due anni di fila si guada​gna​ l’appel​la​ti​vo​ di “Oscar snub” per eccel​len​za,​ eppu​re​ non batte ciglio),​ Abel Mora​les​ incar​na​ infat​ti​ il proto​ti​po​ di un eroe inatte​so,​ che alla via faci​le​ prefe​ri​sce​ l’ostina​zio​ne​ del duro lavo​ro,​ alla riven​di​ca​zio​ne​ violen​ta​ il confron​to​ paca​to​ (ma spietato),​ alla viri​li​tà​ ostenta​ta​ e arma​ta​ (per compen​sa​zio​ne)​ la masco​li​ni​tà​ razio​na​le​ che alla supre​ma​zia​ fisi​ca​ prefe​ri​sce​ quella​ dell’in​tel​let​to​. Non è allo​ra​ tanto “Mr. Fucking​ Ameri​can​ Dream” – come lo defi​ni​sce​ con sarca​smo​ la consor​te​ – ad incar​na​re​ il vecchio​ adagio​ de “il fine giusti​ca​ i mezzi”, quanto​ piutto​sto​ la moglie​-vira​go​ (ma non pazza, chiosa​ Jessica Chastain, che di para​go​ni​ con la Lady MacBe​th​ shake​spea​ria​na​ non vuol sentir​ parla​re),​ cui il lavo​ro​ sporco​ sembra​ non dispia​ce​re​ – alme​no​ fino alle sue più drasti​che​ conse​guenze​.

Costrui​to​ secon​do​ la traiet​to​ria​ inver​sa​ di un dramma​ di reden​zio​ne,​ quello di Abel (nomen omen) è piutto​sto​ il percor​so​ di progres​si​va​ corru​zio​ne​ di un uomo che ha fatto del lavo​ro​ onesto​ il proprio​ vanto, ma a cui in realtà sembra​ sfuggi​re​ il signi​fi​ca​to​ pieno del concet​to​ stesso​ di “onestà”,​ al punto da ignora​re​ le conse​guen​ze​ fata​li​ della propria​ realiz​za​zio​ne​ perso​nale​ sui più debo​li​ (l’auti​sta​ Julian/​Elyes Gabel). E non è certo un caso che il setting​ stori​co​ del film coinci​da​ allo​ra​ con “l’anno​ più violen​to”​ del titolo,​ quasi che l’entro​pia​ senza barrie​re​ della New York in preda ad un rigurgi​to​ di gangste​ri​smo​ possa offri​re​ l’uni​ca​ ambien​ta​zio​ne​ possi​bi​le​ all’al​tera​zio​ne​ del princi​pio​ del “più giusto”​ profes​sa​to​ da Abel nelle sequen​ze​ fina​li​ del film.

Pelli​co​la​ dagli altis​si​mi​ impe​ra​ti​vi​ cate​go​ri​ci​ di respi​ro​ kantia​no,​ A Most Violent Year bene​fi​cia​ dell’im​pres​sio​nan​te​ (capo)lavo​ro​ di Bradford Young alla foto​gra​fia​ per esplicita​re​ la pregnan​za​ del suo affla​to​ mora​le​ non solo a livel​lo​ narra​ti​vo,​ ma anzi​tut​to​ visi​vo​. Alla lumi​no​si​tà​ taglien​te​ e para​dos​sal​men​te​ inquie​tan​te​ del river​be​ro​ inver​na​le​ si affian​ca​ infat​ti​ un’oscu​ri​tà​ ingom​bran​te,​ a tratti​ debi​li​tan​te​ per l’occhio​ dello spetta​to​re,​ cui non è consen​ti​to​ deci​fra​re​ ciò che si agita nel buio: nell’al​ter​nan​za​ di luci e ombre si esplici​ta​ allo​ra​ la lotta inte​rio​re​ del Bene e del Male, che sul volto di Anna Mora​les​ (quasi sdoppia​to​ in termi​ni​ lumi​ni​sti​ci)​ stabi​li​sce​ il proprio​ piano d’esi​sten​za​.

Dopo aver speri​men​ta​to​ la riusci​ta​ di un film di “pura” scrittu​ra​ (Margin​ Call) ed uno di “pura” regia (All is Lost, prati​ca​men​te​ privo di dialo​ghi),​ Chandor​ trova in A Most Violent Year il punto d’incon​tro​ di entram​bi,​ arri​vando​ a realiz​za​re,​ forse, la sua opera più compiu​ta​. La tenu​ta​ dell’im​pian​to tragi​co​ e perfet​ta​men​te​ cali​bra​to​ della sceneg​gia​tu​ra​ – firma​ta​ dallo stesso​ regi​sta​ – si accom​pa​gna​ al rigo​re​ forma​le​ di una messa in scena calcola​ta​ al detta​glio,​ in cui la claustro​fo​bia​ degli spazi unici dei film prece​denti​ lascia​ il posto all’e​splo​ra​zio​ne​ di una geogra​fia​ urba​na​ non meno metafi​si​ca,​ special​men​te​ nelle scene d’inse​gui​men​to​ mozza​fia​to​ tra strade presso​chè​ deser​te​ e colon​ne​ alienan​ti​ di auto​mo​bi​li​ in coda, in cui le musi​che​ dal sapo​re​ western​ di Alex Ebert risuo​na​no​ minac​cio​se.

Ritro​va​re​ il cine​ma​ di Chandor,​ sorpre​sa​ prima anco​ra​ che promes​sa​ della produ​zio​ne​ ameri​ca​na​ “d’auto​re”​ degli ulti​mi​ anni, è allo​ra​ come ritor​na​re​ a casa dopo un lungo viaggio​ e risco​prir​vi​ il confor​to​ delle certez​ze​ dome​stiche​. Allo scorre​re​ dei tito​li​ di coda si ha l’impres​sio​ne​ di aver assi​sti​to​ a qualco​sa​ di compiu​to​ e compat​to,​ un film che non è solo prova di otti​mo​ cinema​ ma anche dimo​stra​zio​ne​ di grande​ consa​pe​vo​lez​za​ regi​sti​ca​ e narra​tiva,​ e che del rico​no​sci​men​to​ vuoto della statuet​ta​ di rito non se ne fareb​be comun​que​ un granchè​.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: